La felicità prospera
nonostante la pandemia    

di Priscilla Pajdo del March 24, 2021

TORONTO - La primavera è nell’aria; il tempo si sta riscaldando e le ore diurne più lunghe sono alcuni elementi che invocano la felicità. Mentre i sentimenti di gioia e contentezza possono essere difficili da raggiungere durante una pandemia globale, alcuni paesi riescono abbastanza bene nello spettro dell’esultanza.

Nell’annuale World Happiness Report, (pubblicato dal Sustainable Development Solutions Network delle Nazioni Unite il 19 marzo), la Finlandia si riconferma al primo posto tra i 95 paesi inclusi nel rapporto 2021. In effetti, cinque nazioni nordiche, Finlandia, Islanda, Danimarca, Norvegia e Svezia, si sono costantemente classificate tra le prime dieci negli ultimi anni (Grafico 1, sopra).

Il Canada è stato incluso nella top ten non più tardi dell’anno scorso, al numero dieci. Solo un anno dopo, il paese è sceso in classifica al quindicesimo posto, una posizione dietro gli Stati Uniti. Forse gli impatti associati alla pandemia di coronavirus come malattia, isolamento sociale, difficoltà finanziarie e morte sono sufficienti per essere un po' meno felici. O almeno trascinarti giù di qualche posizione.

Normalmente, la relazione raccoglie dati dalle indagini nel corso di tre anni. Le informazioni vengono quindi rispettate nell’elenco dei paesi più felici del mondo. Quest’anno, i ricercatori indipendenti si sono concentrati sul 2020 per vedere come sono stati i paesi durante la pandemia.

Il grafico rappresenta una selezione di paesi e dove si posizionano nell’elenco. La differenza tra il primo e il venticinquesimo posto è di soli 1,4 punti.

Le relazioni annuali sono registrate utilizzando un’ampia gamma di dati del Gallup World Poll, tra cui il World Risk Poll della Lloyd’s Register Foundation. La misura della felicità è complessa e i ricercatori usano più variabili. Alcuni elementi chiave includono: PIL pro capite, libertà di scelta, aspettativa di vita sana, fiducia nel governo, sostegno sociale e generosità.

Non è sufficiente considerare solo la ricchezza personale come una misura della felicità, ma piuttosto includere tutti questi fattori nell’equazione generale della felicità.

Nel caso della Finlandia, i dati dell’indagine hanno suggerito un elevato livello di fiducia reciproca che potrebbe aver protetto più vite e mezzi di sussistenza durante la crisi sanitaria. Tra la selezione dei paesi in questo set di dati, ha anche uno dei tassi di mortalità Covid-19 più bassi, 146 per milione di abitanti (Grafico 2, qui sotto).

Altri paesi che si abbassano sulla scala della felicità hanno alcuni dei tassi di mortalità elevati attribuibili al Covid-19.

Il rapporto cerca anche di scoprire perché i tassi di mortalità variano in diverse parti del mondo. Prendiamo l’Europa, ad esempio, Spagna, Italia e Regno Unito hanno alcuni dei più alti tassi di mortalità Covid-19.

Diversi fattori che contribuiscono sono la variazione tra i vari paesi. Per prima cosa, il rapporto ha considerato l’età della popolazione. Covid-19 ha colpito in modo sproporzionato gli anziani e quelli con più condizioni di salute. Un altro elemento era che il paese fosse un’isola o nelle immediate vicinanze di altre nazioni altamente infette.

Le differenze culturali, le disuguaglianze di reddito e la fiducia nel governo e nelle istituzioni pubbliche sono state tutte componenti che hanno contribuito.

Quindi, indipendentemente da dove vivi o dove il tuo paese si colloca nella scala della felicità, se sei vivo e stai abbastanza bene da leggere queste parole, allora questo di per sé dovrebbe essere qualcosa di cui essere felici.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.