Dover combattere
contro una doppia pandemia

di Priscilla Pajdo del February 5, 2021

TORONTO - La risposta alla pandemia di Covid-19 può avere alcuni effetti imprevisti, ad esempio una riduzione della prevalenza dell’influenza. Eppure, ha esacerbato una questione oscura e mortale, la crisi degli oppioidi in Canada. Le comunità di tutta la nazione stanno vacillando per i livelli senza precedenti di decessi correlati alla droga.

Il Canada è nel bel mezzo della lotta contro due emergenze di salute pubblica: il coronavirus e l’epidemia di oppioidi. Affrontare una simile epidemia è un compito difficile. Uno che richiede una comprensione più profonda del problema.

Nel 2020, il servizio medico legale della British Colombia ha segnalato oltre 1.500 morti attribuibili al consumo di droghe illecite. Ciò rappresenta un aumento di circa il 60% rispetto alle 984 vittime riportate nel 2019. Per quanto allarmanti possano essere questi numeri, non è una novità.

Nel 2016, BC, l'epicentro dell'epidemia di oppioidi in Canada, ha dichiarato un'emergenza sanitaria pubblica. Da allora, la provincia ha registrato oltre 6.500 decessi per tossicità da droghe illecite. In media, cinque persone muoiono ogni giorno per overdose. Tuttavia, la provincia della costa occidentale non è l'unica che sta combattendo la crisi.

I dati contenuti nello studio “Preliminary Patterns in Circumstances Surrounding Opioid-Related Deaths in Ontario during the Covid-19 Pandemic” (Novembre 2020) suggeriscono che i decessi correlati alla droga sono aumentati del 38,2% nelle prime quindici settimane della pandemia.

Sulla base dei dati di modellazione, il conteggio previsto per il 2020 è di 2.271 decessi correlati agli oppioidi. Ciò rappresenta un aumento del 50% rispetto ai 1.512 decessi segnalati nel 2019 (grafico 1, in alto).

Per contestualizzare la portata del problema, nel 2020, in Ontario, 4.581 decessi erano attribuibili al Covid-19. Le overdose di droga hanno causato la morte di un numero circa la metà di tale cifra.

Diversi fattori determinano questo tipo di mortalità. Innanzitutto, la chiusura del confine tra Canada e Stati Uniti ha interrotto le catene di approvvigionamento della droga. Di conseguenza, c'è stato un aumento della circolazione della fornitura tossica di droghe "da strada". Spesso questi farmaci sono legati a concentrazioni estreme di fentanyl tra altri farmaci altamente potenti e non regolamentati.

Inoltre, le misure di allontanamento sociale e di autoisolamento spingono più persone a fare uso di droghe da sole. Ciò riduce la possibilità di intervento in caso di emergenza. Le restrizioni pandemiche hanno ulteriormente creato barriere nell'accesso a servizi e trattamenti di riduzione del danno.

Tutti insieme, questi fattori hanno il potenziale per aumentare il rischio di astinenza e i tassi di sovradosaggio, inclusa la mortalità.

La situazione è grave. I sostenitori della salute sollecitano più azioni da parte dei medici e di tutti i livelli di governo per affrontare la multiforme questione che colpisce così tanti canadesi.

Il dottor Dirk Huyer, Chief Coroner dell'Ontario, ha affermato che "il rapporto mostra un numero crescente di decessi prevenibili correlati agli oppioidi durante la pandemia". Mentre le indagini continuano a finalizzare le cifre esatte per il 2020, la tendenza all'aumento evidenzia il senso di urgenza. Ha aggiunto: "È necessario continuare a lavorare insieme per garantire un supporto e servizi adeguati durante la pandemia e oltre".

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.