Candidature: verità
e trasparenza. Chi controlla?

di Joe Volpe del 16 October 2022

TORONTO - Per candidarsi all'elezione nel ruolo di consigliere comunale è necessario soddisfare tre requisiti: (1) cittadinanza, (2) residenza - vivere nel Comune in cui si spera di essere eletto, (3) essere maggiorenni - diciotto anni e più. Se cerchi un incarico come fiduciario di una scuola cattolica, ce n'è un quarto: devi essere cattolico.

È logico. Le elezioni municipali sono davvero come le assemblee generali annuali (AGM) di "azionisti maggiorenni di un'azienda". La residenza stabilisce che hai un interesse nella decisione. L'età conferma che la legge ti riconosce come in grado di prendere decisioni per le quali puoi essere legalmente responsabile. La cittadinanza è la prova della tua appartenenza alla società.

Logicamente, ne consegue che si dovrebbe essere cattolici per prendere decisioni per un'entità cattolica. Questo diritto è scolpito nello Statuto. Le leggi provinciali devono rispettarlo.

Tale diritto non toglie diritti agli altri. Garantisce semplicemente alcuni diritti specifici per una particolare classe di cittadini contro le incursioni di altre classi di cittadini. Per esempio, non è diversamente dagli Hamiltoniani che non estendono il diritto ai Torontini di votare alle loro elezioni municipali a meno che non stabiliscano la residenza ad Hamilton.

Sfortunatamente, questo sistema è suscettibile di abuso. I candidati alla carica sono tenuti a sottoscrivere una dichiarazione giurata di possesso dei requisiti, previa registrazione presso l'Ufficio Elezioni Comunali. Punto e basta.

Nessuno dei “funzionari” è tenuto a chiedere la prova del possesso di alcuno dei requisiti, né per cittadinanza, né per residenza, né per età e certamente non per appartenenza religiosa. Tutto è "basato sull'onore" - ti crediamo perché lo dici. Si tratta di un sistema che risponde agli abusi solo ad un'autodichiarazione registrata davanti ai Tribunali, a spese del denunciante.

Viene da ridere! La mancanza di controllo dipinge alcuni candidati come incuranti del sistema e dei principi che l'esercizio democratico del voto dovrebbe nutrire.

Impossibile elencare tutti i potenziali abusi: il sindaco John Tory dovrà affrontare un'indagine sul conflitto di interessi dopo le elezioni, vincendo o perdendo; Il consigliere Michael Thompson è accusato di aggressione sessuale; l'intero consiglio comunale di Vaughan, compreso il futuro ex sindaco Maurizio Bevilacqua, è sotto il controllo dei media nazionali per "milioni scomparsi"; trustee del York Catholic School Board, come McNicol, infangano la reputazione degli italiani.

Sfortunatamente, l'elenco potrebbe continuare.

Gli Halton Parents for Change (HPC), un gruppo che si distingue per la sua retorica anticattolica, si divertono nelle aggressioni ai cattolici e nel diffondere percezioni anticattoliche, e poi hanno l'arroganza di presentare candidati come fiduciari cattolici. Alcuni di loro potrebbero non essere nemmeno cattolici (a quanto pare, alcuni di loro sono "parrocchiani" della Hope Bible Church di Oakville), ma hanno preso di mira due diligenti amministratori (Iantomasi e Karabela) nel tentativo di eliminare il "cattolicesimo" dal Provveditorato cattolico di Halton.

Hanno confermato un accordo collaborativo con un gruppo “anti-odio” allo scopo di "legittimare" il loro approccio. Hanno fatto lo stesso e con la sezione locale dell'Ontario Catholic Teachers Association (OECTA), per sminuire la fedeltà che candidati come Intomasi e Karabela potrebbero manifestare per la cultura cattolica.

OECTA è nelle mani di un gruppo di "estremisti" woke. Hanno dato un voto F (un 4) ai candidati cattolici. Alcuni di loro potrebbero rivelarsi i loro datori di lavoro. Gli elettori di Burlington, Milton o Oakville farebbero bene a votare contro chiunque sia sostenuto dall'HPC o dall'OECTA. Abbiamo tentato di metterci in contatto con OECTA, ma non hanno risposto prima di andare in stampa.

Le due “autorità” (la Diocesi e il Consiglio Scolastico) con la capacità di verificare le qualifiche di questi pretendenti rimangono silenziosi.
Nel Catholic District School Board di Toronto la situazione è anche peggiore… se possibile. Ma questo richiede un articolo tutto suo.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.