“Vivere per lavorare”
può avere rischi fatali

di Priscilla Pajdo del May 28, 2021

TORONTO - Un numero crescente di dati medici suggerisce che gli straordinari e le lunghe ore di lavoro influiscono negativamente sulla salute e sul benessere dei lavoratori. Un nuovo studio globale trova che lavorare più di 55 ore alla settimana aumenta il rischio di ictus e di malattie cardiache. Secondo un'analisi sistematica dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OMS/OIL), le ultime stime suggeriscono che l'orario di lavoro prolungato ha ucciso tre quarti di milione di persone nel 2016, in aumento del 29% rispetto al 2000.

Un team di ricercatori di tutto il mondo ha analizzato i dati raccolti da 194 Paesi, tra il 2000 e il 2016, per determinare il peso delle malattie cardiache e dell'ictus attribuibile ad orari di lavoro eccessivi. Il rapporto, pubblicato su Environmental International (17 maggio), ha mostrato che lavorare oltre 55 ore alla settimana era associato ad un aumento del 35% del rischio di ictus. È anche collegato a un rischio maggiore del 17% di morire di malattie cardiache, rispetto al lavoro in media di 40 ore alla settimana.

Nel 2016 il numero di decessi per malattie cardiache attribuibili agli straordinari e all'orario di lavoro prolungato (347.000), è aumentato del 42% rispetto al 2000. Il numero di persone morte per ictus (398.000), è aumentato del 19% nello stesso periodo di tempo. (Grafico 1)

Quando si tratta dell'impatto delle malattie legate al lavoro, la maggior parte dei decessi si è verificata nella fascia di età 60-79 anni, la stessa che aveva lavorato più di 55 ore a settimana tra i 45 e i 74 anni.

Il lavoro è essenziale per l'esistenza di qualsiasi società. Che tu viva per lavorare o per vivere, è una cosa che ci unisce tutti. Tuttavia, la quantità di tempo che dedichiamo al lavoro ogni giorno può variare.

In alcuni Paesi, la definizione di orario di lavoro lungo dipende dalle normative nazionali. Ad esempio, all'inizio del secolo scorso, i canadesi lavoravano in media 60 ore alla settimana.

Variazione nei decenni successivi, in gran parte a seguito dell'attività sindacale e delle misure volte a migliorare la salute e la sicurezza, la settimana lavorativa media si è ridotta a un intervallo di 35-40 ore settimanali entro la metà degli anni '60.

Circa 50 anni dopo, una settimana lavorativa media di 40 ore sembra essere in aumento. Ad esempio, nel 2000, l'8,1% della popolazione attiva globale (488 milioni) è stato esposto a una settimana lavorativa di almeno 55 ore. Sedici anni dopo, tale percentuale è aumentata all'8,9%, con adulti di mezza età più giovani e maschi più comunemente esposti. (Grafico 2)

La pandemia di Covid-19 non ha mostrato una pausa nella tendenza. Il passaggio al lavoro a distanza ha portato i dipendenti a segnalare più ore di straordinari.

Coloro che hanno il privilegio di lavorare da casa si trovano più assorbiti nel loro lavoro, per periodi di tempo più lunghi. Ciò non solo influisce su di un sano equilibrio tra vita professionale e vita privata, ma aumenta il carico di malattie legato al lavoro con potenziali conseguenze fatali.

L'Oms ha raccomandato che "i governi possano introdurre, attuare e far rispettare leggi, regolamenti e politiche che vietano gli straordinari obbligatori e garantiscono i limiti massimi dell'orario di lavoro".

Essi hanno inoltre suggerito azioni come i contratti collettivi tra datori di lavoro e associazioni di lavoratori per rendere più flessibile l'orario di lavoro e per proteggere la salute dei lavoratori.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.