Le scuole cattoliche possono fare
il “giro della vittoria”  

di Joe Volpe del March 1, 2021

TORONTO - 25 febbraio 2021. La decisione della Corte Suprema del Canada (SOC) di giovedì sulla questione Theodore school nel Saskatchewan offre una panoramica dei diritti confessionali costituzionalmente garantiti e del primato della Costituzione sulla legislazione subordinata (inferiore).

Gli avvocati si affretteranno a “differenziare” le questioni in esame e le conseguenti implicazioni. È quello che sono addestrati a fare, proprio come i critici che "analizzano" frasi e opere letterarie. Sarebbe "un dato di fatto"; ci sono questioni ristrette e implicazioni più ampie in questione. Il SOC le avrebbe soppesate, prima di decidere di NON ascoltare un appello della provincia contro una precedente decisione della Corte d’appello del Saskatchewan (SCA) in materia di scuole cattoliche a Theodore (popolazione 323).

La SCA aveva ribaltato una decisione della Corte di grado inferiore nel 2017 che aveva deciso contro la Theodore Roman Catholic School Division (TRCSD).

La TRCSD era stata costituita per mantenere aperta una scuola nel villaggio di Theodore da genitori cattolici (nel 2003) che poi, in atto di inclusione, hanno reso disponibile l’ammissione ai bambini non cattolici (presumibilmente alle condizioni stabilite dal vescovo, come da Prerogativa costituzionale).

Come ha affermato in una dichiarazione Tom Fortosky, direttore esecutivo della Saskatchewan Catholic School Boards Association: "... la decisione conferma ... i genitori sanno cosa è meglio per i loro figli e dovrebbero essere in grado di scegliere un’istruzione cattolica basata sulla fede ... indipendentemente dalle loro ragioni, origini o tradizioni di fede ".

Il premier, Scott Moe, ha ribadito che lo fa anche la provincia.

Alcuni potrebbero aver suggerito altre motivazioni. Secondo le notizie di Saskatoon Radio 650 CKOM, quando l’appello è stato lanciato nell’aprile dello scorso anno, il presidente delle scuole pubbliche del Saskatchewan ha affermato, "che la questione non era se scuole separate avessero il diritto di esistere in Saskatchewan, ma piuttosto dovrebbero ricevere finanziamenti pubblici ammettendo studenti di fede minoritaria".

La Corte Suprema del Canada sembrerebbe ricordare a tutti che la Costituzione ha il primato sulle questioni di finanziamento, mentre la Chiesa esercita lo stesso sul programma religioso - non la Provincia e non il consiglio scolastico. Tom Fotorsky, nella sua dichiarazione ha detto, "la decisione ... può essere considerata una vittoria per i diritti e le libertà sia religiosi che genitoriali".

Né il governo dell’Ontario (tramite il Ministero del procuratore generale) né il Toronto Catholic District School Board (TCDSB), ora nominati in una richiesta di revisione giudiziaria delle decisioni prese dal TCDSB in merito a tali diritti e libertà religiose, hanno risposto a diverse richieste di commento al momento della stampa.

La “decisione” del SOC afferma i diritti costituzionali dei genitori al finanziamento e alla libertà di accedere a un’istruzione basata sulla fede per i propri figli. In una “religione cattolica”, il Magistero (il portavoce del dogma pronunciato ex cathedra) che decide “cosa è o non è cattolico” è (nell’Ontario meridionale in generale) il cardinale. A meno che un politico meschino risentito non pensi che sia una buona idea mettere fuori legge la religione...

Qualcun altro ha appena fatto un “fuori campo” per il cardinale. È tempo per lui di fare un giro della vittoria.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento

Potrebbero interessarti...

Mugsy Netanyahu
di Ynot il May 16, 2018
Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.