Mercoledì di Rochester:
pensare troppo

di James Hansen del 29 September 2022

È emerso un altro aspetto negativo dell’Work From Home, almeno per gli anglosassoni. Stare lontano dall’ufficio indurrebbe a pensare troppo… Il fenomeno ha perfino un nome gergale: “overthinking”. Oltre al significato letterale del termine, l’espressione ha il senso di ‘rimuginare eccessivamente’.

La riduzione del livello di comunicazione dovuta alla non-presenza o alla presenza solo occasionale sul lavoro ha l’effetto di togliere il contesto interpretativo agli scarni messaggi che arrivano sul computer di casa, facendo sì che chi prima potesse essere ragionevolmente sicuro di avere compreso il ‘non detto’, ora si trova spesso in alto mare, ampliando di conseguenza i dubbi e l’ansia.

Tutto ciò, oltre all’inevitabile rischio di interpretare male le istruzioni ricevute, può inficiare l’importante possibilità di poter capire come ‘stia andando’, portando all'ossessiva analisi di ogni minimo ‘segnale’ nelle comunicazioni pervenute - considerando inoltre che a cercare troppi chiarimenti si rischia di passare per cretini.

Ogni ufficio ha i suoi ‘dubbiosi su tutto’, ma in passato potevano rassicurarsi chiacchierando tra colleghi durante le pause, senza dover scrivere una mail per cercare di capire meglio cosa succedeva.

La difficoltà sta nel fatto che la comunicazione testuale è molto più ‘povera’ di contenuti di quella delle conversazioni tra persone fisicamente vicine. Infatti, l’unico consiglio concreto degli esperti per arricchire l’aspetto ‘emotivo’ dei testi è di infiocchettarli con gli emoji...

Ora, il problema è reale, esiste, ma potrebbe non importare più di tanto, almeno in Italia. È difficile trovare dati affidabili sul rientro post-pandemico negli uffici, ma stime di Google Mobility basate sull’analisi dei flussi del pendolarismo indicherebbero che, mentre a Londra manca ancora all’appello il 32% dei pendolari, a Parigi il 24% e a New York il 27%, a Milano l’afflusso impiegatizio è in calo solo del 12% rispetto a prima dell’avvento del COVID.

Il risultato milanese non può essere esteso all’Italia intera, ma forse il ‘troppo pensare’ non potrà mai diventare un fenomeno di massa negli uffici del Belpaese...

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.