TCDSB, chi difende
i diritti dei cattolici?

di Joe Volpe del September 20, 2021

TORONTO - La Confederazione canadese, come forma di governo, ha una caratteristica unica nella sua Costituzione o, volendo, il suo "statuto societario". Ai sensi dell'articolo 93, attribuisce alle provincie la competenza esclusiva per l'istruzione pubblica. All'interno di quella sezione, fornisce ulteriori "diritti confessionali" esclusivi a determinati cittadini come protezione contro la tirannia della maggioranza in una società democratica.

Significativamente, questi diritti riconoscono che alcuni obiettivi sociali nell'istruzione possono essere raggiunti solo attraverso una triage di scuola, famiglia e chiesa, ognuno dei quali si rafforza a vicenda, fornendo contesto e obiettivi. Per amor di discussione, chiamatela un'alleanza naturale di interessi reciproci,
Senza impegnarsi in iperboli drammatiche, lo scorso 17 settembre, con un “colpo di Stato incruento”, la “scuola” ha eliminato la “chiesa” da quella trilogia. In un colpo solo, ha anche eliminato i diritti confessionali dei genitori cattolici sanciti dalla Costituzione.

Nulla accade per caso. Due settimane fa avevamo commentato la storia trattata da un quotidiano di Toronto su una ragazza non cattolica, adolescente, che sta facendo causa allo York Catholic District School Board (YCDSB) per discriminazione religiosa. Lei è musulmana. Il Catholic Board aveva accolto lei e la sua famiglia. Qualcuno l'ha convinta che sarebbe servito ai suoi interessi futuri cercare la posizione di amministratore fiduciario per gli studenti.

Vi è, tuttavia, la scomoda condizione che un fiduciario deve sostenere e promuovere gli interessi dell'organizzazione che pretende di rappresentare. In questo caso, un sistema educativo cattolico. Un ulteriore prerequisito è che qualsiasi fiduciario dimostri di essere un "elettore cattolico" - o un figlio di esso in questo caso. Un altro ancora è che il fiduciario prescelto faccia un giuramento di fedeltà al magistero (il rappresentante della Chiesa riconosciuto dalla Costituzione come il custode ufficiale del "collegamento con la fede").

Se i genitori della giovane lo capiscono, devono sicuramente essere imbarazzati dal modo in cui hanno mancato di rispetto all'ospitalità di chi li ha accolti. Il loro provveditorato ospitante, lo YCDSB, non può fare a meno di difendere i diritti costituzionali della sua comunità cattolica madre. I sostenitori della ragazza hanno altri interessi.

Il TCDSB si è "occupato" di questo tipo di problema sin dalle ultime elezioni. Tre dei suoi trustee adulti non soddisfano il test dell’”elettore cattolico" - ci sono arrivati ​​con mezzi fraudolenti (uno è attualmente un candidato NDP).

Un altro fiduciario, che è stato pubblicamente accusato di misoginia e più recentemente di diffamazione (vedi la storia in un'altra pagina di questa edizione) ha promosso l'elezione di studenti non cattolici come fiduciari a causa del suo odio per i cattolici tradizionali.

Giovedì, in una riunione del TCDSB in cui si discutevano i punti all'ordine del giorno, la questione del giuramento è stata sollevata quando il fiduciario Del Grande ha chiesto, in modo concreto, se il nuovo fiduciario studentesco avesse prestato giuramento. No, era la risposta.

Il direttore si è rifiutato di impegnarsi, lasciando parlare il suo avvocato: il giuramento non è nella legge sull'istruzione e noi applichiamo la legge. Se i fiduciari desiderano il giuramento (noto come Dedica di Servizio) possono presentare una mozione in tal senso, ha aggiunto freddamente.

È già presente nello statuto del Consiglio, numero 175. Nello specifico, il paragrafo 3.3.1 stabilisce che “nell'anno scolastico in cui sono eletti tutti i Fiduciari, il Servizio di Dedica dovrà aver luogo nell'Assemblea Inaugurale, e dovrà essere, salvo e fino a diversa disposizione di delibera, il 'Commissioning of Catholic Trustees' ". Dovrà significa, in termini di legge, obbligatorio.

L'avvocato e il Direttore, entrambi sanno che senza quel Servizio di Dedica il provveditorato non può considerarsi cattolico. Sanno anche che lo Statuto nazionale dice che nulla nella legge sull'istruzione può essere usato per diminuire i diritti dei cattolici di avere il loro sistema scolastico. Quel diritto non può essere protetto e/o fatto valere da fiduciari laici che potrebbero non credere nel sistema o non essere nemmeno qualificati per parlare dei suoi valori attorno al tavolo. Ci stanno provando ugualmente.

Se il cardinale non si muoverà presto, cederà i diritti cattolici a chissà chi. Potrebbe anche essere "accusato" da genitori preoccupati, per non aver fatto il suo dovere, così rischiando anche la sua posizione.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.