Bandiera del Pride,
ad Halton si vota di nuovo

di Priscilla Pajdo del January 17, 2022

TORONTO - I fiduciari scolastici si riuniranno per votare di nuovo sull'opportunità di sventolare la bandiera del Pride nelle scuole cattoliche di Halton questo giugno. La questione sarà nuovamente discussa (18 gennaio) alla riunione dell'Halton Catholic District School Board (HCDSB). In tutte le scuole cattoliche dell’Ontario i dibattiti sulla possibilità di issare fuori dagli edifici la bandiera arcobaleno sono stati controversi. L'HCDSB non è esente da tale discussione.

Lo scorso aprile, gli amministratori dell'HCDSB hanno apportato numerosi emendamenti a una mozione intitolata "Supporting our Diverse School Community". La mozione includeva una formazione obbligatoria per il personale e gli insegnanti con particolare attenzione al “Catholic Social Teaching on loving and accompanying students who identify as 2SLGBTQ+, denominational rights and rights of students and staff under the Ontario Human Rights Code”.

La mozione originale includeva anche la richiesta che la bandiera del Pride sventolasse in tutte le scuole cattoliche all'interno del Provveditorato durante il mese di giugno 2021. Quel punto è stato rimosso dalla mozione finale che alla fine è stata approvata con un voto di 7-2.

Il presidente del consiglio scolastico non conferma se il punto è oggetto di discussione. In una risposta via e-mail, ha detto, "sarebbe prematuro e inappropriato... commentare questa questione". Tuttavia, è incluso nell'ordine del giorno di martedì pubblicato sul sito Web del Consiglio.

Parte di quell'agenda include una mozione chiamata "Rafforzare le relazioni comunitarie". La mozione, avanzata dalla trustee di Burlington, Brenda Agnew, chiede aggiornamenti sulle iniziative di formazione 2SLGBTQ+. Comprendeva anche la richiesta che “il Direttore all'Istruzione ordini al personale dell’Halton Catholic District School Board l'acquisto di tutto il necessario per sventolare la bandiera del Pride e per sventolare la bandiera per il mese di giugno, ogni giugno, a partire dal 2022 a tutte le scuole dell’HCDSC e al Catholic Education Centre”

Evidentemente è una questione divisiva tra coloro che sostengono e coloro che sono contrari alla mozione di sventolare la bandiera del Pride nelle scuole cattoliche di Halton. Coloro che sostengono la bandiera lo vedono come un simbolo di accettazione, diversità e unità. Coloro che si oppongono alla mozione sostengono che la bandiera canadese sia il simbolo ultimo di inclusività, indipendentemente da razza, etnia, orientamento sesso o identità di genere. È un simbolo che unisce e accoglie tutti allo stesso modo.

I contribuenti cattolici hanno espresso preoccupazione sul motivo per cui la questione è nuovamente in discussione dopo aver dimostrato l'anno scorso che la maggior parte dei contribuenti non è favorevole a sventolare la bandiera del Pride nelle scuole dell'HCDSB. Nelle lettere inviate al Provveditorato prima della riunione di martedì, alcuni arrivano al punto di ricordare ai fiduciari il loro ruolo, i loro doveri e le loro responsabilità.

In una lettera, un insegnante HCDSB (in pensione ma contribuente) ricorda ai fiduciari scolastici che sono responsabili di "promuovere e sostenere l'insegnamento cattolico sulla fede e la morale e garantire che l'educazione cattolica e la dimensione religiosa su cui si fondano le nostre scuole siano mantenute come prime priorità".

Gli elettori si aspettano che i trustee da loro eletti proteggano, preservino e promuovano l'istruzione cattolica. Altrimenti, non c'è distinzione tra il Provveditorato cattolico e quello pubblico.

Traduzione in italiano a cura di Mariella Policheni

 

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.