Nota design: John Landis Mason

di James Hansen del July 7, 2021

Ci sono innovazioni talmente importanti e dall’adozione universale che in qualche modo scompaiono, o almeno diventano “invisibili”.

Il signore ritratto qui sopra insieme alla sua merce, John Landis Mason, uno stagnaio americano del 19° secolo, fu l’inventore del tappo a vite e anche della “moderna” saliera da tavola. Entrambi furono da lui brevettati nel 1858.

Per il sale probabilmente avremmo potuto proseguire a prenderne un pizzico tra le dita per condire le pietanze, ma il tappo a vite è basilare.

Lo usiamo svariate volte ogni giorno senza neanche accorgercene. Se n’è persa la memoria, ma fino almeno ai primi anni del secolo scorso le conserve perlopiù erano preservate o sott’olio (in Italia e nei paesi dove cresce l’ulivo) oppure sigillate precariamente in vasi chiusi con uno strato di cera solidificata. I medicinali invece si tenevano in ampolle con il tappo di vetro.

La lattina, chiusa ermeticamente, arrivò prima, agli inizi dell’Ottocento e per un utilizzo ben preciso: sfamare i militari in marcia durante le guerre napoleoniche.

Non solo le “latte” erano troppo costose per il comune uso civile, ma richiedevano uno specifico strumento per aprirle - a meno di disporre di una baionetta… Con il tappo a vite invece bastavano le mani nude per l’apertura e i contenitori erano pure riutilizzabili.

Il successo commerciale dell’invenzione di Landis fu strepitoso. Inizialmente si usava con i vasi in vetro per le conserve che, negli Usa almeno, portano ancora il suo nome: “Mason jar”.

Le chiusure a vite sulle bottiglie arrivarono solo più tardi. Fino al 1913, le bottiglie di whisky venivano sigillate con il tappo di sughero come quelle del vino, e andavano stappate alla stessa maniera.

Il tappo a vite per i liquori fu un’innovazione dei distillatori scozzesi e apparve per la prima volta sul whisky Teacher’s Highland Cream, venduto con lo slogan “seppellite il cavatappi!”

Per quanto riguarda Landis, per un po’ se la passò molto bene, ma poi perse il controllo della sua invenzione.

Morì nella più completa miseria in un tugurio di New York nel 1902.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.