Un’elezione per organizzare
la prossima

di Joe Volpe del September 17, 2021

TORONTO - Ognuno si è fatto la propria idea. I seggi anticipati sono chiusi. Hanno votato più cittadini del previsto: 5.780.000 secondo l’ultima stima di Elections Canada (una media di poco più di 17.100 votanti per circoscrizione) rispetto alle passate elezioni. In effetti, ciò rappresenta un aumento del 18,48% rispetto all’affluenza alle urne anticipate nelle ultime elezioni.

I sondaggisti sembrano concordare solo su due cose: (1) nessuno vincerà un governo di maggioranza; (2) quale partito vincerà il maggior numero di seggi dipenderà da dove i nuovi canadesi (gli etnici) nelle grandi città dirigeranno i loro voti.

Essendo questa la politica canadese, il dibattito sulla sostanza e la copertura mediatica mainstream dei problemi sono sempre stati sospetti nella migliore delle ipotesi. Negli ultimi giorni il dibattito è peggiorato. Le uniche “questioni” significative sono le “ultime incongruenze morali” scoperte nelle personalità che rappresentano le parti. Non dovrebbe sorprendere: "chi di spada ferisce, di spada perisce".

Mike Marzolini, consumato ricercatore/sondaggista in pensione, ha scritto sulle nostre pagine, prima delle ultime elezioni, che i maggiori partiti hanno la loro prevedibile, praticamente incrollabile, base di appoggio fissa. Di conseguenza, le elezioni mirano a catturare quel 5% circa dell’elettorato che oscilla secondo i tempi – sono elettori non fedeli a nessun partito.

Ciò spiegherebbe, in parte, perché gli ultimi giorni che precedono il fine settimana che porta al giorno delle elezioni sono punteggiati da esempi di diffamazione "gettata là" (denigrazione degli oppositori) e richieste di sostegno da parte di "gruppi riconoscibili" il cui unico interesse è l’auto-promozione.

Sindacati come UNIFOR, PSAC, lavoratori delle Poste, un tempo influenti, e altri pretendenti alle Sale del Potere, esortano i loro membri a influenzare il voto negli ultimi giorni della campagna incoraggiando i loro membri a partecipare all’organizzazione di base per andare a votare.

Alcuni sono o sono stati più efficaci di altri, principalmente perché la "leadership" cerca di coprire le proprie basi con tutti gli influencer. Tendono a sostenere i candidati in collegi elettorali dove, per altre ragioni (di solito etniche/religiose), l’esito è quasi scontato.

Questi gruppi, quelli del "Partito-izzati" ("emarginalizzati", colonizzati, razzializzati, sessualizzati, sindacalizzati e via di seguito), rappresentano tipicamente, individualmente, una frazione molto piccola della società canadese. Collettivamente, si avvicinano a quel 5%, quindi la loro voce riceve un’aria che rivaleggia con i gruppi più affermati come cristiani ed altri. I loro "problemi" ricevono più attenzione di quanto il loro numero potrebbe altrimenti garantire in una società democratica; e la loro “predica dall’alto” compete con quella delle religioni più consolidate.

In effetti, sono movimenti di protesta, più o meno allo stesso modo del Partito Popolare del Canada (PPC) o del Partito dei Verdi. Senza quest’ultimo, l’NDP potrebbe fare leggermente meglio in alcune aree. Se la popolarità bizzarra del PPC diminuirà prima del giorno delle elezioni, i Conservatori potrebbero guadagnare più seggi di quanto attualmente previsto.

Dal nostro punto di vista, queste elezioni sono solo un riscaldamento per i prossimi due anni da oggi. I partiti tradizionali hanno quasi ignorato le tradizionali basi di potere tra cattolici e canadesi di origine europea poiché l’eterno dibattito sull’identità canadese e sui valori canadesi si è spostato altrove. Se lunedì il superbo e il malleabile falliranno, i semi per una "elezione correttiva" nel prossimo futuro saranno stati gettati.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.