Energia solare, cinesi all’avanguardia

di Priscilla Pajdo del November 22, 2021

TORONTO - Quello passato è stato un anno caratterizzato da devastanti disastri naturali, da ondate di caldo mortali a catastrofici incendi e inondazioni violente. L'intensificarsi della crisi climatica è stata la priorità dei leader mondiali e degli esperti climatici al vertice COP26 che si è concluso con un compromesso dell'ultimo minuto per "ridurre gradualmente" l'uso del carbone.

Gli attivisti ambientali indicano le emissioni di gas serra (GHG) come uno dei principali colpevoli della crisi climatica. Nel settore energetico sta crescendo la pressione per la transizione da fonti di energia che emettono GHG come il carbone a fonti più rinnovabili. L'energia solare sembra essere all'avanguardia.

Nel 2020, la capacità di energia solare ha totalizzato 716.152 megawatt (MW), con un aumento del 21% rispetto all'anno precedente a 590.256 MW. L'energia solare, considerata una fonte di energia pulita e rinnovabile, ha il minor impatto negativo sull'ambiente, rispetto ad altre fonti come petrolio, gas e carbone. Non produce GHG, né inquina l'acqua o l'aria.

Il sole, disponibile quasi ovunque sulla terra, può generare elettricità attraverso l'energia solare. Può essere implementato quasi ovunque e si traduce in risparmi sul costo dell'energia e stimola l'economia attraverso la creazione di posti di lavoro locali.

Mentre si può fare di più per raccogliere l'energia dal sole, diversi paesi in tutto il mondo sono all'avanguardia nell'adozione della sua energia vitale. Secondo i dati della International Renewable Energy Agency (IRENA), oggi la Cina è la nazione leader con la maggiore capacità di energia solare.

All'inizio del 2021, la capacità installata della Cina era di 254.355 MW di potenza, che rappresenta il 35,5% della capacità totale di energia solare del mondo. Questo potrebbe essere un segnale incoraggiante dal momento che il paese ha anche la più grande impronta di carbonio ed è responsabile di quasi il 30% delle emissioni globali di GHG.

Per contestualizzare le cose, un MW di energia solare genera abbastanza elettricità per soddisfare le esigenze di circa 164 case in Nord America. Quel numero dipende da variabili come la quantità media di luce solare e il consumo di elettricità delle famiglie.

Gli Stati Uniti sono il secondo produttore di energia solare con 75.572 MW di capacità. Ciò rappresenta il 10,6% della capacità solare globale. Secondo il Solar Market Insight Report degli Stati Uniti (settembre 2021), nei primi tre mesi del 2021 gli Stati Uniti hanno installato 57.000 MW di capacità solare. Nel primo trimestre del 2021, la capacità cumulativa di quasi 109.000 MW è stata sufficiente per alimentare 18,9 milioni di case americane.

Il Giappone è al terzo posto della lista con 67.000 MW di capacità, circa il 9,4% della quota globale. L'Italia è tra i primi produttori europei di energia solare con 21.600 MW, superata solo dalla Germania, con 53.783 MW.

(cliccate sull'immagine per ingrandirla)

In Canada, l'energia solare rappresenta una piccola quota del mix energetico e rappresenta solo lo 0,5% della quota di mercato globale del solare. All'inizio dell'anno, la nazione aveva 3.325 MW di capacità solare installata, ma sta diventando una fonte di elettricità in crescita per i canadesi.

Il più grande progetto di fattoria solare della nazione, chiamato Travers Solar, situato nel sud dell'Alberta, includerà più di un milione di pannelli che copriranno un'area delle dimensioni di 1.600 campi da calcio (circa 13 km²). Mentre il progetto è attualmente in costruzione, una volta completato, si prevede che genererà più di 1.000 posti di lavoro (durante il picco di sviluppo) e genererà elettricità sufficiente per alimentare 150.000 case al termine del 2022.

Il crescente slancio nelle fonti di energia rinnovabile è stimolato dalle nazioni che lavorano per raggiungere emissioni nette pari a zero e per attuare misure per mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 gradi Celsius. Il sostegno della comunità internazionale è fondamentale per adottare misure per una transizione verso l'energia pulita e per eliminare gradualmente l'uso costante dei combustibili fossili.

Solo per questo motivo, l'accordo della COP26 di "ridurre gradualmente" piuttosto che "eliminare gradualmente" l'uso del carbone potrebbe essere stato una delusione per molti.

(traduzione in italiano a cura di Mariella Policheni)

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.