Ora legale, domenica
si dorme un’ora in più

di Priscilla Pajdo del November 5, 2021

TORONTO - Questa domenica, con la fine dell'ora legale (DST), la maggior parte dei canadesi riporterà indietro di un'ora le lancette dell'orologio. Il rituale conclude il cambio semestrale dell'orologio che è iniziato il 14 marzo quando le lancette degli orologi sono state spostate avanti di un'ora. Ma l'ora legale è ancora necessaria?

È stata utilizzata in Canada, in alcune parti degli Stati Uniti e nella maggior parte dei paesi europei per oltre un secolo. La consuetudine è stata originariamente introdotta per risparmiare energia durante la Prima guerra mondiale e sfruttare meglio le ore diurne. Da quando esiste questa prassi, il dibattito sulla sua necessità continua.

La discussione sulla possibile eliminazione del cambio semestrale dell'ora sembra prendere slancio. La stragrande maggioranza dei canadesi sostiene l'idea di rendere permanente l'ora legale. Ciò potrebbe comportare la fine del cambio di orario "Fall back" e "Spring forward".

I risultati di un sondaggio di Narrative Research, una società di ricerche di mercato con sede in Canada, suggeriscono che l'85% dei canadesi sostiene l'eliminazione del cambio semestrale.

Attualmente, solo alcune località canadesi non osservano l'ora legale. Ad esempio, lo Yukon, la maggior parte del Saskatchewan, alcune parti del Quebec e della British Columbia rimangono con l’ora solare tutto l'anno.

Durante le elezioni comunali del mese scorso in Alberta, il 50,2% dei residenti della provincia ha votato per mantenere lo status quo dell'ora legale.

Nel novembre 2020, l'Ontario ha approvato una legge (Bill 214) che avrebbe posto fine alla modifica semestrale dell'ora. L'unico avvertimento è che il Québec e New York (NY) devono unirsi all'Ontario affinché la legge entri in vigore. Tale contingenza serve a garantire che non vi siano interruzioni nel commercio inter-giurisdizionale.

L'MPP di Ottawa West-Nepean, Jeremy Roberts, ha presentato per la prima volta il disegno di legge nell'ottobre 2020. "L'Ontario ha impiegato 55 giorni dall'inizio alla fine per presentare e approvare questo disegno di legge. Speriamo che i nostri vicini si uniscano all'Ontario", ha scritto Roberts in un'e-mail al Corriere.

Nel frattempo, ha detto di aver scritto una lettera ai politici del Québec e di New York chiedendo loro di unirsi all'Ontario. Finora, il Premier Legault del Québec ha indicato di essere "aperto" all'idea di un'ora legale permanente. Un disegno di legge simile davanti alla legislatura dello Stato di New York è subordinato all'abrogazione della legge federale che ha stabilito l'ora legale e al sostegno delle giurisdizioni vicine.

Non esiste una formula standard per misurare i rischi rispetto ai benefici nel cambiare l’ora due volte l'anno. Tuttavia, alcuni studi suggeriscono che cambiare l'ora potrebbe avere impatti negativi che sono stati collegati a un aumento del rischio in cose come depressione stagionale, infarto e ictus, incidenti automobilistici mortali e disturbi del sonno.

Al contrario, l'adozione di un'ora legale permanente potrebbe stimolare l'attività economica. Ponendo fine ai cambi semestrali dell'orologio, le serate più “leggere” spingono le persone a essere più attive nella loro comunità, il che può portare a un maggiore consumismo e possibilmente mitigare i rischi sopra elencati.

Sembra una decisione facilissima.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.