Genitori in difesa
degli interessi dei figli

di Priscilla Pajdo del October 6, 2021

TORONTO - Gruppi di genitori e membri della comunità interessati si radunano in segno di solidarietà per protestare contro il piano della provincia di aumentare le dimensioni delle classi. I genitori hanno organizzato manifestazioni coordinate in diverse scuole elementari cattoliche in tutta Toronto facendo appello al governo dell'Ontario e al Toronto Catholic District School Board (TCDSB) per fermare la riorganizzazione delle dimensioni delle classi.

Almeno 40 scuole in tutto il TCDSB dovrebbero avere classi riorganizzate per soddisfare i limiti delle aule pre-pandemia. È stato in alcune di quelle scuole, come la scuola cattolica Regina Mundi, che le manifestazioni hanno avuto luogo.

“Il messaggio principale è che lo smantellamento delle classi attuali per mischiare i gruppi di studenti e creare classi numerose è in netta opposizione alle raccomandazioni del Tavolo consultivo scientifico Covid-19 per l'Ontario", ha affermato un genitore preoccupato, con i figli nel sistema scolastico, parlando in forma anonima perché non autorizzato a parlare a nome di altri manifestanti.

Il Tavolo consultivo raccomanda diverse misure che includono le modalità di raggruppamento, le strategie di mascheramento e di distanziamento fisico per ridurre al minimo la diffusione del virus tra i bambini delle scuole elementari. E afferma anche: “Questi gruppi dovrebbero essere il più possibile piccoli; pertanto, le classi più piccole possibili dovrebbero essere organizzate all'inizio dell'anno scolastico per ottimizzare l'apprendimento”.

I genitori sono frustrati dal fatto che il Ministero dell'Istruzione e il TCDSB ignorano queste raccomandazioni, preferendo il rimescolamento delle aule per garantire che raggiungano i limiti superiori pre-pandemia.

Ciò significa che le classi che vanno da 23-24 studenti sono considerate troppo piccole. Già dal 12 ottobre, tali classi potrebbero raggiungere il limite massimo di 31 alunni.

Queste proteste arrivano solo una settimana dopo un'altra manifestazione fuori dalla St. Pius X Catholic School nel west-end di Toronto. Il messaggio era lo stesso. I genitori ritengono che non sia sicuro mettere più studenti in un'aula durante la quarta ondata della pandemia.

La provincia ha introdotto varie misure per mantenere le scuole sicure, come il mascheramento, lo screening potenziato e una migliore ventilazione. Tuttavia, le scuole pubbliche dell'Ontario rappresentano un terzo delle infezioni da Covid-19 attive nella provincia.

Inoltre, i bambini di età inferiore agli 11 anni non possono ancora essere vaccinati con il vaccino contro il Covid-19. Al 5 ottobre, il TCDSB segnala 42 scuole con casi attivi e un totale di 69 casi attivi (63 studenti, 6 dipendenti).

Un mese dopo l'inizio dell'anno scolastico, i genitori sostengono che le classi più piccole dovrebbero essere ancora una priorità. "L'anno scorso il Provveditorato ha dato priorità alla sicurezza degli studenti, quest'anno sembra dare priorità alla prudenza finanziaria", ha affermato il genitore. "Sebbene le priorità del Provveditorato e del Ministero siano cambiate, la nostra priorità è ancora la sicurezza dei nostri bambini e delle comunità circostanti", ha aggiunto.

Il TCDSB non ha risposto alle nostre richieste di commento – forse non gli interessa. Tuttavia, la presidente del TECT Julie Altomare-DiNunzio ha dichiarato al Corriere che il consiglio non ha i fondi necessari per mantenere piccole le dimensioni delle classi. Lei, come molti altri, è preoccupata per l'impatto delle classi più grandi sulla sicurezza degli studenti, lo stress, l'ansia e il crescente divario di apprendimento.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.