Nessun mandato chiaro
dopo il 20 settembre

di Joe Volpe del September 23, 2021

TORONTO - Non ci sono esperti obiettivi per interpretare, e soprattutto mettere in pratica, i risultati di queste ultime elezioni in Canada. Alcuni osservatori sono più informati di altri sui precedenti. Ma, trattandosi di un atto politico e non di una decisione esecutiva di un tribunale, tutto è negoziabile, entro limiti generalmente accettati.

A meno che un Partito non ottenga un risultato del 50% più uno (o più) seggi alla Camera dei Comuni, nessuno ha un mandato chiaro per governare. L'unico vantaggio generalmente concesso ad un Partito con il maggior numero di parlamentari è la possibilità di rivolgersi al Governatore Generale, il GG, (in un sistema congressuale come quello italiano, il Presidente) con una proposta di governo prima di qualsiasi altro Partito.

Il leader di quel partito deve convincere il GG che lei/lui ha i voti per ottenere l'approvazione di un bilancio, cioè su proposta di stabilità fiscale. Se il GG concede tale privilegio a una delle parti, il partito di governo deve garantire l'approvazione del "Money Bill", oppure il GG può chiedere a un'altra parte di dimostrare capacità di poter ottenere la maggioranza alla Camera.

Oggi nessun partito da solo può farlo. Mr. Trudeau (nella foto, tratta dal suo profilo Twitter), ad esempio, nonostante abbia il maggior numero di parlamentari, può mantenere la sua posizione solo se riesce a convincere altri dodici o più parlamentari di (un) altro partito a sostenerlo sui "Money Bills". Si tratta di proposte legislative per tassare e per spendere il denaro pubblico.

Nulla impedisce a qualsiasi altro leader di partito di mettere insieme un gabinetto e cercare di convincere il GG che il proprio governo ha più potere di resistenza. È già successo in passato recente.

Nel 2008, a seguito di un'elezione che ha prodotto un risultato come l'altro giorno, tre partiti - Liberali, NDP e Bloc - hanno firmato un accordo di condivisione del potere progettato per impedire ai conservatori di prendere il controllo del governo. I tre non hanno aspettato di sconfiggere i conservatori alla Camera. Il GG decise contro l'iniziativa. L'accordo è fallito quando gli affari della Camera sono ripresi e il governo conservatore è sopravvissuto per altri due anni e mezzo.

Prima di allora, nel 1985, dopo che un'elezione provinciale ha prodotto una circostanza simile in Ontario, il vicegovernatore ha dato il potere a una coalizione liberale-NDP il giorno in cui il governo conservatore [di minoranza] neoeletto ha perso un voto nella legislatura.

Oggi, nulla impedisce a O'Toole e ai suoi conservatori di stringere un accordo, un patto, con gli altri partiti per estromettere i liberali dal governo e formare un governo senza andare a un'altra elezione. L'NDP ha già affermato che il suo sostegno è subordinato alla tassazione dei multimiliardari. Il Bloc vuole più soldi - senza vincoli - per il Québec.

I leader che non sono disposti a negoziare potrebbero scoprire che le loro carriere politiche potrebbero essere di breve durata. I canadesi non eleggono dittatori. Preferiscono negoziatori e praticanti dell'arte della politica. L'unico mandato che concedono ai politici è il privilegio e l'opportunità di eseguire la pratica della politica.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.