Ontario, gli elettori italocanadesi
ago della bilancia

di Priscilla Pajdo del March 23, 2022

TORONTO - Tra meno di tre mesi, gli abitanti dell'Ontario si recheranno alle urne per eleggere il loro prossimo governo provinciale. Il giorno delle votazioni, il 2 giugno, si avvicina rapidamente e la campagna è a buon punto. Questa campagna sarà simile a quelle del passato, soprattutto quando le restrizioni Covid si allentano in tutta la provincia e la vita quotidiana inizia ad assomigliare a quella prepandemia.

Tuttavia, come nelle elezioni precedenti, anche gli elettori dell'Ontario devono affrontare preoccupazioni familiari. Alcune delle questioni determinanti includono lo stato dell'economia, l'accessibilità degli alloggi, la paura della privatizzazione, i tagli all'assistenza sanitaria e la protezione del sistema dell’Istruzione  dell'Ontario finanziato con fondi pubblici.

Questo sarà il momento per gli abitanti dell'Ontario di dire la loro sul proprio futuro e la responsabilità del governo. Più precisamente, il 7.5% della popolazione provinciale si è autoidentificato come canadese di origine italiana. Secondo i dati più recenti di StatsCan (censimento 2016), questo è vicino a un milione di italocanadesi in Ontario,.

In tutto l'Ontario, le persone di origine italiana costituiscono almeno il 10% della popolazione in una ventina dei 124 distretti elettorali della provincia. Sono cittadini e hanno una cultura del voto.

In questa campagna elettorale il Corriere “esplorerà in profondità” un terzo (42) di quei distretti. Circoscrizioni dove gli italiani sono più di 8.000 e saranno fondamentali nei distretti in cui il margine di vittoria potrebbe essere vicino.

Invitiamo tutti i candidati a rivolgersi ai nostri lettori su questioni significative per le loro circoscrizioni. Incoraggiamo i nostri lettori a scriverci su questioni che sono importanti per loro.

È interessante notare che quattro anni fa solo il 58% degli aventi diritto ha effettivamente votato, e questo ha rappresentato un livello storico. Ecco perché quei 42 distretti saranno fondamentali.

Nel 2018, il Progressive Conservative Party (PC), guidato da Doug Ford, ha vinto 76 dei 124 seggi nella legislatura. Un partito ha bisogno di almeno 63 seggi per formare un governo di maggioranza. L'NDP dell’Ontario, guidato da Andrea Horwath, ha ottenuto 40 seggi mentre il Partito Liberale, guidato da Kathleen Wynne, ha ottenuto solo 7 seggi. Il Green Party, capeggiato da Mike Schreiner, ha guadagnato un seggio, diventando il primo nella storia dell'Ontario. Con la Wynne ormai fuori, l’attuale leader liberale Steven Del Duca mira a riconquistare il sostegno al partito.

I risultati non sono sempre sicuri. Durante il mandato del governo Ford, il PC ha perso cinque seggi e ora si trova a 67. La scorsa settimana, anche l'NDP ha perso un seggio quando la leader ha rimosso l'MPP Paul Miller dal caucus. Miller ha rappresentato la circoscrizione di Hamilton East - Stoney Creek dal 2007. L'NDP ha citato informazioni "inaccettabili" scoperte durante il processo di verifica ma non ha fornito dettagli.

Un portavoce dell'NDP ha detto al Corriere che "l'NDP nominerà sicuramente un candidato a Hamilton East - Stoney Creek". Tuttavia, non ha indicato chi sarà quel candidato o quando tale nomina potrebbe aver luogo.

Diverse circoscrizioni devono ancora nominare i rispettivi candidati. A meno di sei settimane dal 4 maggio che segna l'inizio ufficiale della 43a Ontario General Election Campaign, questo periodo si preannuncia frenetico.

(Traduzione in Italiano a cura di Mariella Policheni)

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.