La piaga dello spreco alimentare
e i colpevoli

di Priscilla Pajdo del October 8, 2021

TORONTO - Il cibo è essenziale per la nostra sopravvivenza. Con i prezzi del cibo in aumento, circa due canadesi su cinque hanno modificato il loro comportamento quando fanno la spesa, il tutto nel tentativo di risparmiare denaro. Anche se costa di più sfamare le nostre famiglie, può anche farci riflettere quanto cibo sprechiamo.

Secondo il Rapporto 2021 sulla classifica degli sprechi alimentari del Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP), si stima che a livello globale lo spreco alimentare ammonta a 931 milioni di tonnellate (Mt) all'anno. Tale spreco include gli scarti alimentari delle famiglie, dell'industria dei servizi alimentari e del settore della vendita al dettaglio.

Le famiglie generano oltre il 60% dello spreco alimentare totale, quasi 570 Mt. Gli individui nelle famiglie sprecano in media 74 kg all'anno. Ciò equivale a uno staio di circa 300 mele o circa 10 cosce di prosciutto. Chi vorrebbe buttare cose del genere?

Mentre alcune persone soffrono la fame in tutto il mondo, altre stanno gettando via un bisogno fondamentale vitale. La prevalenza di tali rifiuti varia da paese a paese. Diversi fattori contribuiscono allo spreco, tra cui la disponibilità di cibo e i meccanismi di stoccaggio in atto.

Il rapporto dell'UNEP indica la Cina come il paese che genera il più grande spreco alimentare domestico con oltre 91,6 Mt all'anno. Non a caso, visto che è il paese con la popolazione più alta, 1,4 trilioni. Altri paesi tra i maggiori consumatori di cibo includono India e Nigeria con una stima rispettivamente di 68,7 Mt e 37,4 Mt all'anno.

Quando si tratta del Nord America, i principali responsabili dello spreco alimentare sono gli Stati Uniti con oltre 19,3 Mt all'anno, seguiti dal Messico, con quasi 12 Mt e dal Canada con 2,9 Mt.

Le cose sembrano un po' diverse quando si osserva il problema da un'altra prospettiva. Ad esempio, il Rapporto mostra che ogni persona in Canada genera in media 79 kg di rifiuti alimentari domestici all'anno. Si può dire che Toronto, la città più popolosa del Canada, con 2,9 milioni di residenti, è considerata una delle giurisdizioni della nazione più colpite dallo spreco alimentare.

I paesi europei che scendono al di sotto della media globale pro capite (74 kg), includono l'Italia a 67 kg e la Polonia a 56 kg. Tuttavia, queste cifre sono piuttosto sconcertanti dal momento che la maggior parte delle famiglie europee proviene da una cultura dell'utilizzo e della reinvenzione di ogni boccone di cibo, quindi c'è poco o nessuno spreco.

Su scala globale, ogni anno viene sprecato cibo per un valore di circa un trilione di dollari. I critici sostengono che questo problema non solo non è etico in un mondo in cui esiste la carestia, ma ha anche un impatto significativo sul riscaldamento globale. Quando il cibo marcisce nelle discariche, emette gas serra che danneggiano l'ambiente.

Misure come trovare nuovi modi per distribuire il cibo, reinventare gli avanzi e acquistare solo il cibo di cui si ha bisogno potrebbero aiutare a ridurre l'impatto globale dello spreco alimentare. Questi sforzi collettivi possono, a loro volta, aiutare a combattere la fame nel mondo e il cambiamento climatico.

Qualcosa a cui pensare la prossima volta che pensi di gettare via quella fetta di pizza avanzata.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.