La giornata mondiale
contro gli abusi sugli anziani

di Priscilla Pajdo del June 16, 2021

TORONTO - Gli anziani sono considerati i nostri membri più apprezzati della società. Impariamo dalle loro esperienze, prendiamo consigli dalla loro saggezza e beneficiamo dei loro contributi alla società. Tradizionalmente, è comune trattare le persone di età avanzata con rispetto e dignità. Purtroppo non è sempre così.

Ogni anno, il 15 giugno, persone di tutto il mondo si uniscono per riconoscere la Giornata mondiale della consapevolezza degli abusi sugli anziani (WEAAD). L'International Network for the Prevention of Elder Abuse ha fondato l'idea per la prima volta nel giugno 2006. La giornata è stata ufficialmente riconosciuta dalle Nazioni Unite nel 2011.

Sebbene sia solo un giorno all'anno, è un'opportunità per il mondo intero di esprimere la propria opposizione agli abusi e alle sofferenze inflitte ai membri delle nostre generazioni più mature.

Ieri, WEAAD ha unito altre organizzazioni a supporto degli anziani per ospitare un evento online nazionale gratuito chiamato "Invecchiamento con diritti: porre fine agli abusi degli anziani in Canada".

La conversazione si è incentrata sulla prevenzione degli abusi degli anziani e su ciò che è in potere di tutti: la capacità di difendere e proteggere i diritti degli anziani in ogni comunità.

Il ministro canadese degli anziani, l'onorevole Deb Schulte, ha preso parte all'evento di quest'anno. La ministra ha indicato lo scopo della sua partecipazione, "per annunciare i prossimi passi per rafforzare gli sforzi del governo del Canada per combattere gli abusi degli anziani" (qui sotto, il tweet del ministro Deb Schulte).

Secondo alcune statistiche dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), purtroppo, una persona su due è prevenuta nei confronti degli anziani. Quando si tratta di persone di età superiore ai sessant'anni, una persona su sei è vittima di abusi diretti agli anziani. Sfortunatamente, molti casi non vengono segnalati e le cifre reali possono essere difficili da determinare.

In quanto tali, innumerevoli membri vulnerabili della società soffrono in silenzio.

Sebbene non sia nota l'entità completa dei maltrattamenti degli anziani, si tratta di un grave problema sanitario e sociale, una crisi in sé.

Ad esempio, è necessario solo considerare la devastante perdita di vite umane nelle case di cura a lunga degenza (LTC) sulla scia del Covid-19. Nelle prime fasi della pandemia (maggio 2020), poco più dell'80% dei decessi legati al Covid in Canada erano residenti di case LTC e case di riposo.

Ci è voluto un rapporto dell'esercito canadese per rivelare numerose condizioni deplorevoli in diverse case dell'Ontario LTC. Casi di disidratazione e abbandono hanno portato a dozzine di morti residenti, cause diverse dal Covid-19.

Non solo la società ha fallito, ma anche il governo lo ha fatto. Anche la relazione della Commissione LTC ha rivelato risultati simili. "Oltre alle vittime dovute al Covid-19, i residenti sono morti a causa dell'abbandono dovuto alla carenza di personale", ha sottolineato il rapporto.

La mancata protezione da parte del governo per i residenti è un tragico esempio di abuso verso gli anziani.

L'abuso è generalmente descritto come trattare qualcuno con crudeltà o violenza.

Può anche riferirsi a qualsiasi azione o inazione da parte di sé o di altri che mette in pericolo la salute e il benessere di qualsiasi persona. Assume diverse forme tra cui, emotivo, fisico, verbale, finanziario, medico, sessuale e trascurato.

I numeri sono preoccupanti. Secondo Statistics Canada (2019), dei 14.516 anziani vittime segnalati, circa un terzo (4.518) è stato abusato da un membro della famiglia. Più comunemente, è qualcuno vicino a loro, incluso un amico o un(a) badante.

Come società, è nostro dovere proteggere gli anziani che potrebbero essere a rischio di abusi. Dopotutto, sono ancora membri apprezzati delle nostre famiglie e comunità.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.