Urne aperte alle elezioni:
è ora di fare sul serio

di Joe Volpe del 12 October 2022

TORONTO - Queste elezioni municipali sono nella migliore delle ipotesi banali ed estremamente locali. Dal punto di vista della leadership, quali sono le persone con una visione e un piano per ricostruire le nostre vecchie infrastrutture, rendere le nostre strade percorribili e le nostre comunità (più) sicure?

Ci meritiamo quello che otteniamo solo se non facciamo uno sforzo per migliorare.

A livello di consiglio scolastico locale le problematiche sono sempre più pressanti e di lunga durata. Dopotutto, stiamo parlando dei nostri figli e li stiamo preparando per essere cittadini adulti a tutto tondo, capaci di produttività e di leadership in una società che segue la legge che rispetta i diritti e gli obblighi individuali e collettivi.

Non tutti sono d'accordo, ovviamente. Non abbiamo bisogno di convertire tutti al nostro modo di pensare. Le elezioni ci danno l'opportunità di riaffermare ciò che abbiamo acquisito e testato nel tempo. Alcuni di questi “progressi” sono scolpiti nella nostra Costituzione, altri sanciti dalla legislazione. In entrambi i casi, il rispetto di quella “tradizione” mette al sicuro ciò che è stato valutato rispetto alle frivolezze del momento o ai capricci dell'agenda egoistica.

I consigli scolastici sono unità amministrative, originariamente una funzione formalizzata dei desideri dei genitori di formare i propri figli nell'arte della lettura, della scrittura e dell'aritmetica e l'applicazione di tali abilità alle sfide della vita "moderna". I consigli scolastici erano entità autonome diverse e separate dal governo militare / giudiziario coloniale. I loro cittadini erano anche membri di milizie vitali per la protezione del territorio dalle incursioni predatorie americane.

I “valori socio-culturali” impartiti da quei consigli di genitori interessati coinvolgevano necessariamente quelli riflessi nella “Chiesa locale”. Non poteva essere altrimenti. Il Canada West/Upper Canada, l'Ontario prima della Confederazione era un territorio agricolo e commerciale scarsamente popolato e non molto più grande dell'attuale Golden Horseshoe. Toronto, poco più di un avamposto di civiltà alla foce del fiume Don.

Tra i sudditi coloniali cristiani protestanti di Sua Maestà c'erano diverse sette, ognuna con la propria visione particolare su come vivere la vita. L'emergente movimento dell'Unità nelle colonie era essenzialmente costretto a negoziare un accordo di unità con i consigli scolastici e le Chiese praticamente su base giurisdizionale da pari a pari.

Il governo coloniale in gran parte protestante, nominalmente laico (il Canada rimase un'entità coloniale, sebbene unita, fino allo Statuto di Westminster, nel 1931: cominciò a rilasciare la propria cittadinanza solo nel 1947) gradualmente "assorbiva" qualunque autorità risiedesse nei consigli locali – tutto in nome della costruzione della Nazione.

I consigli cattolici erano un'altra questione. Una terza “giurisdizione” faceva parte dei negoziati: il Vaticano (il Magistero) era l'autorità riconosciuta per il “comportamento morale”, socioculturale, cattolico. Quell'accordo “tripartito”, iscritto nella Costituzione della nuova autorità – il Canada – ebbe l'effetto di conferire ai genitori cattolici una maggiore influenza legale sull'educazione della loro prole.

È quell'influenza che trustee come Rizzo, De Domenico, Li Preti [e Di Pasquale] nel TCDSB e il loro direttore Brendan Browne hanno cercato di logorare. Potrebbero ancora avere successo, se gli elettori permettessero a loro e ai loro simili di tornare al timone dell'Educazione Cattolica.

È anche peggio ad Halton, dove un gruppo di dissidenti dirompenti si uniscono attorno ai fiduciari Agnew, O'Hearne-Czarnota e un paio di anime fuorviate raggruppate sotto la sigla "Halton Parents for Change". Hanno un piano palese progettato per distruggere la base cattolica del consiglio scolastico del distretto cattolico di Halton, favorito dalla sconcertante indifferenza della diocesi locale.

Peggio ancora, nessuno dei funzionari della commissione elettorale di Burlington, Milton, Oakville o Queens Park si assume la responsabilità di garantire l'integrità delle elezioni.

Molti dei nostri lettori che hanno lavorato duramente e a lungo per costruire il sistema delle Scuole Separate (cattoliche) potrebbero vederlo fatto a pezzi da persone che possono essere definite solo come "odiatori di cattolici". Quegli odiatori hanno altre opzioni ma non hanno il coraggio di mandare i loro figli nell'altro Provveditorato.

Nella foto qui sopra, "Tinkerbell - Li Preti"

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.