HCDSB, teatro
dell’assolutamente assurdo

di Joe Volpe del November 1, 2021

TORONTO - Probabilmente non sanno cosa stanno facendo. Escludendo la presenza di un deus ex machina codardo che lavora dietro le quinte, non si possono spiegare le macchinazioni dei fiduciari in alcuni consigli scolastici cattolici per diminuire i diritti costituzionali degli elettori cattolici nel loro stesso sistema scolastico.

I trustee sono stati eletti per sostenere e promuovere quei diritti, cioè l'ideologia e i valori della famiglia ("la cultura") che la loro religione sposa e difende. Non hanno cercato l'elezione per eroderli o eliminarli. Intrinsecamente, lavorare ora contro quegli stessi valori mette ciascuno di loro in una posizione di conflitto con il loro mandato. Se avessero integrità, si dimetterebbero.

Al contrario, sollevano questioni progettate per evocare indignazione e fanatismo contro gli stessi principi che professano di sostenere: l'etica cattolica. Potrebbero essere fuorviati. Non sono né qualificati né autorizzati a interpretare gli insegnamenti che compongono quell'etica. Inoltre, tale compito non fa parte del loro mandato; e poi, nonostante le loro affermazioni, l'esistenza di scuole cattoliche non è una prova prima facie (a prima vista) di discriminazione nei confronti dei non cattolici. Questi hanno uguale accesso a un'istruzione simile, meno la componente religiosa o quella basata sui valori della stessa.

Nessuno oggi è obbligato a frequentare le scuole cattoliche. L'argomento fazioso del "finanziamento pubblico" riflette una conoscenza incompleta o scarsa delle basi di finanziamento per le scuole e i consigli scolastici. Fino a poco tempo fa (1985), le scuole erano finanziate quasi esclusivamente da contribuenti locali. La disuguaglianza nel finanziamento ha limitato i cattolici alle classi elementari mentre i contribuenti cattolici hanno finanziato le scuole superiori pubbliche non cattoliche.

La formula di finanziamento è stata modificata per bilanciare tale iniquità, ma i diritti [confessionali] sanciti dalla Costituzione non possono essere modificati per quanto i nemici dell'educazione cattolica possano aver voluto farlo. In effetti, tali diritti sono stati contestati e rafforzati da decisioni della Corte. Tutt’ora, malgrado una politica di immigrazione vista da molti come non favorevole alla gente proveniente da paesi cattolici, i “fedeli” compongo il 33% della popolazione in Ontario. Nessun’altra gamma demografica confessionale si avvicina.

Gli “odiatori dei cattolici” (non c'è bisogno di essere diplomatici qui, alcuni addirittura si professano cattolici) non persistono. Le loro tattiche si evolvono per adattarsi all'occasione. Il problema più recente è ora che i consigli "dovrebbero" dare agli studenti non cattolici delle scuole superiori il diritto di servire come amministratori fiduciari nei consigli cattolici. Il Corriere Canadese, un giornale laico, l'ha definito un argomento da cavallo di Troia.

Da un punto di vista aziendale, a torto o a ragione, solo gli "elettori cattolici idonei" (e per estensione, i loro stessi figli) possono far parte del consiglio di amministrazione delle scuole cattoliche. Per coloro che pensano che la "fertilizzazione incrociata" sia più importante dell'"apprendimento", i tribunali possono risolvere la questione al loro posto. In effetti, almeno un caso (da York) è attualmente all'esame dei tribunali.

Tuttavia, un certo fiduciario Agnew nel consiglio scolastico del distretto cattolico di Halton (HCDSB) presenterà una mozione il 2 novembre per fare spazio a uno studente fiduciario non cattolico che faccia parte del suo consiglio. Lei deve essere impaziente, o ha una conoscenza preliminare della decisione della Corte, o è una spaccona o sarà semplicemente "sprovvista di buon senso". Cosa succederà se la Corte emetta una decisione negativa? Un consiglio non può approvare leggi o politiche inapplicabili che siano contrarie alla legge sull'istruzione o alla Costituzione.

Non è tutto. Evidentemente la trustee Agnew o parte del suo gruppo presenteranno o provocheranno la presentazione di una mozione davanti al Comitato per le politiche e le procedure, il cui presidente è il suo alleato, la fiduciaria Guzzo, che attualmente sta affrontando dodici accuse di frode. La prossima apparizione in tribunale di Guzzo è prevista per il 16 novembre. Secondo la polizia e i documenti del tribunale pubblicamente disponibili, i suoi accusatori sono ex datori di lavoro presso LiUNA (Labourers' International Union of North America) Locali 1110 e 3000.

Il comitato della signora Guzzo sovrintende alle questioni del Codice di condotta degli amministratori fiduciari, ma non si è ricusata. Né il presidente, Patrick Murphy, né il direttore, Pat Daly, l'hanno avvertita di farlo, secondo un settimanale locale. Né loro, né Agnew, né Guzzo hanno risposto alle telefonate fatte dal Corriere per un commento.

Un contribuente cattolico (il cui nome è nascosto su sua richiesta), chiamando il Corriere da Halton, ha espresso frustrazione per il fatto che questi "odiatori dei cattolici" si siano intrufolati nel Consiglio e ora lo stiano sistematicamente spaccando dall'interno. Chi sta rendendo questo possibile, ha chiesto? Il Ministro Lecce? Il Vescovo Crosby?

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.