Consiglieri e NDP:
irrilevanti e fuori dal mondo

di Joe Volpe del 9 December 2022

TORONTO - Probabilmente viviamo in un mondo di sogni tutto nostro. Il “Nuovo” Partito Democratico (NDP) dell'Ontario confermerà il suo nuovo Leader in base ad una formula complessa che considera la proporzionalità dei suoi partenariati costituenti – sindacati e associazioni.

Del resto, i risultati delle ultime elezioni hanno confermato che, in linea di massima, quei “serbatoi tipici” di interessi di sinistra, operai, “emarginati”, avevano abbandonato il partito. Così hanno fatto praticamente tutti gli altri.

Solo il 43,5% degli elettori idonei in Ontario si è preso la briga di votare e coloro che lo hanno fatto hanno dato ai conservatori una clamorosa maggioranza di governo. L'NDP ed i Liberali hanno raccolto ciascuno il voto di circa il 23% del totale dei voti espressi - meno del 10% del pubblico che ha votato. Che noia!

Nel loro processo di rigenerazione - selezione di un nuovo leader - nessuno voleva l'incarico, tranne Marit Stiles. È l'unica che ha prodotto le 100 firme richieste e il deposito di $ 55.000 per qualificarsi. Questo è tutto! Deve essere una barriera difficile da superare per gli altri.

Più significativo, solo altri sei MPP (legislatori eletti dalla lista ndppina) su un totale di 31 (20%, uno su cinque), hanno sostenuto la sua candidatura. Ha il suo bel da fare. Quel partito è in pessime condizioni: leggi l'elenco del suo "governo ombra" (ministri critici) per la legislatura. Per essere gentili, ha un focus piuttosto ristretto: ultra woke fino al midollo. Potrebbe essere praticamente impossibile espandere il mercato politico da lì.

Qualcuno che avrà un "iter più facile" è il sindaco John Tory. Ha bisogno dell’appoggio di solo otto consiglieri per attuare il suo programma ed effettuare il suo percorso per una Toronto contemporanea.

Quindici consiglieri gli hanno fatto un grande favore. Hanno firmato una lettera in cui si sono opposti ai suoi poteri da Super Sindaco e lo hanno invitato a rifiutarli (poteri non democratici, dicono). Il leader dei quindici è Josh Matlow.
Le sue ambizioni di sostituire Tory sono state evidenti per coloro che lo seguono. Le sue e le loro proteste avrebbero potuto ricevere più attenzione se la lettera fosse stata accompagnata da un accordo contrattuale che prevedeva che i firmatari avrebbero rinunciato ai poteri di super sindaco, se qualcuno di loro avesse raggiunto la carica.

Nel frattempo, John Tory è già andato avanti. Senza apparenti consultazioni, ha nominato un nuovo City Manager, l'individuo incaricato di gestire la burocrazia del Comune. Ha bisogno di spostare il consiglio comunale dalla sua attenzione sulle questioni sociali/morali ad un'altra in cui le infrastrutture e il servizio ai contribuenti hanno la precedenza.

Se avete tentato di fare un giro in centro (ve lo sconsiglio), capirete il pantano che ora è il nostro sistema stradale, un tempo efficiente. L'ostruzione, non la costruzione, sembra essere l'obiettivo. Date un'occhiata all'Eglinton Crosstown LRT, ora nel suo terzo decennio di sviluppo, o al Finch Ave LRT, destinato a essere "un work in progress" per almeno un altro decennio, per avere un'idea dell'assurdità che prevale nella pianificazione del Consiglio Comunale di Toronto.

Da un punto di vista personale, ho un grande rispetto per coloro che mettono il proprio nome su una scheda elettorale e si espongono regolarmente al pubblico ludibrio. È una “professione” spietata. Eppure, per parafrasare un ex primo ministro italiano che rifletteva sulle fortune del suo ex partito; il partito una volta interpretava la visione del pubblico.

Forse lui e altri nel suo ex partito avevano in mente il Consiglio Comunale di Toronto e l'NDP quando hanno suggerito che il loro partito, il PD – Partito Democratico – dovrebbe essere fatto saltare in aria per ricominciare da capo.

Nella foto in alto: il premier dell'Ontario, Doug Ford, durante una conferenza stampa con il sindaco di Toronto, John Tory

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/ 

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.