Il lupo italiano è di nuovo a rischio,
ma stavolta per l’ibridazione

di Marzio Pelu del April 27, 2021

ROMA - Il lupo italiano è a rischio. Proprio quando l’animale aveva ripreso a popolare gli appennini della Penisola, è scattato un nuovo allarme che mette a rischio la sua esistenza: l’ibridazione.

A rimarcarlo è un recente studio condotto dall’Università Sapienza di Roma (qui un estratto: Lupo: l’ibridazione con il cane domestico mette a rischio la conservazione della specie) in collaborazione con il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano, l’Istituto superiore per la ricerca e la protezione ambientale (Ispra) e il Centre Nationale de la Recherche Scientifique (Francia), pubblicato sulla rivista The Journal of Wildlife Management (Estimating Admixture at the Population Scale: Taking Imperfect Detectability and Uncertainty in Hybrid Classification Seriously). Un allarme già evidenziato da un altro progetto, il “Mirko Lupo” (http://www.lifemircolupo.it/), svolto sul campo proprio nell’Appennino tosco-emiliano e finalizzato a minimizzare l’impatto del randagismo canino (che poi genera l’ibridazione) sulla conservazione del lupo in Italia (la foto in alto è tratta dal sito del progetto "Mirko Lupo").

Com’è noto, il cane domestico è il risultato di una forte selezione attuata dall’uomo e di millenni di isolamento riproduttivo dal lupo, nel corso dei quali l’animale ha sviluppato comportamenti più appropriati alle necessità umane e profondamente diversi rispetto al suo progenitore selvatico. Ma dal punto di vista biologico il cane e il lupo sono la stessa specie e in determinate circostanze possono accoppiarsi e generare ibridi fertili. Ed è quanto sta avvenendo, in modo massiccio, da diversi anni, sia per l’espansione del lupo in aree maggiormente antropizzate, sia per il fenomeno del randagismo canino. I due animali, lupo e cane, hanno  oggi maggiori occasioni di incontro che in passato. E l’ibridazione è quasi inevitabile.

Basti pensare che nell’ambito dello studio condotto dall’Università La Sapienza di Roma, sulla base di 152 campioni raccolti, corrispondenti a 39 lupi in 7 branchi differenti, i ricercatori hanno stimato una prevalenza di ibridazione del 70%, con individui ibridi presenti in almeno 6 dei 7 branchi monitorati. Inoltre, attraverso la ricostruzione genealogica è stato accertato che in almeno due di questi branchi gli individui ibridi godono dello status di riproduttori, e sono in grado quindi di tramandare le varianti genetiche di origine canina alle generazioni successive.

I risultati dello studio evidenziano quanto sia fondamentale non ignorare il fenomeno e mettere in campo tutte le migliori competenze e capacità gestionali per preservare l’integrità genetica del lupo. Il rischio di estinzione genomica oggi supera, infatti, quello dell’ estinzione demografica. E se nei primi anni ’70, quando il lupo sembrava quasi scomparso dall’Italia, si tentò di proteggere la specie, oggi è la stessa identità genetica del lupo che è messa a rischio come conseguenza, paradossalmente, delle dinamiche espansive della specie stessa. Oltre che dell’elevato numero di cani vaganti.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.