L’oro nero domina il mix
energetico mondiale

di Priscilla Pajdo del June 22, 2021

TORONTO - Ultimamente, più veicoli sembrano essere sulle strade e volano più aerei. Quel che hanno in comune è il bisogno di carburante per funzionare. L'economia globale fa affidamento sull'energia per prosperare. Prendendo in considerazione tutte le fonti di energia appare che il petrolio regna sovrano.

Secondo la BP Statistical Review of World Energy 2020, il petrolio rappresenta quasi un terzo del mix energetico globale. Detiene la quota maggiore di energia primaria al 33%, rispetto a tutte le fonti tra cui carbone, gas naturale, idroelettrico, nucleare e rinnovabili. (vedi grafico 1)

Le ragioni della sua popolarità sono ovvie. Usato come carburante per i trasporti, il petrolio fa funzionare le macchine e aiuta i produttori di energia. Viene utilizzato per generare elettricità per illuminare le case e come materia prima per fertilizzanti. Anche la produzione della plastica inizia con il petrolio.

Essendo una delle risorse naturali più apprezzate della terra, il petrolio si trova nelle riserve di tutto il mondo. Nascoste tra gli strati rocciosi sotto la superficie terrestre, le riserve globali hanno misurato oltre 1,73 trilioni di barili di petrolio nel 2019.

Tra i primi dieci paesi con le maggiori riserve, il Canada è al terzo posto con quasi il dieci percento della quota globale, pari a 170 miliardi di barili. Quasi il 97% della miniera di "oro nero" della nazione è contenuta nelle sabbie bituminose dell'Alberta.

Il primo paese leader che detiene la quota maggiore di riserve globali è il Venezuela con il 17,8%. Ciò si traduce in un equivalente di 304 miliardi di barili, quasi il doppio di quello canadese. (vedi grafico 2)

Sebbene questi paesi siano in cima alla lista per quanto riguarda la quantità di petrolio recuperabile in alcune regioni, ciò non significa necessariamente che siano tra i primi produttori di petrolio.

Ad esempio, gli Stati Uniti sono il primo produttore mondiale, nonostante detengano solo il 4% delle riserve globali. Nel 2019, gli Stati Uniti hanno prodotto poco più di 17 milioni di barili al giorno (Mbpd). Si tratta di circa tre volte la produzione nazionale canadese di 5,6 Mbpd (vedi grafico 3).

A livello globale, nel 2019, ogni giorno sono stati prodotti circa 95 milioni di barili di petrolio. In effetti, i primi cinque paesi produttori di petrolio sono responsabili di poco più della metà di tutta la produzione mondiale.

Il Canada è un grande contribuente all'industria petrolifera. A un tasso di produzione medio di 5,6 Mbpd, ci vorrebbero circa 83 anni per esaurire le riserve petrolifere della nazione (di circa 170 miliardi di barili). Con l'evoluzione della tecnologia, le risorse recuperabili nelle sabbie bituminose sono stimate in oltre 300 miliardi di barili.

Per metterlo in prospettiva, un solo barile di petrolio può produrre abbastanza benzina per guidare un'auto di medie dimensioni per oltre 450 km. Può anche produrre quasi 70 chilowattora di elettricità in una centrale elettrica generata da combustibile residuo.

Nonostante un crescente slancio verso fonti di energia "verde" guidato da politiche per ridurre le emissioni di gas serra e preoccupazioni per il cambiamento climatico, per ora, il petrolio rimane una risorsa significativa nell'approvvigionamento globale di carburante.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.