Il bigottismo anti-cattolico
è un vero problema in Canada

di Joe Volpe del 24 October 2022

TORONTO - Abbiamo preso in prestito il titolo da una colonna scritta da Jamil Jivani, scrittore/conduttore/avvocato, per il National Post lo scorso 18 ottobre. Ha proseguito affermando che i cattolici, come gruppo di canadesi, “hanno subito il più alto picco di crimini ispirati dall'odio lo scorso anno". Sostiene la sua premessa con i fatti. Il signor Jivani è un sostenitore rispettabile e coerente di “equilibrio, equità e inclusione”. È anche membro di una minoranza visibile.

L'agenzia di stampa Canadian Press, alla quale molti media mainstream si affidano per le notizie, il 22 ottobre è uscita con un titolo: I candidati municipali dell'Ontario affrontano "l'odio organizzato" mentre la campagna si avvicina alla fine. L'autrice del pezzo, Holly McKenzie-Sutter, ha affermato che "Con il giorno delle votazioni fissato per lunedì alle elezioni municipali e dei consigli scolastici in tutto l'Ontario, alcuni candidati devono affrontare una retorica intensa e ostile mentre presentano i loro nomi nelle schede elettorali locali". Chi sono quegli odiatori?

La CBC, che riceve 1,5 miliardi di dollari all'anno dalle casse pubbliche, ha mandato in onda e pubblicato questo "gioiello": Decine di candidati anti-trans partecipano alle elezioni dei consigli scolastici dell'Ontario. Questo "allarme" è stato suonato dagli scrittori Jonathan Montpetit e Lori Ward. Sono preoccupati per il fatto che "Con il sostegno di diversi gruppi conservatori, alcuni candidati stanno giurando di porre fine all'educazione sessuale inclusiva".

Montpetit, Ward e la CBC probabilmente non sanno che Statistics Canada ha pubblicato i risultati demografici del censimento del 2021 che collocano la popolazione eterosessuale al 99,66% del totale. Forse quei canadesi vogliono mantenere ciò che hanno guadagnato per la loro progenie. Senza necessariamente discriminare lo 0.00333 che potrebbe essere non binario. Sfortunatamente, Montpetit, Ward e i loro editori sembrano dispiacersi / risentirsi per le persone "conservatrici" che non fanno parte del terzo dell'uno per cento non binario della popolazione canadese.

La maggior parte, anche se non tutti, questi “conservativi” sono associati ad organizzazioni cattoliche/cristiane perché la loro religione disapprova l'incoraggiamento di comportamenti sessuali non binari. Inoltre, i genitori resistono a tali programmi perché prevengono l'autorità dei genitori quando si tratta di insegnare la moralità sessuale.

Le scuole cattoliche considerano tale educazione sessuale come programma e non come diritto. Inoltre, la costituzione sancisce il loro diritto a seguire la loro guida religiosa. I fiduciari non hanno l'autorità per allontanarle da lì o per interpretare come tali diritti dovrebbero essere applicati in una classe o in un ambiente scolastico.

Queste sono posizioni politiche legittime; non sono portatrici d'odio. I genitori hanno l'obbligo di selezionare fiduciari che tutelino i loro diritti costituzionali. Non sarà nessuno di quelli proposti dalla CBC, né di parte.

A Toronto, il Corriere (un'organizzazione poco conservatrice) ha applaudito il valore di candidati come Mazarakis, Rodriguez, Del Grande, Lubinski, Christiano, Tanuan e Crawford. Ci piacciono anche D'Amico, Di Giorgio e Martino. E chiediamo l'espulsione di Li Preti, De Domenico e Rizzo. Questi tre sono anticattolici fomentatori di odio e cattivi per l'istruzione, religiosa o meno.

Siamo stati altrettanto fermi ad Halton, dove la cosa migliore che potrebbe accadere sarebbe il rifiuto di fiduciari come Duarte, Agnew e O'Hearne-Czarnota e chiunque sia supportato da "odiatori" negli Halton Parents for Change. Sul lato positivo, c'è la speranza offerta da Iantomasi e Karabela.

York ha la sua serie di sfide con le dimissioni di alcuni amministratori esperti e competenti, ma gli elettori cattolici saranno ben serviti da Iafrate, Saggese, Di Meo, Fracassi, Alexander e Grella.

I nostri figli e nipoti si affidano a voi che escludete i cattivi e votate per i buoni. Oggi, 24 ottobre, è un giorno cruciale per loro. Votate!

Nella foto in alto, l'articolo del National Post sul sito del quotidiano

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.