Stop alle sciocchezze dei teppisti della nuova sessualità   

di Joe Volpe del December 8, 2020

TORONTO - Mi dispiace per il Toronto Catholic School Board (TCDSB) e per i consigli scolastici cattolici ovunque in Ontario. Però i miei sentimenti personali non impediscono a me o al Corriere Canadese di analizzare o criticare il lavoro che l’organizzazione dovrebbe dedicare a nome delle famiglie e dei bambini che ha il mandato di servire – i contribuenti cattolici. Tutti gli altri hanno il sistema pubblico come sistema educativo predefinito.
Sino all’inizio di questo secolo, il sistema pubblico era finanziato molto più generosamente. La maggior parte delle scuole nei consigli scolastici del "distretto pubblico" ospita i propri studenti in strutture che i distretti cattolici possono solo invidiare. Tuttavia, i sostenitori radicali - autoproclamatisi promotori - della struttura dei valori "laici" (l’LGBTQ2+) hanno individuato l’obiettivo di abbattere il sistema. Le loro tattiche sono insidiose, dannose e progettate per calunniare e diffamare chiunque non sia d’accordo con loro.
Al TCDSB, con l’aiuto e la connivenza di alcuni fiduciari distruttivi, questi hanno preso il controllo del giusto processo per dettare un’agenda che nessun adulto che si rispetti imporrebbe a nessun bambino. È uno che Ben Levin, ex viceministro dell’Istruzione, e condannato pedopornografo, aveva convinto l’ex premier Kathleen Wynne (un politico apertamente lesbica che abbandonò il marito - maschio - per un’altra donna). Fatti suoi…
La gente l’ha giudicata in base al suo merito politico. La sua struttura di valore non sono affari nostri.
Sfortunatamente, alcuni suoi seguaci vogliono che lo siano. Inoltre, chiedono al resto del mondo di adottare la loro interpretazione di “obblighi religiosi” minacciando azioni penali ai sensi delle disposizioni del codice dei diritti umani (CDU).
Nessuna di queste disposizioni può essere applicata ai sensi dell’Education Act e della Costituzione del Canada nelle scuole confessionali (cattoliche). Possono insistere sino a quando diventino "blu in viso" che il catechismo cattolico contribuisce all’omofobia sistemica, ma il godimento dei diritti umani non è necessariamente rafforzato dalla sessualizzazione di tali diritti.
Minacciare coloro che lo vogliono sottolineare, come il Corriere Canadese ed altri, andando da inserzionisti, datori di lavoro o sistema giudiziario per ottenere una dura punizione, non rende la loro posizione più valida. Eppure, su base internazionale, la comunità LGBTQ2+ ha sfidato l’Unione Europea a punire la Polonia per aver eletto democraticamente un Presidente che ha fatto campagna apertamente contro l’ideologia di genere.
A livello locale, si sono trasformati in una frenesia perché uno dei loro leader, una certa Nicole Richard (candidata al dottorato) ha convinto uomini e donne altrimenti razionali che "la categorizzazione di genere sbagliata" è un atto quasi criminale, o che parole come maschio/femmina, ragazzo/ragazza sono inviti al bullismo. Come fa Paolo De Buono, che scrive su Twitter per offrire frammenti di pensiero per incoraggiare i lettori che il comportamento sessuale senza limiti sia in qualche modo socialmente preferibile ad un approccio costruito sullo scopo riproduttivo della sessualità e su di una rispettosa moderazione.
Forse è ora di porre fine a queste sciocchezze. Il TCDSB può iniziare liberandosi di consulenti legali esterni che si promuovono come difensori dei valori di "diversità", spesso in contrasto con i loro obblighi religiosi e costituzionali. Il loro interesse è palesemente ed esclusivamente commerciale.
In secondo luogo, è anche tempo che i cattolici smettano di scusarsi di essere inclusivi, tolleranti, accoglienti e inizino ad esigere rispetto per i loro valori e le loro istituzioni.
Hanno il potere economico e politico per sostenere tali richieste, specialmente da teppisti per la “nuova moralità", tipi fiduciari come De Domenico, Di Pasquale, Li Preti e Rizzo.
L’associazione di questi "ultimi arrivati", con organizzazioni determinate ad abbattere le scuole cattoliche, non è più tollerabile.
PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Il quotidiano italiano in Canada
© Copyright M.T.E.C. Consultants LTD.
3800 Steels Ave. W., Suite 300, Vaughan ON, Canada
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.