Un "superamento della giurisdizione"
da parte della Commissione
per i diritti umani dell'Ontario

di Priscilla Pajdo del June 5, 2021

Quest'anno ha segnato una novita' assoluta per molti provveditorati scolastici cattolici in tutta la provincia. Il 1° giugno, il consiglio scolastico del distretto cattolico di Toronto, insieme ai consigli scolastici cattolici di Durham, Niagara e Ottawa, ha innalzato per la prima volta il simbolo del Pride, la bandiera arcobaleno, per celebrare l'inizio del mese del Pride.

La bandiera non è apparsa al consiglio scolastico cattolico nella regione di Halton. Gli amministratori del consiglio scolastico del distretto cattolico di Halton (HCDSB) hanno votato contro una mozione per sventolare la bandiera dell'orgoglio in una riunione del consiglio del 26 aprile. Invece, i fiduciari hanno approvato una mozione che richiedeva al consiglio di fornire una formazione obbligatoria per gli amministratori sul sostegno agli studenti che si auto-identificano come LGBTQ2 + e per aumentare la consapevolezza intorno al mese del Pride.

Mentre altri provveditorati cattolici stavano issando la bandiera fuori dalle loro scuole il 1° giugno, il direttore dell'istruzione dell'HCDSB, Pat Daly e il presidente del consiglio, Patrick Murphy, hanno ricevuto entrambi una lettera dal commissario capo Ena Chadha, della Commissione per i diritti umani dell'Ontario (OHRC).

La lettera affermava essenzialmente: "L'OHRC è rimasto deluso nel sentire che il Consiglio ha rifiutato di accettare la richiesta che la bandiera del Pride fosse issata in tutte le scuole dell'HCDSB". La Commissione Capo ha poi aggiunto: "l'OHRC esorta l'HCDSB a riconsiderare la sua decisione".

Sostenitori della comunità LGBTQ2 + affermano che la bandiera del Pride è un simbolo di amore e inclusione per tutti.

Alcuni sostenitori del sistema educativo cattolico possono considerare la lettera come una tattica del "braccio forte" per fare pressione sul Consiglio affinché inverta la loro decisione.

Altri ritengono fermamente che tali questioni non siano di competenza dell'OHRC. Il Consiglio non ha confermato se intende riesaminare la questione. Né il direttore Daly né il presidente Murphy hanno risposto al Corriere Canadese (CC) prima di andare in stampa.

Tuttavia, il CC ha parlato con Vincent Iantomasi, trustee da Burlington per l'HCDSB. Quando gli è stato chiesto quale fosse la sua reazione alla lettera del commissario capo, ha detto: "sta oltrepassando la sua giurisdizione".

Ha ribadito che come fiduciari di un consiglio scolastico cattolico, "deteniamo diritti confessionali che i nostri antenati ritenevano preziosi, quindi li hanno aggiunti nello statuto e nella sezione 29 della Carta dei diritti e delle libertà. Il Codice dei diritti umani si sottomette alla Carta".

Ha inoltre spiegato: “questo dà ai consigli scolastici cattolici la capacità di creare una comunità basata sulla fede in cui l'istruzione religiosa, la pratica religiosa, la formazione del valore e lo sviluppo della fede sono parte integrante e intrecciata in ogni area del curriculum”.

Per quanto riguarda il simbolo più riconoscibile del cristianesimo – la Croce – che viene visualizzato all’esterno di ogni scuola cattolica, Iantomasi ha affermato che è “il simbolo più potente e che accoglie tutti a braccia aperte”.

La bandiera canadese, che sventola orgogliosamente fuori da tutte le scuole, è forse l'ultimo, “simbolo universale inconfondibile di unità e inclusività per tutti i canadesi, indipendentemente dal loro sesso, orientamento, razza o colore”, ha aggiunto.

Un articolo di Joe Volpe, pubblicato il 1 giugno, fa riferimento alla decisione unanime della Corte Suprema del Canada in una questione non direttamente legata che ha riaffermato "i diritti costituzionali delle organizzazioni religiose volontarie di essere libere dall'interferenza dello stato in materia di dottrina e dogma". (Cliccate qui per l'articolo completo: Sentenza-bomba unanime della Corte Suprema nel "dibattito sulla bandiera")

In tale causa, resa il 21 maggio, l'OHRC non si è costituita come parte civile. Ciò solleva la domanda successiva, perché ora interferire con le questioni all'HCDSB?

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.