Il vescovo di Hamilton, Douglas Crosby,
guida lo Scisma nella chiesa cattolica

di Joe Volpe del April 26, 2021

Francamente, non mi preoccupa personalmente come, se o in che cosa le opinioni del vescovo Crosby (nella foto) differiscono dalle opinioni ufficiali del Vaticano sul Cattolicesimo. Non risponde alle telefonate né risponde alle domande di posta elettronica della stampa come la nostra. Siamo un giornale laico.

Detto questo, il giorno successivo ad un incontro del provveditorato cattolico agli studi, il vescovo Crosby ha espulso uno dei suoi sacerdoti dalla sua diocesi, perché’ lui, padre Roginski, aveva delegato per il simbolismo cattolico all'Halton Catholic District School Board (HCDSB) il 20 aprile. Sembra che padre Roginski, con il quale (come col vescovo Crosby) il Corriere e il suo staff non hanno mai parlato, non si sia consultato con il suo vescovo (Crosby) sui valori cattolici che è stato addestrato a spiegare e promuovere.

Ciò potrebbe aver irritato il Vescovo le cui opinioni su alcuni di questi valori potrebbero essere in contrasto con quelle del Papa in qualità di Magistero. Probabilmente non lo sapremo perché l'ufficio del delegato del Magistero, il nunzio apostolico, non è ancora stato ricoperto. Comodo per il vescovo Crosby.

Quindi, "di punto in bianco", l'HCDSB ha convocato una riunione di emergenza per considerare "diversi elementi", inclusa la denominazione di una scuola. Non sappiamo ancora se il Vescovo o padre Roginski difenderanno le loro posizioni davanti al Consiglio o chiunque abbia presentato la richiesta per la riunione urgente. Nessuno risponde alle richieste di commento e, al momento della stampa, non siamo stati in grado di rintracciare padre Roginski. In qualche modo, però, 93 persone hanno saputo dell'incontro entro domenica mattina e hanno inviato lettere prendendo posizione sull'argomento più caro al Vescovo. Non siamo stati in grado di verificare se tutti fossero idonei sostenitori della scuola cattolica ai fini della legge sull'istruzione, o se in realtà fossero residenti nella giurisdizione.

Sappiamo che una lettera importante proviene da un'organizzazione a Thunder Bay. Inoltre, 37 delle 93 lettere di commento erano duplicati di quelle presentate per la riunione del 20 agosto. Una rapida analisi di tutti rivela un'assenza di questioni relative ai diritti costituzionalmente radicati per quei cittadini cattolici, alla loro riaffermazione nella Carta dei Diritti, nella Legge sull'Istruzione, nella giurisprudenza e nel Codice dei Diritti Umani.

Tuttavia, i sostenitori della scuola cattolica potrebbero vedere quei diritti erosi senza un giusto processo, semplicemente perché il vescovo locale, a dispetto dell'autorità del magistero riconosciuta sia dal diritto canonico che dallo statuto canadese, sta valutando una questione in cui gli amministratori di qualsiasi consiglio locale non hanno competenza o giurisdizione da determinare.

Il vescovo Crosby lo sa meglio. Per parafrasare Papa Francesco che ha fornito la guida: puoi scegliere di fare [questo] ed essere cattolico o fare / essere qualcos'altro, ma poi non sei cattolico. Non importa al Corriere; molte persone non lo sono.

È vero che i cattolici godono di diritti storici e attivi nella costituzione e nella legge sull'istruzione. Ci sono ragioni testate nel tempo per questo - ragioni testate anche nei tribunali (giusto processo).

Se qualcun altro si comportasse come sembra fare il vescovo Crosby, sarebbe accusato di agire come un dispotico signore feudale.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento

 

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.