Forma e sostanza
negli organismi politici

di Joe Volpe del 14 October 2022

TORONTO - Le scelte per le posizioni parlamentari da parte dei leader affrontano quasi sempre il bisogno fondamentale di bilanciare la sostanza e il simbolismo della carica politica.

I primi ministri hanno il diritto di nominare chi dovrebbe essere il ministro. I leader dell'opposizione [ufficiale] rispondono con i "Ministri ombra", critici che hanno il compito di analizzare, criticare le iniziative del governo in un determinato portafoglio e, se necessario, proporre alternative e strategie pronte in caso di cambiamento di governo.

Questo è il "che cosa" del messaggio. Come diceva Marshall McLuhan, guru della comunicazione canadese del ventesimo secolo, il “chi” consegna il messaggio può essere la parte più importante di quel messaggio, perché secondo lui “il messaggero è il messaggio”.

Poco prima che il neoeletto leader del Partito Conservatore del Canada, Pierre Polievre, pubblicasse la sua lista di candidati per i ruoli di Critico e Critico Associato, il suo staff ha offerto al Corriere Canadese un'intervista esclusiva al deputato Jasraj Singh Hallan.

Sarebbe stato il neonominato Critico per le finanze per contrastare il ministro "ufficiale" del governo, Chrystia Freeland.

Questo, di per sé, sarebbe già un messaggio per l'elettorato. Un Sikh in turbante, nominato nel portafoglio più importante del governo, ha scelto di contattare i media non-mainstream per il primo incontro con il pubblico. Il Corriere non è a corto di argomenti da approfondire con cadenza oraria. Data la percezione del pubblico dei nostri approcci alle posizioni di parte in Parlamento, è stata un'iniziativa coraggiosa. Il signor Hallan ha mantenuto la sua posizione.

Ha consegnato i messaggi attesi su "Justinflazione", riforma fiscale [tagli], necessità di ridurre il debito, il disavanzo e, soprattutto, necessità di consultare e incontrare il pubblico e le parti interessate. Abbiamo chiesto se si sentisse pronto ad affrontare i "grandi problemi".

"Vengo dal settore dell'edilizia residenziale come piccolo e medio imprenditore dipendente dai capricci del settore energetico, dalla disponibilità di manodopera, dall'accessibilità dei finanziamenti e dalle politiche di sviluppo del governo locale e provinciale. Quando è stata l'ultima volta che abbiamo avuto un ministro delle Finanze che abbia quell'esperienza “pane e acqua” che scaturisce dalle implicazioni dei grandi temi economici che riguardano il cittadino medio?”, ha affermato.

D'accordo, abbiamo ribattuto, ma come affronterà i grandi motori dell'economia specifica del Canada centrale [Ontario], gli abbiamo chiesto. Le sue risposte hanno suggerito un livello di preparazione che normalmente non si vede così presto in un appuntamento di questa portata.

“Venendo dall'Alberta, è facile per me sottolineare che le vaste e sottosviluppate risorse energetiche delle province occidentali del Canada possono essere una parte della soluzione ai problemi economici del Canada. Altrettanto significativa per quel mix economico è l'importanza di trattare i programmi di immigrazione come iniziative economiche. Lavorerò con il mio collega nel nostro ministero ombra su questo. Le politiche demografiche sono vitali per il successo della nostra strategia industriale. E dovremo lavorare diligentemente per garantire che il nostro settore automobilistico rimanga innovativo e competitivo", ha aggiunto.

L'intervista avrebbe potuto facilmente sviluppare una portata più ampia, ma questa è stata una conversazione introduttiva "per conoscerci", utile per i lettori del Corriere, soprattutto perché potrebbe servire anche come introduzione all'incontro di Pierre Polievre con il Consiglio nazionale della stampa e dei media etnici del Canada il 17 ottobre.

Tornando alla questione del messaggero e del messaggio: il luogotenente di Polievre, Jasraj Hallan, potrebbe rivelarsi il miglior contrappeso al Jagmeet Singh di Justin Trudeau e alla questione del potenziale organizzativo che rappresentano le "comunità etniche".

Nella foto in alto, Jasraj Singh Hallan alla St. Joseph Syriac Catholic Church, il 25 settembre scorso, in occasione della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato (foto da Twitter - @jasrajshallan)

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.