Sentenza-bomba unanime
della Corte Suprema
nel "dibattito sulla bandiera"

di Joe Volpe del May 30, 2021

La Corte Suprema del Canada (SCC) sembra aver stabilito le regole di base per qualsiasi discussione sulla legittimità delle scuole cattoliche nei "sistemi di istruzione pubblica" dell'Ontario. In una decisione unanime, resa il 21 maggio 2021, ha sostanzialmente affermato che i tribunali laici non possono intromettersi negli affari delle organizzazioni religiose.

Senza mezzi termini, se qualcuno è in disaccordo con (dissente da) il "dogma"/dottrina di un'organizzazione [religiosa] volontaria, quell'organizzazione ha il diritto di espellerlo dai suoi ranghi. I dissidenti possono andarsene da soli, ma non possono chiedere rimedio allo Stato (in tribunale) per la loro posizione di dissenso.

Cosa significa nel contesto della controversia odierna nella Chiesa cattolica e nelle scuole cattoliche? I consigli scolastici cattolici esistono con garanzie costituzionali perché la legge del paese riconosce quel diritto, quello di definire dogmi, come soggetto solo all'autorità della Chiesa.

Le scuole e la Chiesa vengono lacerate, dall'interno, mentre i sostenitori non conformi delle bandiere del Pride e dei programmi di identità di genere nelle scuole cattoliche cercano di imporre le loro opinioni su un'ortodossia più consolidata. Questi dissidenti ora sembreranno essere dalla parte sbagliata della legge canadese se sceglieranno di rimanere nell'ambiente religioso a cui si oppongono.

Sette, se non otto, amministratori delegati, che hanno deciso di "storcere il naso" di fronte alla "guida" del cardinale sulla vicenda delle questioni di genere e di simboli che sono in conflitto con i simboli religiosi stabiliti, possono ora essere a rischio di licenziamento. Il personale che condivide o promuove le proprie opinioni contro le prassi cattoliche è esposto allo stesso rischio.

Il movimento LGBTQ all'interno dei consigli scolastici come il TCDSB non ha più dalla sua parte un "dubbio ragionevole, legale o morale." EGALE Canada Human Rights Trust, che parla ufficialmente a nome del movimento, è intervenuto nel caso presentato alla Corte che ha portato alla decisione. Il movimento può ancora avviare una propria religione e una propria chiesa. Tuttavia, sembrerebbe non avere diritti legali all'interno dell'ortodossia stabilita e strutturata.

Il contenzioso è nato quando i dissidenti della Chiesa ortodossa etiope di Tewahedo del Canada, cattedrale di St. Mary, hanno cercato di ribaltare la decisione del loro vescovo di espellerli per aver promosso interpretazioni dei principi della Chiesa che sono diverse dal dogma di quest'ultima.

I problemi rispecchiavano quelli rivendicati dai radicali del Pride nel TCDSB (e altrove, da qui l'interesse di EGALE). I dissidenti, visti come eretici e scismatici all'interno della Chiesa, si sono finora conforti attraverso i tribunali secolari sulla base della logica del "contratto" e del "finanziamento".

In una dichiarazione pubblica congiunta rilasciata il 25 maggio 2021, la Lega cattolica per i diritti civili ha commentato che "... le controversie relative a questioni canoniche o dottrinali erano al di fuori dell'ambito di competenza dei tribunali secolari ..."

L'arcivescovo Dimitros Marew della comunità ortodossa etiope ha commentato che “…St. Mary Cathedral risolve le controversie religiose… con la guida pastorale del nostro clero. La decisione della Corte afferma la libertà di continuare a seguire questo insegnamento".

Philip Horgan, avvocato della cattedrale di St. Mary, ha commentato: “Lo stato, compresi i tribunali canadesi, non dovrebbe rimanere invischiato in controversie religiose, dottrinali e pastorali. La decisione della Corte Suprema chiarisce che le organizzazioni religiose, e simili gruppi senza scopo di lucro o di beneficenza, non saranno soggetti a revisione del tribunale, a meno che non siano coinvolti diritti legali o contrattuali sottostanti ".

In seguito alla decisione della SCC, quale sarebbe ora la base per la continua sfida da parte degli amministratori e del personale degli insegnamenti del magistero nell'educazione cattolica? Le riflessioni e i meandri ad hoc dei Consiglieri di Equità o dei suoi Comitati non possono sostituire il contributo del rappresentante del magistero al Consiglio.

Possono desiderare di manifestare disprezzo del giuramento (annuale) di fedeltà al magistero - che fanno come condizione dell'ufficio. Possono ora anche permettersi di dimostrare disprezzo anche per la decisione unanime della Corte Suprema del Canada?

C’è molto da attendersi questa settimana.

ENGLISH VERSION: Unanimous Supreme Court bombshell decision in the “flag debate”

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.