Il buon Dio ha chiamato
Joe Comuzzi al suo fianco

di Joe Volpe del 3 January 2022

TORONTO - L'Onorevole Joe Comuzzi (nella foto sopra), mio ​​amico da trentatré anni fin dal 1988 (quando fummo entrambi eletti per servire nel Parlamento canadese), è morto alla vigilia di Capodanno. Per vent'anni, fino al suo ritiro nel 2008, è stato anche il mio "fratello maggiore", come si autodefiniva. Per mia fortuna, non ho protestato troppo vigorosamente. Non eravamo parenti.

Non è mia intenzione riflettere sulle sue immense doti politiche né sul suo impegno civile; avrei dovuto mantenere il mio impegno nello scrivere quel libro sulle mie esperienze politiche per tributargli il giusto merito. Piuttosto, il riferimento al fratello maggiore ha lo scopo di parlare delle sue qualità, la cui perdita viene rappresentata con la sua scomparsa e la gratitudine che noi, ed io in particolare, dobbiamo a lui e alla sua famiglia.

Non gli avevo chiesto di interpretare quel ruolo. Ha insistito per vegliare su di me, per darmi consigli che lo volessi o no, per farmi da mentore, per badare a me, per educarmi come fanno i Canadesi del Nord, per insegnarmi la silvicoltura e il commercio del legname, il ruolo del governo per la sopravvivenza del Nord (come in Ontario, principalmente), l'importanza del settore dei trasporti per l'unità canadese e il rapporto con le comunità aborigene come parte integrante della diversità dei popoli in Canada. E questo è solo l'inizio.

Le mie amichevoli proteste, cioè che io fossi un parlamentare di Toronto, non di Thunder Bay, scorrevano da lui come l'acqua da un'anatra. Diceva quasi scherzosamente: "Toronto ha parlamentari più che sufficienti per rovinare le cose. Sii diverso. Thunder Bay ha bisogno di un parlamentare da Toronto; noi del Nord ci accontenteremo con quello che possiamo ottenere... e quello saresti tu. Inoltre, cos'altro farai in Parlamento, esercitare le tue capacità oratorie? Guardati intorno, tutti gli altri leggono da testi preparati. A proposito, Ottawa può rovinare il matrimonio; sei giovane e hai una famiglia giovane. Il lavoro ti terrà fuori dai guai. "

In altre parole, non mi avrebbe concesso la libertà di scelta. Il problema per me era che lui era un pozzo senza fondo di conoscenza e acume. Dalla creazione di reti, alla competenza amministrativa, alla comprensione delle questioni nazionali dal bilinguismo alle relazioni Canada-USA, al commercio internazionale, al lavoro e alla difesa delle comunità aborigene e dei popoli di diversa estrazione, era senza paragoni. Ci lavorava sopra.

Ho sviluppato l'impressione che quell'uomo avesse un'instancabile etica del lavoro, “temperata” solo dalla devozione alla sua famiglia e alla sua religione.

Sua moglie Janet mi raccontava di come all'età di 40 anni sia tornato a scuola per laurearsi in legge, per poi lavorare come procuratore della Corona, viaggiando attraverso l'Ontario settentrionale (un territorio quasi tre volte più grande di tutta l’Italia) per mantenere viva l'immagine della giustizia canadese presso gli aborigeni e le piccolissime cittadine con singola attività industriale che punteggiavano le foreste boreali. Janet ha confidato che spesso sentiva che avrebbe potuto aver paura di “far crescere il muschio sotto i suoi piedi". Non era il caso di preoccuparsi.

Joe Comuzzi con la moglie Janet

Lui era guidato, quasi ossessionato, dal bisogno di essere accurato nella sua ricerca e in qualsiasi sua presa di "posizione". Ogni funzionario istituzionale, ricercatore della Biblioteca del Parlamento, rappresentante del settore industriale, parlamentari delle Commissioni parlamentari collegate o associazioni parlamentari interessate avrebbero dovuto formare una linea verso il suo ufficio per ricevere input o fungere da cassa di risonanza. Questo accadeva quando eravamo all'opposizione, in "panchina" o nel governo.

Il suo ufficio era di fronte al mio; ha chiesto che anch'io mi unissi alla linea - per la mia educazione, avrebbe aggiunto. Solo la sua famiglia poteva interrompere lo svolgimento della sua attività. Trattava i suoi elettori come la sua famiglia... me, come il suo [eventuale] sostituto. Non ero sempre un partecipante disponibile, e per questa esitazione mi sarei guadagnato il suo rimprovero: "Sarai uno che conterà parecchio da queste parti; faresti meglio a iniziare a comportarti come se fossi pronto a imparare qualcosa sulla gente di questo Paese e sulle sue priorità".

Prima di insediarci nel Consiglio dei ministri, mi fece rifiutare un viaggio in Italia per promuovere le iniziative di un'agenzia turistica in una regione meridionale della Penisola perché aveva già organizzato un esercizio di lobbying negli Stati Uniti. In tre giorni, incontrammo 96 senatori, rappresentanti della Camera, il Segretario del Commercio (poi con il suo vice e personale di alto livello), vari presidenti di commissioni e lobbisti del settore forestale.

Senza scuse, ora farebbe notare che questo esercizio richiede attenzione continua se "noi [canadesi]" vogliamo che gli americani ci prendano sul serio. Quando alla fine siamo entrati entrambi al governo, ho pensato che lui avrebbe dovuto essere la scelta più ovvia per le relazioni Canada-USA (affari globali, difesa, commercio internazionale ecc.). Tuttavia, essendo la meschinità quello che è, anche ai massimi livelli... ma ha continuato a combattere. Apparentemente "loro" lo consideravano un "pensatore indipendente". Chissà cosa "loro" pensavano di tutti gli altri.

Non importa, questa riflessione riguarda un uomo che ha capito e ha dimostrato un senso di scopo anche quando gli altri hanno cercato una via d'uscita facile e a breve termine. Ha lavorato per soluzioni mettendo a rischio la propria posizione nel processo. È una caratteristica dell'abilità di vita inerente a "una persona con un senso dell'onore" purtroppo raramente vista nella struttura di valori di oggi.

Quando la questione del matrimonio tra persone dello stesso sesso ha minacciato di lacerare il governo nel 2005, si è offerto silenziosamente di ritirarsi, mettere a tacere il suo disaccordo e lavorare dietro le quinte per fornire protezione a coloro che hanno un diverso valore religioso. So che è stata dura. È stata l'unica volta che l'ho sentito mettere in discussione la sanità mentale di alcuni giudici della Corte Suprema che ci hanno chiesto di legiferare secondo la loro decisione.

“Sono entrato nel mondo politico per facilitare, non per ostacolare”, mi diceva, “il trucco della vita è sapere quando devi passare dall'uno all'altro e quando devi farti da parte”. Più tardi nella nostra carriera politica, le piccole menti del suo Partito e del mio, nonostante la nostra posizione quasi insignificante in Parlamento, tracciarono una linea nella sabbia costringendolo a scegliere tra il Partito e il sostegno ai programmi di cura del cancro nel Centro sanitario regionale di Thunder Bay.

Il caso mi ha ricordato la citazione attribuita a San Tomaso More in Inghilterra, nell’epoca Riformista del XVI secolo: "Non riporre la tua fede nei principi". Il Partito ha perso un'icona di integrità politica. Thunder Bay ha ottenuto i suoi finanziamenti per l'assistenza sanitaria.

Altri hanno continuato a beneficiare della sua instancabile energia fino a quando il buon Dio e sua moglie lo hanno chiamato al loro fianco, il 31 dicembre. Era un grande modello. Non ho avuto la possibilità di dirgli addio.

Anche se può sembrare sconveniente e autoindulgente, ecco come Janet ha spiegato alle sue figlie chi ero io quando ci siamo incontrati per la prima volta alla cena di un congresso, mentre io e Joe eravamo occupati nel prestare attenzione ai militanti: "è una versione più giovane di tuo padre”.

Un gran complimento, Janet. Grazie. Possiate tu e Joe riposare in pace.

Joe Comuzzi con la moglie, il figlio e le figlie in occasione del quarantesimo anniversario di matrimonio nel 1995: da sinistra, Jim, Deb, Janet, Joe, Mary-Kit ed Elizabeth

 

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.