Albo degli insegnanti:
siamo arrivati a questo?

di Joe Volpe del 15 November 2022

TORONTO - Alcune organizzazioni "professionali" spendono risorse fantastiche per preservare la propria reputazione organizzativa. La loro integrità è una garanzia per il pubblico che i membri dell'organizzazione sono affidabili nel fornire prodotti e servizi buoni/eccellenti al pubblico. Recatevi negli studi di un medico, un dentista, un ingegnere ecc. e vedrete l'esposizione in evidenza di certificati e lauree che attestano la loro competenza.

L'Ontario College of Teachers (OCT), l’Albo degli insegnanti, aspira da decenni a trasmettere la sua capacità di garantire lo stesso livello di “gravitas” da parte dei suoi membri. Ma non ci sono ancora arrivati.

Per prima cosa, l'OCT non ha una procedura di aggiudicazione inattaccabile e trasparente nella gestione dei reclami lanciati contro i suoi membri. In secondo luogo, le sue "indagini" sulle denunce risultano stravaganti o dispettose. Inoltre, sembra aver dimenticato il suo ruolo centrale: preparare gli insegnanti all'arte di impartire abilità meccaniche (quantificabili) e analisi deduttiva.

Dovrebbe essere relativamente semplice. L'OCT richiede ora altri due anni di studio e formazione dopo il conferimento di una laurea B.A. prima di rilasciare una licenza di Bachelor of Education.

Da lì, l'OCT potrebbe essere in grado di assicurare al pubblico che i suoi docenti membri, nell'esecuzione dei loro obblighi contrattuali, si comportano con manifesta professionalità. Non possiamo essere sicuri che il Registrar/CEO dell'OCT capisca cosa significhi o abbia il coraggio di farlo rispettare. Peggio ancora, i consigli scolastici non si rivolgono all'OCT per una guida nel mantenimento della "professionalità" quando trattano con i loro studenti.

Un esempio calzante è l'insegnante di Oakville dell'Halton District School Board (HDSB) che ha attirato l'attenzione internazionale [unanimemente negativa] per il suo modo di vestire preferito: indossare protesi mammarie gigantesche - "secondo il proprio genere vissuto", in un'aula scolastica.

Di fronte a quella che normalmente potrebbe essere considerata un'indignazione pubblica per la farsa, l'HDSB è rimasto al fianco dell'insegnante. Ha preferito trattare questa "controversia" come una questione di codice di abbigliamento. Il Consiglio dei Trustee ha chiesto al Direttore, Curtis Ennis, e al Sovrintendente alle Risorse Umane, Sari Taha, una relazione che delinei se, (1) "l'imposizione di un codice di abbigliamento sarebbe ammissibile dal punto di vista del lavoro e del diritto del lavoro" e (2) se potrebbe “sollevare preoccupazioni in relazione agli obblighi del Provveditorato ai sensi del Codice dei Diritti Umani”.

Niente su un eventuale controllo con l'OCT riguardo il "comportamento professionale". Ennis e Taha hanno consultato l'Ontario Labour Relations Act (Board) e il Tribunale per i diritti umani per "testare" le loro conclusioni.

Rispetto al primo concerno (sopra), il "test" comporterebbe coerenza con il contratto collettivo, ragionevolezza e capacità di coerente applicabilità. Per quanto riguarda il secondo, hanno esaminato "l'impatto che le politiche del codice di abbigliamento possono avere sui membri della comunità transgender".

Il loro rapporto finale, reso pubblico l'8 novembre 2022, non esprimeva alcuna indicazione che l'HSDB ritenesse necessario consultare l'OCT, l' "organismo" che ha formato/certificato tutti i suoi insegnanti.

In assenza del contributo dell'OCT, il Rapporto conclude: “se il datore di lavoro desidera promuovere una cultura di professionalità, rispetto, equità e inclusione, un codice di abbigliamento o uno standard di toelettatura veramente ragionevoli e non discriminatori molto probabilmente non darebbero i risultati attesi”. In parole povere, nessuno può stabilire norme di "comportamento professionale" in questo ambiente.

PER LEGGERE IL DOCUMENTO COMPLETO, CLICCATE QUI: HCDSB DRESS CODE

Un portavoce dell'HSDB, Heather Francey, in risposta alle nostre domande via e-mail per l'elaborazione dell'articolo, ha dichiarato: "Il nostro consiglio scolastico ... continua a gestire questa questione in un modo che rimanga fedele ai nostri valori e all'impegno per i diritti umani [... ma...] noi non discuteremo pubblicamente, né possiamo farlo, di qualsiasi questione che identifichi il nostro personale direttamente o indirettamente... (enfasi aggiunta). Il consiglio non si preoccupa più "Carattere"?

Nessuno menziona il ruolo dell'OCT e la condotta professionale. Forse non è interessato a disciplinare un insegnante in classe, o uno che è woke.

Tuttavia, nell'udienza della causa Del Grande vs TCDSB del 19 ottobre, l'OCT aveva almeno cinque (5) avvocati/investigatori presenti. Si può solo dedurre che stavano prendendo appunti per l'imminente "udienza disciplinare" interna dell'OCT contro un insegnante non praticante.

Guardate dove siamo arrivati. La sua grande offesa sembrerebbe essere la sua dedizione come fiduciario cattolico. In realtà non ha mai insegnato in una classe, pur avendo conseguito un certificato di insegnamento valido.

Potrebbe non essere di moda essere cattolico oggi, ma questa non dovrebbe servire come scusa per l'OCT, un'organizzazione finanziata pubblicamente, per impegnarsi in una caccia alle streghe progettata per corrodere i diritti dei cattolici sanciti dalla Costituzione.

Che vergogna per la democrazia.

PER LEGGERE I COMMENTI PRECEDENTI: https://www.corriere.ca/il-commento/

Potrebbero interessarti...

Mugsy Netanyahu
di Ynot il May 16, 2018
Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.