Braccio di ferro ottici-governo,
ancora nessun accordo

di Priscilla Pajdo del October 17, 2021

TORONTO - Il braccio di ferro tra gli ottici dell'Ontario e il governo provinciale continua senza alcun accordo all’orizzonte. Dal 1 ° settembre, quasi il 95% dei 2.500 optometristi della provincia hanno smesso di effettuare esami oculistici di routine assicurati dall'OHIP per le persone di età inferiore ai 20 anni, agli anziani di oltre 65 anni e alle persone con disabilità.

All'inizio di questo mese, il governo dell'Ontario ha offerto in pagamento una tantum di $ 39 milioni come "punto di partenza" a sostegno degli optometristi e come base per i negoziati futuri. Un portavoce del Ministero della Salute (MOH) ha detto al Corriere che, "i pagamenti fluiranno agli optometristi in tutto l'Ontario il 15 ottobre".

"Oltre a questa incentivo di finanziamento una tantum, il nostro governo ha anche offerto di aumentare i rimborsi dell’OHIP agli optometristi dell'8,48%, retroattivi al 1 ° aprile 2021", ha aggiunto. Il MOH ha anche proposto di creare immediatamente un gruppo di lavoro congiunto per collaborare a indagare sul costo operativo.

In risposta al pagamento una tantum, il Dr. Sheldon Salaba, presidente dell'Associazione degli Optometristi dell'Ontario (OAO), ha dichiarato al Corriere, "questo pagamento unico dal governo copre meno di un quarto del deficit di finanziamento per giungere al costo da noi sostenuto per effettuare visite coperte dall’OHIP in un solo anno ".

"A partire da oggi [15 ottobre], oltre 2.100 optometristi hanno scritto al ministro Elliott per spingerla a non dare questi soldi e a raggiungere un accordo in base al quale non riceveremo più il risarcimento più basso di tutto il Canada per un esame oculistico".

La disputa deriva da oltre trent'anni di sottofinanziamento cronico dal governo dell'Ontario. Attualmente, la provincia copre una media del 55% del costo per un esame oculistico assicurato dall'OHIP. L'OAO ha spiegato che del restante 45% deve farsi carico il fornitore e con l'aumento dei costi operativi, il sistema non è più sostenibile.

Secondo il MOH, "l'attuale impasse si trova direttamente ai piedi dell'OAO". Sostengono che "invece di partecipare a negoziati di buona fede, [l'OAO] sceglie di chiedere un risultato positivo prima di consentire ai negoziati di prendere il via".

Il Dr. Salaba sostiene che "l'OAO può confermare che rimaniamo saldamente seduti al tavolo di contrattazione". Pur non potendo fornire dettagli sul processo di negoziazione in quanto rimane in gran parte confidenziale, ha affermato: "Le condizioni fornite dal mediatore non hanno proposto soluzioni a lungo termine". Mentre lo stallo continua, la piena portata dell'impatto per i pazienti assicurati dall'OHIP affetti dall'azione del lavoro rimane sconosciuta.

Tuttavia, la mancanza di una soluzione si aggiunge a una crescente emergenza per la cura degli occhi sulla scia del Covid-19. Un addendum al rapporto di riepilogo, The Cost of Vision Loss and Blindness in Canada: The impact of Covid-19 (September 2021) del Canadian Council of the Blind ha stimato che quasi tre milioni di canadesi non hanno usufruito di servizi optometrici nel 2020, rispetto al 2019.

Per chi soffre delle principali malattie dell'occhio come la cataratta, il glaucoma e la degenerazione maculare legate all'età (AMD), i ritardi nella cura degli occhi possono avere implicazioni serie e continue negli anni a venire. La relazione suggerisce circa 1.437 canadesi hanno perso la vista a causa di esami e cure per gli occhi che sono stati rimandati nel 2020.

Inoltre, il rapporto ha stimato che ci vorrebbero circa due anni per cancellare gli interventi chirurgici della cataratta arretrati. Il costo per smaltire tale arretrato è stimato ad altri $ 129 milioni all'anno.

"Come medici, è la nostra priorità numero uno è di sostenere e difendere il diritto dei nostri pazienti a cure sanitarie di qualità", ha detto il Dr. Salaba. Egli sostiene che il pagamento una tantum di MOH "non porta ad alcuna soluzione o meccanismo a lungo termine per affrontare questa crisi della cura degli occhi". Per ora, i canadesi sono lasciati al buio senza alcuna indicazione su quando verrà raggiunto un possibile accordo.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.