TDSB: “woke” sì,
“sveglio” non tanto

di Joe Volpe del 5 December 2022

TORONTO - La manifestazione degli studenti, venerdì 2 dicembre, presso il liceo accorpato di Keele Street (George Harvey e York Memorial: qui il nostro servizio di venerdì) è stata impressionante per diversi motivi. Uno, era pacifica e generalmente ben temperata. Due, al suo apice, c'erano, secondo il mio conteggio approssimativo (contestato da altri resoconti dei media interessati a gonfiare i numeri), circa 150 partecipanti (poco più del 10% del corpo studentesco registrato). Tre, gli studenti erano pronti a lanciare un messaggio in risposta alla pubblicità estremamente negativa che le loro scuole hanno ricevuto nei recenti resoconti della stampa e dei media.

Bene. Per quello che vale, il semplice fatto che il "walk out" abbia avuto luogo suggerisce che alcuni temono che le scuole e i loro studenti siano messi in "cattiva luce".

In sostanza, da segnalazioni e controaccuse, tutti possono convenire che le condizioni igienico-sanitarie della scuola lasciano molto a desiderare. I bagni non vengono puliti regolarmente, assenza di carta igienica, sapone per il bucato, indisponibilità di prodotti per l'igiene femminile, bagni senza porte o con quelle mal funzionanti che non garantiscono la privacy. Non siamo stati invitati a visitare la scuola.

CUPE, il sindacato i cui membri sono responsabili della “manutenzione fisica” della scuola, non era presente alla manifestazione né è stato citato. Il sindacato è stato il protagonista nella recente situazione di stallo per convincere il governo provinciale ad aumentare il pacchetto salariale del personale scolastico, minacciando di chiudere le scuole se non avessero ottenuto ciò che volevano.

Dal punto di vista della "classe", gli studenti si sono lamentati del fatto che, in alcuni casi, devono ancora incontrare i loro professori, che sarebbe quelli che "fissano loro la giornata dal punto di vista amministrativo". Altri hanno indicato l'assenza dei loro insegnanti di materia per giorni interi, senza sostituzione. Non ci sono stati nemmeno insegnanti identificati nella manifestazione, anche se un paio di loro all'ingresso della scuola hanno dichiarato di non avere problemi con la protesta, avendo avvisato gli studenti che la loro "non obiezione" era condizionata alla disponibilità degli studenti ad essere rispettosi.

Se non altro, gli studenti sono stati compiacenti, riconoscendo che ci sono degli insegnanti davvero bravi, anche se uno degli studenti relatori ha sottolineato la mancanza di interesse da parte del sindacato degli insegnanti, OSSTF. Questo gruppo è il prossimo nel giro di negoziati. La domanda allettante sollevata è "di chi è la colpa" per il caos a scuola?

Incredibilmente, nessuno poteva o voleva identificare il nome del preside, o di uno qualsiasi dei vicepresidi: gli amministratori. L'immagine dipinta di questi amministratori è che hanno anche rinunciato ai loro doveri e obblighi (nessuno vuole quegli incarichi lavori, quindi stanno alla larga). C'è da meravigliarsi, hanno chiesto retoricamente alcuni studenti, che ci siano risse a scuola. Gli stessi studenti si dichiarano innocenti.

Quando è stato loro chiesto se la presenza della polizia potrebbe essere d'aiuto, hanno reagito negativamente al semplice suggerimento che gli agenti dovessero essere presenti nella scuola. I poliziotti sono infatti dipinti come un elemento negativo, minaccioso. È interessante notare che durante la marcia non c'era un agente di polizia o un veicolo della polizia in vista. Una stazione di polizia si trova a circa un chilometro a ovest dal sito dello York Memorial ora in fase di ricostruzione.

Diversi membri attivisti di un Community Hub locale (finanziato pubblicamente) sembrano aver riempito il vuoto di insegnanti/consiglieri di orientamento e consulenti degli studenti per l'evento. Sembravano aver mantenuto uno "stretto controllo" su qualsiasi attività potenzialmente eccessivamente turbolenta. Complimenti a loro. Nel settore della comunicazione è importante rimanere sul messaggio. Dal momento che apparentemente servono come consiglieri della polizia, non è esagerato suggerire che "l'assenza della polizia" riflette probabilmente il loro contributo.

Probabilmente avevano anche qualcosa a che fare con l'apparizione quasi dell'ultimo minuto della direttrice del TDSB, Colleen Russell-Rawlins. Per inciso, ho pensato che avesse dimostrato coraggio con la sua presenza. Il super sindaco John Tory era altrimenti occupato. La direttricde ha accettato di incontrare i rappresentanti degli studenti sui loro problemi e di agire di conseguenza.

Gli studenti hanno parlato quasi esclusivamente dei "fondamenti" (l’ABC) dell'istruzione: la lettura, la scrittura e l'aritmetica necessarie per andare avanti nella vita. In termini di istruzione, il TDSB sembra un esercito di generali, senza soldati: ha quarantasette (47) dirigenti, la cui attenzione – secondo il loro sito web - è meglio riassunta dalle "capacità attuali richieste ai leader per identificare ed eliminare le forme sistemiche, locali e individuali di discriminazione (ad esempio, razzismo anti-indigeno, razzismo anti-black, antisemitismo, islamofobia, razzismo anti-asiatico, razzismo anti-sud asiatico, anti-disabilità, omofobia e transfobia), odio e oppressione".

L'organigramma del TDSB rivela un gruppo di vertice di sette sovrintendenti, a livello di direttore o direttore associato (cinque dei quali donne), altri sette membri del gruppo dirigente (quattro dei quali donne), sei sovrintendenti “di sistema”, ventotto altri sovrintendenti suddivisi in quattro centri di apprendimento (sette sovrintendenti per ciascuno). In totale, tra tutti i gruppi ventinove sono donne, ventisei del totale complessivo provengono da minoranze visibili.

Ci si potrebbe aspettare che la leadership sia ben attrezzata per comprendere le sfide degli studenti che manifestano contro le loro condizioni di apprendimento. Solo tre di loro non appartenevano a una minoranza visibile. Tutti sembravano chiedere a gran voce un “processo educativo strutturato”.

Il Fraser Institute classifica le scuole secondarie partecipanti dell'Ontario in base al punteggio ottenuto dagli studenti del nono grado nei test standardizzati EQAO. Prima del Covid, nell'anno scolastico 2018-2019, questi risultati collocavano lo York Memorial al 524esimo posto su un totale di 739 scuole. Il punteggio medio era di 5,1 su 10. Il George Harvey si è classificato 708esimo su 739 con un punteggio medio di 2,4.

I manifestanti urlavano “vogliamo imparare”. I problemi precedono il nono grado e le condizioni d’oggi.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/ 

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.