Settimana per gli infermieri
in prima linea

di Priscilla Pajdo del May 12, 2021

TORONTO - Per tutta la settimana in corso, i canadesi di tutta la nazione focalizzano la loro attenzione sugli infermieri e sul ruolo vitale che svolgono nella comunità sanitaria canadese. Il tema della Nursing Week di quest’anno (10-16 maggio), scelto dalla Canadian Nurses Association è intitolato: "Rispondiamo all’appello".

Ogni anno, la Nursing Week coincide con l’International Nurses Day (12 maggio), la data scelta per commemorare la nascita di Florence Nightingale nel 1820. Lei è stata una pioniera dell’assistenza infermieristica moderna e l’evento fu istituito nel 1974 dall’International Council of Nurses. È una giornata per evidenziare il ruolo importante che gli infermieri svolgono nel settore sanitario.

La salute è un equilibrio tra benessere mentale, fisico e sociale. Lo scopo del tema di quest’anno è quello di mostrare i vari ruoli che gli infermieri svolgono nel percorso di un paziente verso uno stato di salute migliore e di aumentare la consapevolezza dei problemi nella professione infermieristica.

Il Covid-19 ha messo tutta la comunità, e in particolare il settore sanitario, di fronte a molte sfide. Gli infermieri si assumono la responsabilità di fornire cure sicure e di alta qualità ai loro pazienti. Ciò è dimostrato dalla loro dedizione, compassione e professionalità.

Gli infermieri si sono fatti avanti e hanno risposto alla chiamata durante questa crisi sanitaria. Lavorano instancabilmente, spesso hanno bisogno di autoisolarsi dalle proprie famiglie, con poca o nessuna tregua mentre si prendono cura dei pazienti dopo una ondata dietro l’altra di infezioni virali.

La pandemia ha messo in luce punti deboli costantemente presenti all’interno dei sistemi sanitari e di assistenza a lunga degenza del Canada, in particolare in relazione alla carenza di capacità e di personale.

Secondo la Canadian Nurses Association, gli infermieri professionali in Canada nel 2019 hanno raggiunto il numero di 439.975. Ciò includeva infermieri autorizzati (registered practical nurses - RPN - in Ontario), infermieri professionali, infermieri praticanti e infermieri psichiatrici. Il tasso di aumento complessivo degli infermieri regolamentati nel 2019 è stato dell’1,9%; tuttavia, coloro che erano impiegati si sono ridotti dell’1,5% rispetto all’anno precedente.

Gli ultimi 14 mesi della pandemia hanno messo a dura prova gli infermieri in tutto il paese. In un recente sondaggio della Canadian Union of Public Employees (CUPE) su 2.600 RPN, condotto da OraclePoll Research, i risultati suggeriscono che il 30% degli interpellati sta valutando la possibilità di lasciare la professione infermieristica. Il carico di lavoro ad alto stress, l’esaurimento fisico/mentale e i salari sono tutti fattori che contribuiscono alle pressioni aggiuntive che gli infermieri devono affrontare.

Gli ultimi risultati fanno eco ai risultati di indagini simili condotte nel dicembre 2020 dalla Registered Nurses Association of Ontario (RNAO). Anche in questo gruppo, circa un PRN su tre ha risposto che sta valutando la possibilità di lasciare la professione.

Questa terza ondata di infezioni da Covid-19 non ha migliorato la situazione. Con un numero record di pazienti con Covid-19 negli ospedali e quelli in terapia intensiva che hanno raggiunto il massimo storico di 900 all’inizio di questo mese, la pressione continua a crescere per i lavoratori in prima linea.

Gli infermieri sono quelli che si mettono in pericolo e rischiano il proprio benessere fisico e mentale per aiutare a mantenere il resto dei canadesi sani e al sicuro. Quest’anno, più che mai, c’è stato un grido di battaglia dei sindacati degli infermieri in tutta la nazione per migliori provvedimenti da parte dei leader di governo.

Vicki McKenna, presidente dell’Ontario Nurses’ Association, ha dichiarato in un comunicato stampa: "Gli infermieri hanno ricevuto una serie di batoste da questo governo che hanno impedito loro di negoziare un aumento salariale rispettoso, rimosso le loro protezioni sul posto di lavoro e li ha visti abbandonati dal momento che questo governo ha selettivamente riconosciuto alcuni, non tutti gli operatori sanitari per i loro straordinari sacrifici ”.

Inoltre, McKenna sottolinea che gli infermieri hanno messo la loro vita in pericolo durante la pandemia. "Il governo deve abrogare la sua legislazione sulla soppressione della retribuzione, Bill 24, e farsi avanti e riconoscere coloro che hanno sacrificato così tanto", ha aggiunto.

La legge 24, approvata nel 2019, limita gli aumenti salariali all’1% all’anno, per un periodo di tre anni.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.