Kamloops: un’altra scusa formale
attesa da tempo

di Priscilla Pajdo del June 7, 2021

TORONTO - Domenica, Papa Francesco ha espresso sgomento e dolore dopo “il ritrovamento in Canada dei resti di 215 bambini, alunni della Kamloops Indian Residential School (nella foto, risalente agli anni '70) nella provincia della British Columbia”.

Al termine dell'Angelus, recitato domenica insieme alla folla presente in piazza San Pietro, il Papa ha detto di "unirsi ai Vescovi canadesi e a tutta la Chiesa cattolica in Canada nell'esprimere la sua vicinanza al popolo canadese traumatizzato dalla notizia scioccante".

Il Pontefice ha rivolto un appello alle autorità politiche e religiose del Canada “a continuare a lavorare insieme con determinazione per far luce su questo triste evento e ad impegnarsi umilmente in un cammino di riconciliazione e di guarigione”.

Sua Santità ha inoltre sottolineato la necessità di “allontanarsi dal modello coloniale e dalle colonizzazioni ideologiche” e di seguire un percorso di “dialogo, reciprocità e riconoscimento” dei diritti e dei valori culturali di tutti i popoli del Canada.

Il messaggio del Papa arriva due giorni dopo che il primo ministro Justin Trudeau ha fatto pressioni sulla Chiesa cattolica per pubblicare i registri delle scuole residenziali. Venerdì, Trudeau ha invitato i funzionari della chiesa ad assumersi la responsabilità del loro ruolo nel sistema scolastico residenziale e delle atrocità che vi hanno avuto luogo.

Questo "invito all'azione" arriva dopo la scoperta dei resti di 215 bambini in tombe senza nome sul terreno di un'ex scuola residenziale indiana a Kamloops, a.C. La scuola è stata gestita dalla Chiesa cattolica tra il 1890-1969 e poi rilevata dal governo federale fino alla chiusura dei battenti nel 1978.

Finora, la Chiesa cattolica si è opposta alla pubblicazione dei documenti, ostacolando ulteriormente gli sforzi per identificare i bambini sepolti sul terreno. Alcuni sostengono che anche le autorità federali devono averli.
"Come cattolico, sono profondamente deluso dalla decisione che la Chiesa cattolica ha preso ora e negli ultimi anni", ha detto Trudeau durante la conferenza stampa di venerdì. Ha anche ribadito la sua richiesta diretta a Papa Francesco, fatta anni fa, di rendere pubblici gli atti, attuare misure di restituzione e presentare scuse formali.

In tutto il Canada, più di 150.000 bambini delle First Nations, Métis e Inuit sono stati separati dalle loro famiglie e costretti a frequentare scuole finanziate dal governo. La chiesa cattolica gestiva circa il 70% delle scuole residenziali in Canada. Secondo la Commissione per la Verità e la Riconciliazione del Canada, quasi 6mila bambini sono morti mentre frequentavano le scuole, le cause includevano malattie e malnutrizione.

Quasi due settimane fa, il Primo Ministro ha presentato scuse formali per l'internamento degli italocanadesi durante la seconda guerra mondiale, circa 80 anni dopo. È stata un'attesa più lunga per la comunità indigena. Nel 2008, l'allora primo ministro Stephen Harper si è scusato con i sopravvissuti della scuola residenziale e tutti gli indigeni canadesi. La comunità deve ancora sentire le scuse formali dello stesso Pontefice.

Il 5 giugno, secondo l'annuncio quotidiano del Vaticano sulle nomine papali, Papa Francesco ha incontrato due cardinali canadesi con sede in Vaticano. Sia il cardinale Michael Czerny che il cardinale Marc Ouellet si sono impegnati in udienze private separate con Sua Santità. Nonostante l'agenda dell'incontro non sia stata resa nota, si possono solo ipotizzare l'argomento della discussione considerando i recenti avvenimenti in Canada.

I Missionari Oblati di Maria Immacolata (OMI) amministravano e gestivano diverse scuole residenziali in Canada. L'ordine ha consegnato le scuse nel 1991 per il suo ruolo nella gestione della scuola di Kamloops.

Padre Ken Thorson, leader dell'OMI ha rilasciato una dichiarazione a nome dell'ordine, in cui ha detto: "Desidero esprimere la mia sincera tristezza e sincero rammarico per il profondo dolore e angoscia", a seguito della recente scoperta.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.