Opinione pubblica
e vaccini nel mondo  

di Priscilla Pajdo del March 4, 2021

TORONTO - Data l’importanza di raggiungere un’elevata copertura vaccinale per mitigare gli impatti del Covid-19, l’efficacia di farlo dipenderà dal numero di persone disposte a vaccinarsi. Finora, i numeri non sembrano travolgenti.

L’atteggiamento delle persone nei confronti dei vaccini varia in base a una serie di fattori, tra cui le loro preoccupazioni, i loro valori e il loro stile di vita.

GWI (GlobalWebIndex), una società che fornisce ricerche di mercato e approfondimenti alle agenzie di tutto il mondo, ha raccolto dati di ricerca da vari paesi per valutare la percezione pubblica verso il vaccino Covid-19. Secondo i dati rilasciati alla fine del 2020, i risultati suggeriscono che il 66% degli intervistati supporta l’ottenere un vaccino Covid-19. Gli individui di questa categoria erano più positivi e di mentalità aperta con poco più di due terzi (68%) essere abitanti della città. Inoltre, più della metà di coloro che fanno parte del gruppo (52%) hanno qualche formazione all’università.

GWI ha raccolto i dati del sondaggio da otto paesi: Brasile, Cina, Germania, India, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti. Sebbene il Canada non sia stato incluso, i risultati possono essere abbastanza simili. Studi comparabili mostrano che il 60% dei canadesi è pronto e disposto a vaccinarsi non appena sarà il loro turno. Tuttavia, per ottenere l’immunità di gregge, gli esperti ritengono che questo tasso dovrebbe essere più alto. Alcuni esperti stimano che tra il 70 e l’80% della popolazione richiederà la vaccinazione per fornire una significativa protezione della comunità contro il Covid-19.

Dal punto di vista logistico, è stata una sfida implementare i vaccini e metterli tra le braccia delle persone. Cambiare l’atteggiamento della gente nei confronti dei vaccini è tutta un’altra questione. Mentre la maggiore preoccupazione vaccinale tra l’intero gruppo di studio rimane il potenziale effetto collaterale, i dati mostrano che il dodici per cento del gruppo è "esitante al vaccino". Quelli in questa categoria tendono a sentirsi più cauti, ansiosi e non sicuri se prendere o non il vaccino. Meno della metà di questo gruppo (45%) ha una laurea e ha maggiori probabilità di vivere in ambienti suburbani.

Un’altra classe di individui nel set di dati sono quelli che si sentono "obbligati" a ottenere il vaccino. In questo caso, le persone hanno detto che si vaccinano solo se richiesto per motivi di lavoro o di viaggio. Questo gruppo rappresenta l’11% degli intervistati, un tasso che rispecchia chi è scettico sui vaccini. L’undici per cento (11%) del gruppo di studio ha risposto che non otteniamo un vaccino Covid-19.

La Germania aveva uno dei tassi di rifiuto più elevati, il 24%. I dati suggeriscono che circa una persona su quattro nel paese non verrà inoculata con il vaccino Covid-19. Questo gruppo "scettico sui vaccini" tende ad essere preoccupato per la velocità dello sviluppo del vaccino. Alcuni ritengono che i vaccini siano stati prodotti troppo rapidamente e si chiede se siano sicuri. Inoltre, esprimono una mancanza di fiducia nel processo scientifico di "questo particolare" vaccino. La maggior parte delle persone in questa categoria tende a vivere in aree rurali e ha meno probabilità di avere una laurea.

I "no-vax" sono solo una piccola sottosezione di coloro che sono scettici sui vaccini. Rappresentano circa un decimo (13%) gruppo e si oppongono alle vaccinazioni nel loro complesso. Covid-19 ha gravemente sconvolto le società e le economie di tutto il mondo.

Ora che sono disponibili più vaccini e vengono somministrati a livello globale, forse è necessaria una maggiore enfasi sulla trasmissione dei messaggi appropriati per affrontare le paure e le preoccupazioni dei singoli individui.

Sebbene vari studi e studi clinici suggeriscano tra il 60 e il 95% di efficacia per i vaccini approvati per l’uso, il denominatore comune per tutte le persone è la preoccupazione per i potenziali effetti collaterali. Una comunicazione chiara e coerente da parte di funzionari governativi ed esperti medici è fondamentale per costruire la fiducia del pubblico nei programmi di vaccino.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.