La sicurezza come prima
questione elettorale

di Joe Volpe del August 16, 2021

TORONTO - L'esperienza ci dice che alcune decisioni sono semplicemente sbagliate. Punto. Le prendiamo tutti. I governi, non importa quanto potenti o ben intenzionati siano, lo fanno anche loro. Alla fine, tornano a morderci nel didietro, per così dire.

La famigerata guerra in Afghanistan è un classico esempio. Cosa c'entra con noi l'Afghanistan, a 10.000 km dal Canada, senza sbocco sul mare e ora uno dei paesi più poveri del mondo, ci si potrebbe chiedere?

La risposta è contenuta in cinque parole: gli Stati Uniti d'America. Il mese prossimo, gli Stati Uniti e i loro alleati (noi siamo uno di loro) commemoreranno il famigerato attacco terroristico alle Torri Gemelle di New York City. Gli autori, attentatori suicidi sauditi, sono stati ispirati e finanziati da Osama Bin Laden, che aveva cercato e ricevuto rifugio dal governo talebano “ultra-ortodosso islamista” in Afghanistan.

Gli Stati Uniti hanno fatto pressione sui suoi alleati per formare una "Coalizione dei volenterosi" [stati] per vendicarsi e ristrutturare la cultura del paese – militarmente, politicamente, ideologicamente e socialmente. Vent'anni dopo, gli USA si stanno ritirando. Il Canada lo ha fatto nel 2014.

"Dovevamo essere persuasi" a unirci a una "guerra armata" che aveva poco senso, tranne per il fatto che il nostro alleato a sud ci chiedeva di farlo. La logica era tutta quella di combattere "l'islamismo radicale", correggere la discriminazione contro donne e ragazze, aprire scuole e ospedali e costruire un'infrastruttura fisica per portare l'economia dell'Afghanistan nel ventunesimo secolo. Giustificazioni nobili, ingenue o ingannevoli?

La guerra in Afghanistan si è rivelata la guerra più duratura del Canada. Circa 40.000 membri delle forze armate canadesi hanno servito almeno una rotazione in una campagna di 12 anni che si è conclusa misericordiosamente nel 2014. Sette civili canadesi e 158 soldati sono morti durante le missioni. Molti altri sono stati feriti, fisicamente e psicologicamente. Alcuni si sono suicidati.

In termini di spesa materiale, anche se le stime variano a seconda delle matrici applicate, il Canada ha speso direttamente 15 miliardi di dollari e altri 2 miliardi di dollari in infrastrutture. Questi erano numeri impressionanti prima che la spesa per il Covid non cambiasse le prospettive di spesa. Le spese americane hanno superato la soglia dei trilioni di dollari.

L'Afghanistan è ora il più grande produttore ed esportatore di oppio al mondo. Secondo l'Office of Drug Control Policy (ODCP) del presidente degli Stati Uniti, l'Afghanistan rappresenta circa il 90% della produzione illecita globale di oppio. Il suo principale oppiaceo è l'eroina, il cui valore di mercato è stimato in 55 miliardi di dollari americani.

Gli americani, allegramente, incolpano le condizioni che loro stessi hanno contribuito a creare senza assumersi alcuna responsabilità. Sotto il presidente Obama, ha affermato che "c'è una relazione simbiotica tra i narcotrafficanti e gli insorti, poiché i narcotrafficanti forniscono entrate e armi all'insurrezione, mentre gli insorti forniscono protezione ai coltivatori e ai trafficanti per impedire al governo di interferire con le loro attività. " Nulla che la potenza militare degli Stati Uniti e dei suoi alleati potesse impedire.

Inoltre, ha proseguito, "la corruzione legata alla droga continua a minare gli sforzi internazionali di ricostruzione e il buon governo, poiché i funzionari del governo abusano delle loro posizioni beneficiando finanziariamente del traffico di droga... La responsabilità di frenare la produzione e il traffico di eroina risiede principalmente nei Paesi dai quali hanno origine. La redditività della coltivazione del papavero da oppio e la mancanza di risorse o impegno da parte dei governi regionali per implementare la sostituzione delle colture, lo sviluppo alternativo o l'eradicazione sono fattori chiave che impediscono progressi significativi…” In altre parole, “cosa stiamo facendo qui”?

Rispetto al Canada, l'Afghanistan è praticamente economicamente indigente. È importante separare le nostre opinioni sulla sua gente da quelle che attribuiamo al suo "governo", se non altro per il fatto che siamo stati complici nel rendere quest'ultimo disfunzionale.

Sette anni fa, il Canada ha abbandonato la missione afghana. Venerdì, sette anni dopo, in previsione dei disordini che seguiranno quando i talebani riprenderanno il controllo completo e imminente, il governo canadese ha annunciato che si sta preparando a fornire asilo a 20mila rifugiati afgani.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.