Simulacro di vita

di James Hansen del February 13, 2021

La pandemia Covid è arrivata inattesa. Come reazione, il lavoro a distanza è stato organizzato in fretta e furia, improvvisato, un intervento d’emergenza temporanea. Perdurando invece, ha finito per sfasciare lo spirito di gruppo aziendale, isolando i singoli quando agli effetti pratici il “gruppo” non c’è più.

Le imprese cominciano a porsi il problema di come mantenere tra i dipendenti il necessario - o almeno molto utile - senso di appartenenza. C’è ormai un fiorire di iniziative intese a mantenere almeno un simulacro di vita aziendale, riproducendo a distanza le interazioni sociali che “prima” si svolgevano davanti alla macchina del caffè o aspettando di avere accesso alla fotocopiatrice.

La prima crisi di socialità si è fatta sentire con i mancati festeggiamenti per il Natale. Quello che era un momento di assoluta eccezionalità è ormai regola e non pare passerà presto. È diventato vitale creare almeno l’illusione che i dipendenti si conoscano tra loro, che si facciano un’idea di chi sono i colleghi con cui lavorano.

Gli strumenti che si stanno sperimentando partono dai quiz a premi online, dal Bingo alle cacce al tesoro in casa (“Chi è il primo a farci vedere un vaso cinese?”), ai lunch virtuali dove i colleghi si accordano per consumare il pasto “insieme” in via telematica. Classi di yoga e di meditazione - sempre virtuali - sono ormai all’ordine del giorno.

Un’iniziativa particolarmente curiosa, di una società inglese, è “Guess the fridge”, dove i partecipanti indovinano in base all’immagine dell’interno di un frigorifero chi sia il proprietario. L’idea è carina e forse efficace, ma ci sarà mai qualcuno che non avrà pensato prima di togliere di mezzo la bottiglia di vodka e gli avanzi un po’ troppo “avanzati”? E poi, bisogna conoscersi già per rispondere alla domanda implicita di “Chi è tra noi che terrebbe in frigo solo dei vasetti di yogurt greco?”. Non esiste in tutto questo il meccanismo per assorbire i nuovi arrivati, e forse nemmeno il modo di conoscere veramente le persone per come sono ogni giorno.

No, i giochini online non sono la stessa cosa del contatto “reale”. Sono un’imitazione molto pallida, ma sono “ciò che passa il convento” per ora.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.