Il giudice attivista LGBT Corbett
potrebbe salvare Lecce
dai suoi pasticci

di Joe Volpe del August 9, 2021

TORONTO - Lecce potrebbe ancora riuscire nel suo piano di eliminare il sistema delle Scuole Cattoliche. Non sembra disposto “a preoccuparsi dei sentimenti degli altri”. Preso nel mezzo di un caso legale carico di questioni costituzionali (diritti provinciali, libertà religiosa, diritti dei cattolici romani e [potenziale] abuso d'ufficio da parte di un ministro) tra il fiduciario Del Grande e il Toronto Catholic District School Board (TCDSB), il suo Ministero ha fatto il “Gioco del Calendario” sperando nella disponibilità successiva di un giudice “favorevole”.

I documenti del tribunale ottenuti dal Corriere Canadese attraverso la Canadian National Multilingual News Agency (CNMNG) suggeriscono che ci riusciranno. Il giudice Corbett ha convocato una conferenza sul caso il 5 agosto 2021, per "esporre" le sue reazioni iniziali alle osservazioni scritte e le sue indicazioni per "andare avanti" alle parti.

Il giudice David Corbett è diventato famoso nel 2002 quando presentò un caso celebre (Hall v Durham Catholic District School Board) che coinvolgeva un adolescente desideroso di essere accompagnato dal suo amante gay al ballo dei diplomati della scuola.

All'epoca, l'avvocato Corbett riuscì con successo a convincere il giudice che presiedeva l'udienza argomentando che, in base alla ricezione di "fondi pubblici", il Consiglio non poteva impedire al ragazzo di partecipare al ballo, anche se la sua condotta era contraria ai valori dell'etica cattolica.

Il giudice poi ordinò al Consiglio di consentire a Marc Hall e al suo accompagnatore di partecipare e lasciò irrisolte altre questioni costituzionali. Dopo il ballo, Hall ha abbandonato il caso, per ragioni che esulano dallo scopo di questo articolo.

David Corbett, un avvocato specializzato in contenziosi, era anche direttore di un'organizzazione LGBTQ, Foundation for Equal Families, che promuoveva i diritti delle coppie dello stesso sesso. L'anno successivo (2003) è stato nominato giudice della Corte Superiore dell'Ontario dove serve attualmente.

Nessuna riflessione, oggi, sul suo punto di vista (il Corriere non ha ancora avuto accesso al verbale della conferenza), ma i Ministeri della Procura Generale e dell'Istruzione sarebbero stati euforici di trovarsi di fronte un giudice il cui background potrebbe essere visto come simpatizzante per una causa ostile ai diritti cattolici, vero o no.

In un ironico scherzo del destino, tra le altre questioni che sarebbero al di fuori della giurisdizione della sua Corte, il giudice Corbett starebbe "sedendo in giudizio" sui diritti di un consiglio cattolico contro quelli di uno dei suoi fiduciari cattolici su una questione fondamentale di cosa costituisce “valori cattolici”. Corbett non si è ricusato.

I documenti del tribunale ottenuti dal CNMNG e dal Corriere, hanno delineato una posizione meticolosamente argomentata per un controllo giurisdizionale di due decisioni del TCDSB in cui il consigliere ha cercato di annullare una decisione presa il 20 agosto 2020 di esonerare Del Grande da qualsiasi cattiva condotta nella sua difesa dei valori cattolici. Alcuni attivisti radicali, coadiuvati da tre fiduciari la cui idoneità alla carica è dubbia, sono riusciti a far ribaltare la decisione il 12 novembre per poi riaffermare quest’ultima in una successiva votazione nel dicembre dello stesso anno.

I fiduciari scolastici con opinioni simili a Del Grande nel provveditorato hanno definito il risultato "abominevole".

I documenti del tribunale ottenuti dalla CNMNG e dal Corriere suggeriscono un'interferenza del ministro Lecce che sembrerebbe aver oltrepassato la sua autorità e abusato dei diritti costituzionali degli elettori cattolici romani nel processo.

È stato lui a dirigere Renu Mandhane, ex capo della Commissione per i diritti umani, a chiedere che tutti i consigli scolastici – ovviamente cattolici – istituiscano Codici di Condotta riconoscendo il primato del Codice dei diritti umani su diritti religiosi, leggi e costituzione. Le obiezioni di Del Grande hanno portato alla polemica. In attesa che un interrogatorio diretto del Ministro in un Tribunale avrebbe messo a nudo le questioni, il team legale di Del Grande ha incluso Lecce nella domanda di Riesame Giudiziario.

Potrebbe essere l'ultima cosa che un ministro e un governo in difficoltà vorrebbero politicamente. Finora, Lecce è riuscito ad allontanare virtualmente ogni elemento dello spettro educativo. Negli ultimi anni, il cattolicesimo, i valori cattolici e il sistema scolastico cattolico sono stati oggetto di attacchi implacabili sia dall'interno che dall'esterno. È solo una questione di tempo prima che parta un "contrattacco".

I cattolici godono del diritto costituzionale di avere il proprio sistema scolastico e, dall'ultimo censimento, Statistics Canada ha riportato che un cittadino su tre (32%) in Ontario è cattolico - il "gruppo religioso" identificabile che segue si trova a uno su cinque (20 %).

A Lecce non sembrerebbe interessare molto. Resta da vedere se il giudice Corbett riuscirà a guidarlo nell’attraversare il pantano in cui si trova a causa sua.

(Articolo scritto con la collaborazione di P. Pajdo)

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.