Scuole che generano
ignoranza e assassini

di Joe Volpe del February 22, 2022

TORONTO - La scorsa settimana, le comunità scolastiche del Nord America hanno ricevuto due "campanelli d’allarme". Il primo riguardava l'omicidio di uno studente diciottenne da parte di un assassino quattordicenne, nei corridoi della scuola che frequentavano entrambi, David e Mary Thompson Collegiate (DMTC), a Toronto, proprio al termine delle lezioni.

Il gioco delle colpe è iniziato subito, come se fosse stato il momento giusto. Da parte nostra al Corriere Canadese, il nostro primo istinto è stato quello di esprimere condoglianze e vicinanza. Quali genitori vorrebbero mandare i propri figli in una tale scuola o addirittura in un tale provveditorato scolastico? È difficile essere ragazzi, soprattutto perché non hai esperienza nella vita e il tuo senso di responsabilità è praticamente inesistente, tranne per quello che gli adulti intorno a te ti inculcano.

Forse rifacendosi ai giorni in cui il "merito" nobilitava giovani uomini e donne, DNTC ha preso il motto Nil Sine Magno Labore (non hai niente se non lo guadagni, di solito con grande sforzo) per la sua comunità scolastica.

Il Toronto District School Board (TDSB), di cui DNTC fa parte, ha adottato qualcosa un po' più "meno impegnativo" e meno vincolante, come dichiarazione del suo obiettivo: "Per consentire a tutti gli studenti di raggiungere alti livelli di rendimento e benessere e acquisire le conoscenze, le capacità e i valori di cui hanno bisogno per diventare membri responsabili e contribuenti di una società democratica e sostenibile”. Tradotto: sii il meglio che puoi essere, ma come devi scoprirlo tu.

Dovremmo chiedere a Brendan Browne, uno dei suoi ex sovrintendenti senior, come fare. La sua ideologia Woke gli ha permesso di sfruttare i "valori" che ha supervisionato al TSDB nel ruolo più importante del Catholic Board. Le scuole cattoliche hanno già un'etica e uno scopo sanciti dalla costituzionalità e dal diritto; non è la legge o la religione del wokismo. Il TCDSB è in fermento sin dal suo arrivo. Probabilmente puramente casuale.

In secondo luogo, gli elettori dello Stato più liberale e progressista degli USA, la California, hanno espresso il loro disgusto per il progressismo e il wokismo, la nuova religione del 21° secolo. A San Francisco, probabilmente la città più woke, il 70% degli elettori che hanno votato ha dichiarato di averne abbastanza.

Con una mossa apartitica, il loro sindaco, con il sostegno di un voto pubblico (in cui ha avuto un ruolo di primo piano), ha revocato (licenziato) tre commissari per l'istruzione (trustees). Tutti i politici sono Democratici iscritti. Praticamente tutti i principali giornali statunitensi hanno riportato la storia, tramite l’agenzia Associated Press (AP).

La California non è uno stato del terzo mondo. Il suo PIL è valutato a 2,85 trilioni di dollari americani, quello canadese a 1,75 trilioni di dollari americani. In termini di popolazione, le ultime stime collocano lo Stato a 39,5 milioni di abitanti, il Canada a 38 milioni.

Negli anni '60 e all'inizio degli anni '70, i consigli scolastici dell'Ontario si facevano in quattro per scimmiottare qualunque pedagogia e innovazione strutturale di supporto emerse dal Golden State. Le scuole "open concept" - la tendenza dell'ideologia woke del giorno - erano piuttosto di moda.

Sfortunatamente, solo quelle scuole che hanno applicato i modelli più convenzionali e collaudati basati sulle "Tre R: reading, [w]'riting e [a]"rithmetic" (lettura, scrittura e aritmetica) hanno avuto successo. Le scuole private e le scuole che miravano a curricula basati sul merito hanno registrato un boom nella loro crescita.

Gli educatori negli Stati Uniti ora sembrerebbero aver raggiunto quella realtà. Il sindaco di San Francisco, lo ha espresso in questo modo sul suo feed Twitter: "Gli elettori di questa città hanno trasmesso un chiaro messaggio che il consiglio scolastico deve concentrarsi sugli elementi essenziali per fornire soprattutto un sistema scolastico ben gestito", il sindaco London Breed, una donna di colore, ha affermato nella sua dichiarazione: "San Francisco è una città che crede nel valore delle grandi idee, ma quelle idee devono essere costruite sulle fondamenta di un governo che fa bene l'essenziale".

Gli amministratori wokisti di Halton Catholic, nel frattempo, come i loro colleghi a Toronto, consumati com'erano dalla loro mentalità di annullamento della cultura, sono determinati a erodere le garanzie costituzionali e i valori del sistema cattolico basato sulla fede, che ha servito bene i cattolici. Il direttore Browne del TCDSB, temendo che i suoi studenti potrebbero non raggiungere nemmeno la sufficienza, ha chiesto al ministro di consentire al Provveditorato di evitare di testare i suoi ragazzi quest'anno.

Tutte scuse. Il TCDSB ha annunciato che a settembre c'erano 5.000 studenti in meno rispetto a quanto previsto.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.