Cancro alla prostata,
crolla del 50% la mortalità

di Priscilla Pajdo del November 4, 2021

TORONTO - Il mese di novembre, è noto anche come Movember, una campagna volta a sensibilizzare sui problemi di salute degli uomini, compreso il cancro alla prostata. Nuovi dati rivelano che i continui progressi nella diagnosi precoce e nei trattamenti innovativi hanno dimezzato il tasso di mortalità per cancro alla prostata negli ultimi 26 anni.

Il cancro alla prostata è la forma più comune di cancro tra gli uomini. Si stima che a un uomo su otto verrà diagnosticata la malattia nel corso della sua vita.

Secondo un nuovo rapporto della Canadian Cancer Society (CCS), Canadian Cancer Statistics 2021, il tasso di mortalità per cancro alla prostata nel 1995 era di 45,1 per 100.000 maschi. Oggi, quel tasso è diminuito del 50% ed è pari a 22,7 per 100.000 maschi.

Il cancro è la principale causa di morte in Canada. Più specificamente, il cancro alla prostata è la terza causa di morte per cancro nei maschi, dopo il cancro del polmone e del colon. Il calo del tasso di mortalità è significativo; tuttavia, si stima che solo quest'anno 4.500 uomini moriranno di cancro alla prostata.

La prostata è una ghiandola a forma di noce che fa parte del sistema riproduttivo maschile. Il cancro alla prostata si sviluppa quando le cellule della ghiandola subiscono cambiamenti genetici. In genere, il cancro alla prostata colpisce gli uomini più anziani, circa 6 casi su 10 sono maschi di età pari o superiore a 65 anni.

Segni o sintomi di cancro alla prostata in fase iniziale potrebbero non essere evidenti. Con il progredire della malattia, i sintomi possono includere cambiamenti nella minzione, dolore o disagio nella zona inguinale e disfunzione erettile.

Questa particolare forma di cancro è considerata una delle meno prevenibili in base ai fattori di rischio attualmente conosciuti. Tuttavia, gli esperti affermano che se viene scoperto e curato precocemente, le possibilità di successo della terapia migliorano.

La ricerca e il sostegno pubblico svolgono un ruolo fondamentale nella battaglia contro il cancro e nel miglioramento del risultato nei pazienti. Le cure possono includere una combinazione di chemioterapia, radiazioni, farmaci per interrompere l'attività ormonale e/o interventi chirurgici.

"Finanziando progetti di ricerca innovativi, siamo stati in grado di migliorare le terapie che a loro volta migliorano i risultati e prolungano la vita delle persone con cancro alla prostata, aiutandole a vivere una vita più lunga e più sana", ha affermato Elizabeth Holmes, Senior Manager of Policy and Surveillance, CCS.

Si prevede che quasi il 100% delle persone con diagnosi di cancro alla prostata sopravvive almeno cinque anni se la malattia viene diagnosticata precocemente.

Nel corso degli anni, i progressi nella chirurgia di precisione e nella radioterapia mirata potrebbero aver contribuito alla riduzione del tasso di mortalità per cancro alla prostata.

"Molti degli investimenti nella ricerca sul cancro alla prostata effettuati negli ultimi 25 anni mostreranno il loro impatto nei prossimi anni", ha affermato il dottor Stuart Edmonds, vicepresidente responsabile di Mission - Research and Advocacy presso CCS.

Negli ultimi dieci anni, il CCS, insieme all'ex Prostate Cancer Canada e alla Movember Foundation, ha investito circa 132 milioni di dollari nella ricerca, in particolare per il cancro alla prostata. I fondi hanno sostenuto la ricerca su tutti gli aspetti, dalla prevenzione alla terapia, comprese le cure di supporto per coloro che combattono o sono sopravvissuti al cancro.

Foto da Unsplash.com

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.