Due canadesi su tre
hanno avuto il Covid-19,
gli esperti: "È una svolta"

di Marzio Pelu del September 14, 2022

TORONTO - Potrebbe sembrare una cattiva notizia, ma in realtà è buona: la maggior parte dei canadesi ha contratto il Covid-19 da quando Omicron e le sue sottovarianti altamente contagiose hanno fatto la loro comparsa. Praticamente, due canadesi su tre hanno avuto il coronavirus. E la notizia è buona perché, secondo gli esperti, questo, aggiunto alle massicce vaccinazioni fatte, genera un'ampia immunità o, comunque, una maggiore protezione contro le forme più gravi di Covid.

Lo studio è stato condotto dal team del Center for Disease Control and Prevention (BCCDC) e dell'Università della British Columbia, che ha analizzato quasi 14.000 campioni di sangue nella Lower Mainland durante la pandemia per monitorare i livelli di anticorpi nella popolazione, riscontrando un enorme cambiamento nel numero di infezioni negli ultimi mesi. Il team aveva precedentemente scoperto che quasi la metà della popolazione aveva avuto il Covid ad aprile, ma i nuovi dati suggeriscono che il numero ha continuato a salire vertiginosamente durante la primavera e l'estate, fino a superare il 60% della popolazione stessa.

"Quello che stiamo vedendo ora è che le persone hanno avuto un'infezione oltre ad essere vaccinate e questo porta ad un livello di potenziale immunità", ha detto alla CBC l'ufficiale sanitario provinciale della British Columbia, dottoressa Bonnie Henry. "Non sappiamo quanti anticorpi devi effettivamente avere per essere totalmente immune, ma l'attuale situazione ci dà la sensazione che ora abbiamo un livello molto alto di protezione della popolazione contro questo virus".

I dati sono anche suddivisi per fasce di età e rivelano che il livello più alto di infezioni è nei canadesi sotto i 19 anni, con almeno il 70-80% dei giovani che ora mostravano prove di una precedente infezione, rispetto ai circa due/terzi di aprile.

Ma anche gli adulti stanno assistendo ad un aumento delle infezioni, con almeno il 60-70% di quelli di età compresa tra 20 e 59 anni che ora mostrano prove di una precedente infezione e circa il 40% dei canadesi con più di 60 anni, rispetto al 15% di marzo.

"Quello che abbiamo osservato è che i bambini attualmente sembrano essere i più infetti e meno vaccinati, mentre gli anziani rimangono i più vaccinati e meno infetti", afferma la dottoressa Danuta Skowronski, responsabile dell'epidemiologia presso il BCCDC (British Columbia Centre for Disease Control) e coautrice dello studio. "Il principale punto di partenza per me e per i miei colleghi è che gli anziani dipendono particolarmente dalla sola protezione indotta dal vaccino e, visto che stiamo entrando nell'autunno, dovrebbero avere la priorità per ulteriori dosi di richiamo".

"Siamo ad un punto completamente diverso da quello in cui ci trovavamo un anno fa e, in particolare, all'inizio della pandemia", ha aggiunto la dottoressa Henry. "Ci sono pochissime persone ora che sono a rischio estremo come lo erano all'inizio quando non avevamo alcuna immunità in nessuno".

La ricerca coincide anche con i dati nazionali della Covid-19 Immunity Task Force del governo federale, che suggeriscono che quasi il 60% dei canadesi da costa a costa era stato già infettato prioma di luglio: un enorme aumento nell'ultimo anno.

La task force ha anche rilasciato, lunedì, nuovi dati di sorveglianza da Canada Blood Services che hanno mostrato un aumento delle infezioni da Covid-19 tra gli oltre 30.000 canadesi che hanno donato sangue a luglio, saltando dal 50 al 54% in tutte le fasce d'età.

Ma nei gruppi di età più giovani tale tasso, anche in questo caso, è molto più alto, in particolare tra quelli tra i 17 ei 24 anni che avevano un tasso di infezione precedente superiore al 71%.

"Sono buone e cattive notizie", ha affermato il dottor David Naylor, che ha guidato l'indagine federale sulla risposta nazionale del Canada all'epidemia di Sars del 2003 e ora co-presiede la Covid-19 Immunity Task Force del governo federale. "Il vantaggio è che c'è molta immunità di fondo derivante da vaccini e infezioni pregresse", ha affermato, osservando che tale "immunità ibrida" combinata dovrebbe aiutare a "limitare l'impatto del Covid nei prossimi mesi".

Gli esperti: “È una svolta, ora proteggiamo in via prioritaria chi è a rischio”

TORONTO - "Le persone che davvero suscettibili a malattie gravi sono molto, molto ridotte, ora": a parlare è l'ufficiale sanitario provinciale della British Columbia, dottoressa Bonnie Henry.

È dunque più facile individuare chi andare a proteggere, anche in caso di una nuova ondata, come afferma il dottor Isaac Bogoch, medico di malattie infettive al Toronto General Hospital. "Sappiamo chi è più vulnerabile al Covid. Ovviamente, sappiamo che sono i più anziani e le persone con condizioni mediche di base che le mettono a maggior rischio", ha detto Bogoch, osservando che anche le comunità a basso reddito e razzializzate sono colpite in modo sproporzionato. "Così tante persone sono state infettate negli ultimi sei mesi... se a ciò si aggiungono agli alti livelli di vaccinazione, almeno con la prima e la seconda dose, c'è spazio per migliorare ancora con le dosi di richiamo... ma abbiamo già una protezione significativa a livello di comunità".

Bogoch afferma di essere "cautamente ottimista" sul fatto che i vaccini "bivalenti" aggiornati, che prendono di mira sia il virus originale che la prima variante di Omicron, BA.1, forniranno una protezione duratura contro l'ulteriore diffusione del virus, "ma il loro impatto deve ancora essere visto nel mondo reale. Detto questo, preferirei avere un vaccino più adatto al virus in circolazione ora, piuttosto che no, ma non so quale sarà la durata della protezione", ha detto, aggiungendo però che "anche il vecchio vaccino ha una protezione molto duratura contro infezioni gravi, ospedalizzazione e morte. Lo fa, resiste nel tempo, è fantastico. Speriamo di mantenere quella protezione contro infezioni gravi e riguadagneremo una protezione duratura contro infezione".

La dottoressa Danuta Skowronski, responsabile dell'epidemiologia presso il BCCDC (British Columbia Centre for Disease Control), afferma che i risultati dello studio condotto dal suo centro danno importanti indicazioni su dove indirizzare i futuri "booster": canadesi più anziani, gruppi immunocompromessi e categorie vulnerabili rappresentano la principale preoccupazione. "Sovrapporre l'aumento dell'infezione su una popolazione già altamente vaccinata sta contribuendo ad un'immunità ibrida più robusta e questo è davvero un rivestimento d'argento. Ci mette in una posizione molto migliore per affrontare eventuali nuove ondate", ha affermato. "Ed è per questo che dico che il senso di urgenza di dosi aggiuntive può essere alleviato per la maggior parte della popolazione che ha accumulato quella combinazione di vaccini ed esposizioni indotte da infezioni che contribuiscono all'immunità ibrida".

Foto di Michal Jarmoluk da Pixabay

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.