MDG vs TCDSB:
confutazioni nell'assurdità

di Joe Volpe del 3 November 2022

TORONTO - Avevo la sensazione di essere stato trasportato indietro nel tempo, ai giorni del Selvaggio West Americano, quando un imperterrito vigilantismo poteva mettere in atto impiccagioni in modo da poter valutare la forza della corda.

Le trascrizioni della confutazione alla presentazione del dottor Lugosi (non ancora disponibile al momento in cui scriviamo) del caso Del Grande vs TCDSB, se i miei appunti e i miei ricordi servono al loro scopo, mostreranno quanto sia vulnerabile il cittadino comune all'arroganza organizzativa.

Lugosi aveva descritto in che modo il consiglio dei fiduciari (TCDSB) avesse violato fatti, leggi e principi legali nel suo capovolgimento dell'accertamento di "innocenza" nelle accuse di cattiva condotta scagliate contro Del Grande. Il team legale del Ministero del Procuratore Generale (MAG), un trio composto da David Tortell, Waleed Malik e Adrienne Ralph, inviato a "proteggere" gli interessi del TCDSB come presunto agente del Ministro dell'Istruzione, ha voluto affrontare diverse questioni.

In primo luogo, Tortell ha affermato che Del Grande non ha soddisfatto il test di una "difesa della sezione 93". L'articolo 93 fa riferimento alla sezione della Costituzione relativa alle autorità provinciali in materia di istruzione. Serve anche come base per i limiti costituzionali ai poteri del ministro sui consigli scolastici. L'argomento in questione riguardava "l'eccessivo sbilanciamento del fiduciario" in un evento di condotta locale. Il ministro non ha alcuna autorità per influenzare il contenuto del Codice di Condotta, ma soltanto che esistesse un Codice.

Lugosi ha assicurato alla Corte di non aver fatto affidamento su alcuna difesa della Sezione 93. Tortell sembrava deluso.

In secondo luogo, il suo collega Malik, apparentemente imperterrito, ha deciso di distribuire alla Corte alcune sconcertanti "pepite di arroganza": (1) l'obbligo del ministro di fornire sicurezza nell'interesse dell'attuazione delle politiche di inclusione prevale sulla libertà di parola e di religione; (2) in questo caso di Del Grande, «la limitazione dei diritti della Carta è modesta». È come dire che una donna “può essere un po' incinta”.

Gli avvocati (Christine Muir, Adrian Pell ed Eric Roher) di Borden Ladner Gervais (BLG) hanno portato avanti la posizione del TCDSB. BLG è lo studio legale che aveva fornito al TCDSB la consulenza legale (Eric Roher) permettendo l’inversione della decisione pro del Grande riguardo il Codice di Condotta.

Muir ha ipotizzato che le politiche e i regolamenti del TCDSB possono essere modificati [essenzialmente per capriccio] indipendentemente dal fatto che trattino questioni operative o questioni non materiali [risorse] - la "tesi di Roher". La "ragione" alla base di ciò, secondo Muir, è che la legislazione vigente (l'Education Act) è "uno statuto vivente" e conferisce alle giurisdizioni subordinate tutte le sue autorità espresse o implicite.

Ne consegue, secondo BLG, e parafrasando ai fini della reductio ad absurdum, che i fiduciari di un Provveditorato potrebbero esercitare una qualunque autorità che, a loro discrezione, possa essere stata immaginata da legislatori troppo distratti per vedere il mondo attraverso lenti chiare. Il lettore avrà in precedenza già conosciuta la prepotenza: lo faccio perché posso, che tu sia d'accordo o meno.

Inoltre, in breve, Muir ha trascurato l'obbligo di fornire "nuove prove" (de novo) a sostegno della riapertura di una determinazione/decisione legalmente vincolante adottata da un qualsiasi consiglio, come vuole la legge.

Invece, le precedenti denunce registrate prima della decisione sono state riportate. Muir ha insistito, ancora una volta, parafrasando, nulla sull'Equità Legale si applica [a questo o qualsiasi] Provveditorato. Wow!

Questo è il pensiero offerto dallo studio legale che consiglia il direttore del TCDSB, Brendan Browne. Almeno cinque avvocati-investigatori del College of Teachers (il 15% dei partecipanti al tribunale virtuale) si saranno strofinati le mani per trovare il modo di mantenere viva la "causa" per la loro organizzazione e il loro leader/cancelliere, il dott. Derek Haime.

Domani: la sintesi del dottor Lugosi

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.