Il tono, le grida e l’identità nazionale

di Joe Volpe del September 6, 2021

TORONTO - Non c'è bisogno di aspettare gli "altri dibattiti" della prossima settimana per determinare chi vincerà la campagna elettorale. Per quanto riguarda il dibattito riservato all'importantissimo collegio elettorale del Québec, tutte le questioni sono state risolte. Non c'è altro da dire o sentire.

Il Bloc Quebecois è riuscito a stabilire le regole di base; gli altri partiti si sono arrampicati su sé stessi per mettersi in riga. Il paese - il Canada - al suo meglio può essere solo un "partner alla pari" per le "nazioni" che convivono sotto il suo [restringente] ombrello. La “Nazione” quebecchese (popolazione: 5,5 milioni) è la più grande in un territorio (il Canada) che ospita circa 700 Nazioni aborigene e uguali. Non ce ne sono altre.

È un vecchio tema. Di conseguenza, la piattaforma elettorale di qualsiasi sostanza deve invariabilmente riguardare (a) l'aumento nelle quantità di fondi trasferite (!) ad un'altra giurisdizione e (b) chi dovrebbe stabilire obiettivi e condizioni per il consumo di tali somme - indipendentemente dal programma in base al quale potrebbero essere trasferite. Pur essendo grossolano equivale al concetto: "dammi e togliti di mezzo". Jean-Francois Blanchet del Blocco è stato, purtroppo, eloquente nella sua semplicità chiedendo come i burocrati di Ottawa possano affermare di essere più efficaci nell'identificare e risolvere i problemi immediati per i Quebecois rispetto al proprio governo nazionale. Le politiche economiche, sociali e internazionali rientrano convenientemente, e in modo subordinato, all'interno di quella domanda retorica.

Con le loro risposte e le loro performance, gli altri hanno finito per dare “legittimità” a quella premessa. Eppure, per definizione, una campagna federale abbraccia gli interessi comuni dei canadesi dall’Atlantico al Pacifico. Non c’è niente più da fare o da dire. Come dicono in inglese, “Game over" per la sostanza.

Non sorprende che gli interventi si siano trasformati in esibizioni di [finta] spavalderia, aggressione e affermazioni esagerate di "pro-Francofonia". Il signor Trudeau ha affermato che il suo partito ha sempre fatto molto e di più: è il primo ministro. Il signor O'Toole ha affermato la sua posizione per aumentare i trasferimenti e farsi da parte: vuole essere Primo Ministro. Il signor Singh ha affermato di avere problemi a prendere sul serio il signor Trudeau e lui, il signor Singh, dovrebbe invece essere il primo ministro. Il signor Blanchet non vuole fare il Primo Ministro perché la vera autorità risiede a Quebec City, sede della legislatura provinciale e sede della giurisdizione nazionalista.

Dopo aver scambiato frecciatine sulla gestione della pandemia, sui tempi delle elezioni e aver espresso diligentemente preoccupazione emotiva e compassionevole per la rivolta religiosa in Afghanistan, hanno concluso il loro dibattito. Almeno i quebecchesi ora sanno di aver lasciato il loro segno sugli aspiranti al potere.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

 

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.