Donna, una parola
che non tramonta mai

di Joe Volpe del October 21, 2021

TORONTO - Se quanto segue suona come "polemica di carattere politico”, state tranquilli che non è mia intenzione essere o sembrare di parte. Alcune cose sono così palesemente assurde che anche il meno istruito tra noi dovrebbe capirne il senso. Il nostro giornale si occupa di riportare notizie, fornire un minimo di analisi obiettiva e commentare questioni di interesse generale. Occasionalmente, ci concediamo pezzi di opinione incentrati su "personalità che sono sotto i riflettori pubblici" perché hanno un ruolo pubblicamente assegnato, che offre loro meriti o critiche in base a come adempiono ai loro obblighi nei confronti del pubblico.

Un elemento che dovrebbe essere messo a tacere con grande fretta è la crescente tendenza a disumanizzare i pronomi. Avete letto bene. Qualcuno un giorno si è "svegliato" e ha detto che la radice di tutti i mali sociali è la nostra propensione a classificare nomi e pronomi come maschili o femminili.

Immaginatelo. Il prezzo della benzina (e del greggio) sta salendo alle stelle; i prezzi delle case sono in aumento esponenziale; la nostra economia si sta trasformando sotto i nostri occhi; le spese militari stanno crescendo a passi da gigante; i prezzi del cibo sono così alti che naturalmente stringeremo la cinghia; la violenza sta lasciando una macchia più che mai sulla società urbana; vediamo... devo aver dimenticato qualcosa...

Ah sì, siamo ancora nel bel mezzo di una pandemia e il numero di morti ad essa attribuito è al di là del fantastico in Canada come altrove (se accettiamo o meno le cause e le conseguenze) e nessuno può indicare con sicurezza i dati scientifici - l'interazione di molecole specifiche che producono un risultato particolare o possono essere manipolate per prevenirne uno - che offre soluzioni durature.

Va bene. Il VERO problema è che la società si aggrappa a nozioni obsolete riguardo ai sessi e ai loro potenziali ruoli nello schema della creazione. Specifichiamo, anche a rischio di offendere alcune anime sensibili. Di recente, dopo le elezioni federali, un candidato sconfitto (Inch Allah) ci ha invitato a immaginare l'ingiustizia di un "individuo in stato di gravidanza” che non è in grado di ottenere l'attenzione di cui "loro" avrebbero bisogno quando il momento richiederebbe attenzione. Non ci riuscivo a farlo.

Per me “un individuo in stato di gravidanza”, uno scientificamente, biologicamente e anatomicamente capace di partorire non poteva che essere una “donna”. Martedì, una stazione televisiva locale, orgogliosa di fornire notizie aggiornate, si è intrecciata in un proverbiale nodo facendo riferimento agli "individui incinti" e alle "loro" difficoltà, arrivando a mostrare solo le "pance gonfie" di quegli "individui” durante la narrazione.

Nessuno nella nostra redazione riusciva a capire il punto di disumanizzare l'atto della gravidanza e l'aura quasi mistica che avvolge le donne che stanno per diventare madri. Diciamo quello che piace delle società patriarcali, gli europei generalmente si avvicinano al venerare le proprie madri, sai... le donne il cui utero ha dato loro la vita.

Tornando all'incidente televisivo, il cronista in campo ha provato in un paio di volte ad “accompagnare” la farsa fino a quando, per idea o per abitudine, è ripiombato nelle tradizionali “donne incinte” per chiudere l'articolo.

Questa artificiosa "assurdità del pronome" finalizzata al cambiamento trasformazionale ha così offeso alcuni dei burocrati che ho ereditato come personale dopo aver prestato giuramento come ministro, che uno disse apertamente: "Ministro, ci chieda di fare qualsiasi cosa, ma per favore stia lontano da queste sciocchezze del vocabolario”. Erano altri tempi.
La scorsa settimana, il Toronto Star ha pubblicato un pezzo scritto dalla sua più venerabile scrittrice (che non ho mai incontrato e con cui non sono sempre stato d'accordo) in cui ha denigrato il fatto che ci potrebbe presto essere proibito usare la parola "donna". Tutto perché qualcuno si è “svegliato”.

Foto di Regina Petkovic da Pixabay

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.