Lotta al Covid-19 e “sfinimento”
per la pandemia

di Priscilla Pajdo del February 12, 2021

TORONTO - Per la maggior parte delle persone, la fatica da Covid è reale. Dopo mesi di precauzioni pandemiche tra cui rimanere a casa e prendere le distanze dalle reti di supporto essenziali, c’è una sensazione travolgente di esaurimento e desiderio di tornare alla normalità. Tuttavia, l’affaticamento cronico è la nuova realtà per numerosi operatori sanitari in prima linea.

Prima della pandemia, i sintomi associati al logorio, come l’ansia e la depressione erano comuni tra gli operatori sanitari, in particolare quelli in prima linea. Vari studi suggeriscono che per loro si è aggiunto lo stress del "rischio di esposizione" giornaliero al Covid-19 che rappresenta un onere maggiore per la loro salute fisica e mentale.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce il "burnout" come "una sindrome concettualizzata come risultante dallo stress cronico sul posto di lavoro che non è stato gestito con successo". È spesso caratterizzato da sentimenti di esaurimento o esaurimento dell’energia, aumento dei sentimenti di negativismo o cinismo legati al proprio lavoro e ridotta efficacia professionale. Gli individui che sperimentano questo logorio, spesso esprimono esaurimento emotivo, fisico e mentale.

Gli operatori sanitari continuano a svolgere un ruolo fondamentale nella risposta del Canada al Covid- 19. Le donne costituiscono in media l’80% della forza lavoro sanitaria canadese. In genere, le donne sono più spesso in ruoli di assistenza familiare primaria. La pandemia non ha fatto altro che esacerbare le pressioni che devono affrontare nel ruolo che assumono.

I ricercatori alla University of Toronto’s Institute of Health Policy, Management and Evaluation at the Dalla Lana School of Public Health, hanno condotto uno studio di revisione rapida per comprendere meglio lo stress, il logorio e la depressione nelle donne nel settore sanitario.

Sebbene vi sia una quantità limitata di prove su interventi efficaci che prevengono lo stress, la depressione e il "burnout" durante una pandemia, i risultati preliminari suggeriscono che le lavoratrici sanitarie sono più a rischio per questi effetti negativi.

Vanessa - un’infermiera registrata (che preferisce non usare il suo cognome) - che ha lavorato direttamente con i pazienti covid-19 durante la prima ondata, ha detto al Corriere Canadese, che "la paura e lo stress costanti sono difficili da sfuggire". Anche seguendo tutti i protocolli necessari e indossando i PPE appropriati non ha alleggerito le sue preoccupazioni. "Mi preoccupavo ogni giorno che il virus si diffondesse tra i pazienti di cui mi prendevo cura, tra i miei colleghi, con il rischio che portassi il virus a casa dalla mia famiglia", aggiunge, "è stato molto pesante per me, fisicamente e mentalmente".

Dopo essersi presa del tempo per affrontare la propria salute e riprendersi dal "burnout", Vanessa, ora lavorando in un ruolo di salute pubblica, continua ad applicare la sua esperienza e competenza nella battaglia contro Covid-19. Nonostante l’ulteriore stress e la pressione che tutti gli operatori sanitari devono affrontare, non ha dissuaso una nuova generazione di persone che si intensificano in questo periodo senza precedenti.

Ad esempio, l’Ontario Universities’ Application Centre segnala che a gennaio sono state presentate oltre 22.500 domande di assistenza infermieristica. Si tratta di un aumento del 17,5% rispetto a un solo anno fa. In Canada, il programma di laurea infermieristica registrata richiede quattro anni per essere completato.

Mentre la pandemia continua fino al suo secondo anno, il settore sanitario canadese deve ancora affrontare un elevato numero di offerte di lavoro, tra cui personale di supporto e infermieri. Il numero di studenti interessati a fare carriera nel settore infermieristico sembra promettente. Tuttavia, ci vorranno anni prima che il sistema sanitario e il personale medico possano sentire meno il peso che subiscono ora.

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.