Veicoli elettrici, una scelta
intelligente per l’ambiente

di Priscilla Pajdo del 21 December 2021

TORONTO - I veicoli elettrici (EV) potrebbero non risolvere i problemi associati al cambiamento climatico; possono però svolgere un ruolo chiave nell'aiutare a ridurre le emissioni di gas serra (GHG). Secondo Our World in Data, il settore energetico è responsabile del 73% di tutte le emissioni di gas serra. Tale tasso include circa il 16% delle emissioni associate ai trasporti, di cui il 12% relativo al trasporto su strada.

In Canada, il trasporto su strada rappresenta circa un quinto delle emissioni totali di gas a effetto serra della nazione. L'eliminazione delle emissioni di carbonio dai veicoli passeggeri fa parte del piano nazionale per raggiungere lo zero netto entro il 2050. Con questo in mente, il governo federale prevede che metà di tutte le vendite di auto nuove in Canada saranno veicoli a emissioni zero entro il 2030. Tale tasso è previsto raggiungere il 100% entro il 2035.

La dichiarazione economica autunnale della scorsa settimana includeva altri 73 milioni di dollari per incentivare i canadesi ad acquistare veicoli elettrici attraverso il programma Incentives for Zero Emissions Vehicles. Dal 2019, il governo ha finora stanziato quasi 660 milioni di dollari per il programma.

Con il mondo che si sta spostando verso un numero maggiore di veicoli elettrici, nel 2019 la quota del Canada di veicoli a emissioni zero è stata del 2,9% di tutte le vendite di auto nuove. Tale quota di mercato è aumentata al 3,5% nel 2020. Nonostante negli ultimi due anni un numero maggiore di canadesi stia acquistando veicoli elettrici o ibrido plug-in, il tasso del Canada impallidisce rispetto ai leader globali nella gara EV.

Secondo Statista, la Norvegia è il leader mondiale nelle vendite di veicoli elettrici. Nel 2020, il 75% di tutte le nuove vendite di autovetture erano veicoli elettrici. Per più di 20 anni, il paese nordico ha offerto incentivi per i veicoli elettrici, comprese esenzioni fiscali e pedaggi stradali. Non a caso, anche la Norvegia è considerata tra i primi dieci paesi eco-friendly al mondo.

L'Islanda è al secondo posto con una quota di mercato dei veicoli elettrici del 45%, seguita dalla Svezia con il 32%. In effetti, le prime dieci posizioni per i tassi di quota di mercato dei veicoli elettrici più elevati erano tutti i paesi europei. Lussemburgo, Francia, Belgio e Regno Unito si sono piazzati tutti al decimo posto con l'11%.

Rispetto al resto del mondo, la quota di veicoli elettrici nelle vendite di autovetture nuove è stata di un esiguo 2%. L'amministrazione Biden mira a cambiare la situazione con ulteriori incentivi per portare avanti la scelta di veicoli elettrici. Parte della spesa infrastrutturale da trilioni di dollari degli Stati Uniti includerà 7,5 miliardi di dollari stanziati per una rete più ampia di stazioni di ricarica per veicoli elettrici. Altri 5 miliardi di dollari sono destinati agli autobus a basse e zero emissioni.

La portata di una transizione globale ai veicoli a emissioni zero non sarà facile. Né si tratta di un impatto zero sull'ambiente. Sebbene i veicoli elettrici non emettano direttamente alcun gas serra, funzionano a elettricità. In molte parti del mondo, l'elettricità è prodotta da combustibili fossili. Quel tipo di energia viene utilizzata per produrre veicoli elettrici, in particolare il componente della batteria. I critici sostengono che le emissioni prodotte dalle batterie potrebbero avere un impatto maggiore rispetto ai vantaggi dei veicoli elettrici.

La transizione dai veicoli a combustione interna convenzionali ai veicoli elettrici potrebbe infatti svolgere un ruolo importante nel raggiungimento degli obiettivi climatici globali. Tuttavia, gli esperti avvertono che anche la rapida decarbonizzazione della generazione di elettricità contribuisce a far sì che i veicoli elettrici siano considerati a emissioni zero.

(traduzione in italiano a cura di Mariella Policheni)

Potrebbero interessarti...