L'OCT si immischia
negli affari costituzionali

di Joe Volpe del 11 November 2022

TORONTO - Questa è la settimana in cui gli amministratori scolastici neoeletti si impegnano in due esercizi molto importanti.

In primo luogo, prestano giuramento alla "Corona" e alle leggi in vigore [nella loro giurisdizione] del Paese. Se sono stati eletti in un Provveditorato Cattolico, sono anche legalmente, eticamente e moralmente obbligati a giurare fedeltà al Magistero che determina la definizione dell'etica e dei valori cattolici.

In secondo luogo, svolgono attività di “mercato delle vacche” (supporto reciproco) per incarichi di prestigio e compensi aggiuntivi in ​​qualità di Presidente, Vicepresidente del Consiglio e Comitati dello stesso, e di rappresentare il Provveditorato presso altri enti pubblici. E questa attività comprende anche alcune "chicche".

Queste "chicche" tendono a distorcere la realtà. Gli amministratori hanno un ruolo centrale nell'attuazione dei desideri dei genitori [i loro diritti come genitori] per l'educazione e la formazione dei loro figli. Questi includono, ma non sono limitati a, le abilità meccaniche di "lettura, scrittura e aritmetica" e i fattori socioculturali che contribuiscono alla buona cittadinanza.

Non è possibile sbagliare: non inventano il curriculum interpretano l'ideologia e la filosofia del Magistero per ciò che costituisce il Cattolicesimo. Entrambe le autorità sono inserite nella Costituzione in giurisdizioni che non includono i consigli scolastici. I genitori hanno sempre in mano la briscola.

Parte di questo è al centro del dibattito sull'ideologia, l'identità e l'affermazione di genere. Diversi Provveditorati ed i loro fiduciari hanno assunto una posizione estremamente di sinistra sulla questione dell' "identità di genere" (le autorità britanniche ne hanno riconosciute più di settanta, anche se dall'anno scorso Facebook aveva ridotto il numero a quindici). I consigli scolastici più tradizionali continuano a rispettare gli identificatori biologici alla nascita.

Ma non tutti lo fanno. Il Provveditorato di Halton si è recentemente trovato nell'occhio della tempesta politica quando un insegnante (maschio?) ha deciso di indossare in classe [quelle che sembrano] gigantesche protesi mammarie e pantaloncini di lattice sotto una minigonna. Apparentemente, gli studenti non possono fare lo stesso, ma il Provveditorato è al fianco dell'insegnante. L'Albo degli insegnanti non si è ancora pronunciato sull'adeguatezza di tale condotta professionale.

Nel Toronto Catholic District School Board (TCDSB), sotto la guida di un carrierista, woke, direttore, alcuni trustee si sono scatenati nella persecuzione dei loro colleghi meno woke. Sembrano essersi concentrati su Michael Del Grande, ex Direttore del Provveditorato nonché assessore al Bilancio al Comune di Toronto.

Quel direttore, un ex sovrintendente del Provveditorato (pubblico) del distretto di Toronto, sembra determinato a secolarizzare il TCDSB ed a sminuire il ruolo del Cattolicesimo nel sistema. È aiutato dalla sua direttrice delle comunicazioni, Shazia Vlahos, che ha fatto parte del consiglio direttivo del 519 Church Street Community Center, mentre Del Grande veniva criticato per aver sostenuto le opinioni cattoliche sull'istruzione che ha giurato di sostenere e promuovere, nel 2018 e ogni anno successivo, come previsto dalla legge.

Quel Community Center è la sede di un gruppo di pressione (lobbisti) che riceve almeno due milioni di dollari all'anno in denaro pubblico per promuovere questioni che vanno contro l'etica religiosa delle scuole cattoliche.

Due settimane fa, Del Grande era finalmente in tribunale per difendere i suoi diritti di individuo e di funzionario eletto in materia di procedura, diritto amministrativo ed equità. Qualunque sia il risultato, per Del Grande non sarà finito il calvario.

L'Ontario College of Teachers (OCT) ha popolato il pubblico di 34 membri (giudici, funzionari del tribunale, parti in causa e persone come il sottoscritto che hanno espresso interesse come "osservatori") con non meno di cinque dei propri avvocati/ investigatori.

Il Corriere ha condotto una propria ricerca sulle motivazioni dell'OCT. Pubblicheremo i nostri risultati nelle prossime edizioni. Non gettano una luce piacevole sull’Albo degli insegnanti o sul loro organo direttivo. Durante quella ricerca, abbiamo contattato, senza risposta, l'OCT, le persone e i denuncianti (senza nome) su cui l'OCT pretende di fare affidamento per le loro azioni.

Questo è per la prossima settimana. Basti dire che alcuni genitori si stanno mobilitando per garantire che certi amministratori di cui sopra si ricusino dal voto per la presidenza perché, a loro avviso, se Del Grande dovesse vincere, le conseguenze risultanti comporteranno sicuramente problemi di violazione del Codice di Condotta per Fiduciari e accuse di conflitto di interessi.

Nella foto in alto, da sinistra: Michael Del Grande, Fr. Claudio Piccinini e Monsignor Ambrose Sheehy in un'immagine pubblicata su www.campaignlifecoalition.com relativa all'attribuzione del "Joseph P. Borowski Award" a Del Grande

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.