Campagna elettorale,
ancora confuso(a)?

di Joe Volpe del August 19, 2021

TORONTO - La campagna elettorale è appena iniziata e ci sono guai all'orizzonte. Alcune organizzazioni della campagna dovranno "semplificare le questioni", per se stessi, così come per l'elettorato. Tanto per cominciare, tutte le squadre in lizza sembrano aver accettato il motto politico secondo cui "tutta politica è locale". Per quanto volgare possa sembrare, il tema centrale per l'elettore è "parlami dopo che l'assegno ha superato la banca".

Il leader del CPC, Erin O'Toole, probabilmente tirando fuori dal cilindro un coniglio à la Stephen Harper, ha deciso che un'esenzione fiscale è proprio ciò che il medico ha ordinato per guarire il Covid e le relative questioni economiche. Infatti, non si tratta di alcun taglio fiscale ma solo dell'odiata componente GST (5% su tutti i beni e servizi) dell'HST (l’IVA per chi italiano); e quasi tutti ne sentono gli effetti.

Ora non dovremmo pagarlo. Che sollievo per il contribuente… anche se dura solo un mese. Gli adeguamenti che rivenditori e fornitori potrebbero dover implementare per consegnare... beh, questa è un'altra storia.

"Il taglio" presumibilmente stimolerà ulteriori consumi, quindi la crescita economica e porterà alla creazione di posti di lavoro. Altrettanto importante per i conservatori è l'opportunità di aggiungere un'etichetta ai cartelli della loro campagna all'effetto di "cancelleremo la GST". Sembra un messaggio chiaro, concentrato. Sarà sufficiente per iniziare a far rotolare la loro palla?

Forse no, ma supera la questione principale che "tormenta" i liberali proprio mentre il governatore generale ha accettato la loro richiesta di proroga del Parlamento e di indire le elezioni. Ecco "sotto i riflettori" – l’Afghanistan – il simbolo supremo del perché i temi degli affari globali sono raramente un problema vincente a livello nazionale. È un cimitero storico per i colonialisti stranieri: greci, mongoli, indiani, britannici, russi e ora americani con i loro alleati.

I suoi militari sono vestiti con divise che ricordano gli abiti stracciati di seconda mano appartenenti alla proverbiale gente di strada. Le loro armi sono [forse] solo un passo avanti rispetto a quelle disponibili per i teppisti di strada, ma hanno fatto tremare e ritirare le più grandi potenze militari, umiliandole.

Come paese, l'Afghanistan è economicamente povero per i nostri standard. La sua popolazione è di 38 milioni, più o meno la dimensione del Canada. La sua produzione economica misurabile (non clandestina) o PIL, secondo Statista, è di appena 20 miliardi di dollari. La Banca Mondiale calcola il suo potere d'acquisto a $ 2.087 pro capite, rispetto ai $ 49.000 del Canada.

Come hanno finalmente ammesso gli USA, dopo 20 anni di infruttuoso coinvolgimento, è il “buco nero” della politica pubblica per i paesi occidentali. Non c'è niente da comprare, meno da coltivare senza contare la materia prima per gli oppiacei. L'America se n’è andata senza sì e senza ma. Il Canada sta seguendo l'esempio, coprendo le sue tracce con un “piano” difficile da spiegare che prevede l'insediamento di 20.000 afgani all'interno del nostro programma di immigrazione.

Una fonte vicina a Global Affairs, non autorizzata a parlare per suo conto e solo a condizione di anonimato, afferma che potrebbe essere una manovra insostenibile e inutile. Insiste che il numero di canadesi e del loro personale di supporto afghano sia nell'ordine delle centinaia, ma al massimo non supera i 1.000, nella migliore delle ipotesi richiedendo forse due aerei Boeing 747 per il trasferimento. Quante risorse servono per “salvare” 20.000, senza personale per “processare” le loro pratiche e con gli estremisti musulmani talebani “al cancello” e con i ferri ai denti? Il Canada ha già chiuso la sua ambasciata.

Da parte loro, l'NDP, per qualche motivo inspiegabile, hanno lanciato la campagna elettorale lamentandosi del fatto che alcune proposte di legge ora “moriranno sull’ordine del giorno”. Sono particolarmente preoccupati che il disegno di legge C-6, che modifica il Codice penale per vietare la consulenza e l'erogazione di terapia di conversione per i minori affetti di disforia di genere, verrebbe ora perso. Alcuni genitori possono tirare un sospiro di sollievo.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.