Crollo tassi di fertilità,
preoccupanti implicazioni politiche

di Priscilla Pajdo del March 19, 2021

TORONTO - Da decenni, i tassi di fecondità globale sono in calo. Settant’anni fa, le donne in età fertile avevano in media cinque figli. Da allora, il numero è sceso della metà a circa 2,4 figli per donna.

Le conseguenze del calo dei tassi di fertilità sono tanto numerose quanto diverse. Periodi di bassa fertilità sostenuta possono influire sulla crescita della popolazione e sull’entità della forza lavoro. Inoltre, può avere implicazioni più ampie per la sicurezza sociale, economica e nazionale.

Diverse ragioni spiegano questa significativa tendenza al ribasso: modernizzazione delle società, diminuzione della mortalità infantile, aumento dei costi di istruzione per i figli, cambiamento dei valori religiosi, misure di controllo delle nascite ed emancipazione delle donne, per citarne alcune.

Ad esempio, sta migliorando l’accesso all’istruzione e la crescente partecipazione femminile al fattore mercato del lavoro, due fattori che contribuiscono a diminuire i tassi di natalità. Riducendo il numero di bambini o ritardando il parto, gli individui potrebbero presumibilmente proseguire la loro istruzione e iniziare una carriera prima di far crescere la famiglia.

Questo approccio alla pianificazione ha i suoi benefici. Potrebbe lavorare a favore di una forza lavoro più qualificata e specializzata e consentire agli individui di accedere a posti di lavoro meglio retribuiti e a un reddito disponibile più elevato. Più soldi significa più acquisti, stimoli di domanda e quindi la crescita dell’occupazione.

Tuttavia, poiché i tassi di fertilità continuano a scendere, i paesi dovranno affrontare sfide nel sostenere gli attuali livelli di popolazione.

I segnali cominciano a mostrare un calo dei tassi di crescita della popolazione. Secondo Our World in Data, la costante tendenza al ribasso del tasso di crescita è evidente da un picco del 2,1% nel 1968 fino a un tasso di crescita dell’1,05% nel 2020.

Per mantenere la popolazione di un paese, il tasso di natalità dovrebbe essere di 2,1 nascite per donna in età fertile. Tuttavia, diverse nazioni ben sviluppate sono al di sotto di questa cifra. Ad esempio, nel 2020, il tasso del Canada ha misurato 1,5 figli per donna. Era stato 3,9 nel 1960 - con un calo di quasi il 60%.

Un fenomeno simile si sta svolgendo in tutta Europa. In Italia, ad esempio, il tasso di natalità è diminuito della metà nel corso di questi sessant’anni. A metà degli anni ’60, le donne italiane hanno dato alla luce una media di 2,5 figli. Nel 2020, quel numero era di 1,3 per donna.

Alcuni demografi hanno ipotizzato che la pandemia potrebbe portare a un baby boom. Durante mesi di lockdown, come passano le coppie il tempo, hanno speculato? Questa teoria della procreazione di massa ha dimostrato, finora, di essere proprio questo – teoria.

Secondo i dati dell’Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT), nel 2020 il Paese ha registrato circa 400.000 nascite, un calo rispetto alle 420.000 del 2019. I dati preliminari di circa 15 città italiane indicano un calo delle nascite del 21,6% rispetto a un anno fa. Nel complesso, ciò potrebbe inoltre indicare un probabile calo delle nascite per il 2021.

Il calo dei tassi di natalità ha implicazioni più ampie. Lo squilibrio nel rapporto tra anziani a carico e persone in età lavorativa è un’altra questione che i responsabili politici dovranno affrontare. Dato che un gruppo più numeroso di adulti anziani esce dalla forza lavoro, dove si troverà chi li sostituisca e chi contribuirà con le tasse necessarie per sostenere i loro diritti pensionistici?

Potrebbero interessarti...

Il quotidiano italiano in Canada
Corriere Canadese
287 Bridgeland Avenue, Toronto, Ontario, Canada, M6A-1Z6
Tel: 416-782-9222 - Fax: 416-782-9333
Email:info@corriere.com
Advertise: advertise@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 200
Obituary ad notice: lomutot@corriere.com - Tel 416-782-9222 ext. 211
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.