Il 76º anniversario della liberazione
di Mauthausen-Gusen

di Priscilla Pajdo del May 18, 2021

TORONTO - Quest'anno si commemora in tutto il mondo il 76º anniversario della liberazione del campo di concentramento di Mauthausen-Gusen (Gusen), Austria. Durante lo scorso fine settimana, il ministro degli Affari esteri polacco, Zbigniew Rau, ha rilasciato una dichiarazione ai partecipanti che hanno commemorato l'evento il 15 e 16 maggio. "Gli ex prigionieri, di cui solo una manciata sono ancora in vita, e insieme a loro, Polonia e altri Paesi, chiedono costantemente da anni una dignitosa commemorazione delle vittime del campo di Gusen”.

Il 5 maggio 1945, l'esercito americano liberò i prigionieri di Mauthausen e il suo sottocampo, quello di Gusen, situato in Austria. I nazisti gestirono il sistema dei campi di concentramento tra il 1938 e il 1945.

Durante i suoi sette anni di esistenza, nel campo furono imprigionate un totale di 190.000 persone. Tragicamente, almeno 90.000 di esse sono morte.

Gli orrori dei lavori forzati e dei campi di sterminio non dovrebbero mai essere dimenticati. I memoriali e le cerimonie commemorative agiscono come un modo per le persone di ricordare e rispettare coloro che hanno subito atrocità e sono morti per mano dei nazisti. Le vittime erano esseri umani di diverse nazionalità e seguaci di varie religioni e credenze, sebbene la maggioranza fosse ebrea.

I cittadini di 26 Paesi furono imprigionati nel campo, inclusi più di 37.000 polacchi non ebrei, quasi 23.000 civili sovietici, più di 8.000 civili jugoslavi, circa 6.300 italiani e almeno 4.000 cechi.

Nella sola Gusen, al culmine della sua attività, circa 78.000 persone furono internate nel campo e 48.000 furono uccise. I detenuti del campo si riferivano al luogo come "la porta dell'inferno". Chiunque fosse incarcerato nel campo è stato privato della propria identità e dignità.

Costretti a lavori forzati in condizioni deplorevoli, i detenuti morirono a migliaia. Pochi sono sfuggiti al trattamento brutale, nemmeno l'intellighenzia, membri istruiti della società con uno status sociale o politico più elevato.

Dopo la liberazione, avvenuta nel 1945, circa 20.000 prigionieri furono liberati dal campo. Poco dopo, i resti strutturali del campo di Gusen iniziarono a scomparire. Parti del campo sono state bruciate e le autorità locali hanno venduto parte del contenuto del campo. I saccheggiatori hanno portato via il resto.

Nel 1955, grazie alla persistenza degli ex prigionieri polacchi e francesi, fu creato il primo monumento commemorativo non ufficiale, intorno al forno crematorio. Consisteva di targhe e ceppi commemorativi. Questi sono stati successivamente trasferiti nel sito di Mauthausen, a pochi chilometri di distanza, quando il crematorio è stato raso al suolo e le autorità locali hanno parcellizzato i terreni per i piani abitativi.

Nel 1961, ex prigionieri italiani acquistarono il terreno su cui sorgeva il crematorio. Lo hanno dato alla comunità locale in modo che un monumento potesse essere restaurato sul sito.

Lo studio italiano di architettura B.B.P.R (Banfi, Belgiojoso, Peressutti e Rogers) ha progettato il KZ Gusen Memorial, che si puÒ oggi visitare. L'architetto Ludovico Belgiojoso era prigioniero del campo. Il socio fondatore dell'azienda, Gian Luigi Banfi, morì mentre era imprigionato a Gusen.

Per la maggior parte, l'unico modo per conoscere il passato è leggere e studiare la storia. Un'altra esperienza è visitare il sito in cui si sono verificati eventi storici. I memoriali collegano il passato al presente. Aiutano a preservare i ricordi e consentono ai vivi di ricordare coloro che sono stati colpiti dal conflitto e di rispettare i sacrifici compiuti dalle generazioni passate.

All'inizio di questo mese (4 maggio), il governo federale austriaco ha finalizzato l'acquisto di resti strutturali e appezzamenti di terreno dell'ex complesso del campo di Gusen.

Incoraggiato dagli ultimi sviluppi, il ministro Rau ha detto: "È un passo importante verso la salvaguardia delle tracce storiche che esistono lì". Il ministro ha inoltre chiesto la creazione di un nuovo sito commemorativo formale, oltre a un centro di istruzione e incontro per i giovani a Gusen, per aiutare a preservare la memoria delle sue vittime. "Commemorarli è la nostra missione ed obbligo morale", ha concluso Rau.

ENGLISH VERSION: The 76th anniversary of the liberation of Mauthausen-Gusen, an international ceremony

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.